Vegatest

Vega test: principi e campi di applicazione

Il Vega test è una tecnica diagnostica utilizzata in naturopatia per individuare eventuali intolleranze alimentari e per valutare la salute generale dei vari organi. Esso si basa sui principi della bioenergetica, secondo i quali il corpo sarebbe un insieme di campi magnetici che variano in risposta a determinati stimoli. Secondo questa teoria, quando l'organismo viene a contatto con cibi che hanno un effetto sbilanciante, come nel caso delle intolleranze alimentari, il quadro bio-elettronico subisce un repentino cambiamento che il Vega test promette di individuare. Il Vega test viene utilizzato per indagare la causa di alcuni disturbi cronici, come dermatiti, cefalee, gastriti, vaginiti, asma, problemi dell'apparato respiratorio, ecc., e per individuare eventuali organi debilitati o intossicati.
Test delle intolleranze alimentari

L'Angelica Tisana a Freddo Depurazione Quotidiana - 15 Filtri [27 gr]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,99€


Cenni di storia: dall'elettroagopuntura al Vega test

Elettro-agopuntura di Voll L'invenzione del Vega test viene comunemente attribuita al medico tedesco Helmut Schimmel, ma fu Reinhold Voll, suo maestro e fondatore dell'elettro-agopuntura diagnostica, a porre le basi per la realizzazione del primo test elettrodermico. Voll, verso la metà del secolo scorso, ideò un sistema diagnostico che, attraverso le alterazioni di carica elettrica riscontrate nei punti dell'agopuntura, situati, secondo la medicina cinese, in corrispondenza di 12 meridiani, potesse rivelare patologie a carico dei corrispondenti organi e apparati. Il medico si accorse che, applicando delle sostanze in corrispondenza di quei punti, avvenivano delle variazioni alla frequenza di ciascun organo. La metodica di Voll fu in seguito perfezionata da Schimmel, il quale nel 1976 mise a punto il vero e proprio Vega test.

  • intolleranze alimentari Nell'alimentazione esistono varie intolleranze difficili da scoprie in poco tempo. Mangiare sano e bene è sicuramente la regola da seguire per un'alimentazione corretta, non bisogna inoltre trascurare...
  • pane poco tollerato L'intolleranza alimentare è una particolare sensibilità a determinati cibi, spesso molto comuni, come il frumento e il latte, le cui cause sono ancora poco chiare e che si manifesta con una varietà di...
  • Alcuni cibi allergenici Dal punto di vista statistico, sono affetti da intolleranze alimentari circa il 3% degli italiani. I primi sintomi che possono far pensare ad un'intolleranza riguardano l'apparato digerente, come dolo...

Battle - Semi Aromatici Cerfoglio (Semi - 10-20Cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,9€
(Risparmi 0,78€)


Come viene effettuato il Vega test

macchina per Vega test Il Vega test è un esame non invasivo e indolore eseguito per mezzo di un'apparecchiatura elettronica in grado di misurare la risposta dell'organismo a determinate sostanze. L'apparecchio è munito di due elettrodi: uno è tenuto in mano dal paziente mentre l'altro è collegato ad uno strumento che registra l'elettro-resistenza delle cute. Un puntale in argento posto, in genere, su un punto della mano, chiude il circuito. L'apparecchiatura è inoltre dotata di una struttura a nido d'ape dove inserire le fiale contenenti le sostanze da testare in forma omeopatizzata. Un calo di energia in corrispondenza di una certa fiala è indice di un'intolleranza alimentare alla sostanza contenuta, oppure di un malfunzionamento dell'organo esaminato. La cura consiste nella temporanea esclusione dell'alimento in questione per valutare se si ha un miglioramento della sintomatologia.


Vegatest: Validità scientifica del Vega test

Skin prick test Il Vega test è ancor oggi un esame piuttosto controverso, la cui validità scientifica non è mai stata riconosciuta dalla medicina ufficiale. Uno studio effettuato nel 2001 da Katelaris e Holgate che metteva a confronto i risultati dei test elettrodermici con quelli dei test cutanei (vedi prick test) ha evidenziato la mancanza di attendibilità del Vega test nella diagnosi delle intolleranze alimentari. I presupposti fisici su cui si fonda generano non poche perplessità tra gli scienziati: concetti di fisica quantistica, elettromagnetismo, frequenza, energia, ecc. mescolati senza un vero nesso logico in un grande calderone. L'intenzione è buona, ma c'è ancora molto da mettere a punto affinché il Vega test diventi una tecnica diagnostica attendibile e accettata dalla comunità scientifica.



COMMENTI SULL' ARTICOLO