Psicofarmaci

Psicofarmaci: principali caratteristiche e storia di queste molecole

Quando si parla di psicofarmaci si fa riferimento a delle sostanze che vantano un utilizzo che risale agli anni cinquanta. Proprio in quegli anni gli psicofarmaci hanno permesso di ridurre nettamente le spese per la salute mentale delle persone rispetto al passato. Questi farmaci sono psicoattivi, ovvero vanno ad agire sul sistema nervoso dell'uomo determinando una serie di effetti benevoli. Nella maggior parte dei casi, gli psicofarmaci vengono prescritti nell'ambito di disturbi psichici anche gravi. Gli psicofarmaci, inoltre, sono delle sostanze che hanno per lo più natura sintetica, anche se non mancano le molecole già presenti in natura e che mediante apposite modifiche hanno permesso di avere sostanze attive. Durante il ventesimo secolo sono stati nettamente approfonditi gli studi sugli psicofarmaci: proprio in questi tempi furono evidenziate le interazioni con neurotrasmettitori nervosi.
Dettaglio del sistema nervoso

La sospensione degli psicofarmaci. Un manuale per i medici prescrittori, i terapeuti, i pazienti e le loro famiglie

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,8€
(Risparmi 4,2€)


Meccanismo d'azione ed indicazioni degli psicofarmaci più comuni

Donna con crisi d'ansia Gli psicofarmaci sono una categoria molto ampia di molecole che hanno effetti a livello del sistema nervoso dell'uomo. Nella maggior parte dei casi si parla di molecole che vanno ad agire con i recettori presenti nel sistema nervoso: i principali sono i recettori nicotinici, muscarinici e tirosin-chinasici. Questi hanno ruolo fondamentale nella biosintesi dei neurotrasmettitori, ovvero quelle molecole che trasmettono velocemente un impulso. Non mancano anche gli enzimi su cui vanno ad agire alcuni psicofarmaci, così da aumentare le concentrazioni fisiologiche dei neurotrasmettitori. Gli psicofarmaci sono sostanze ampiamente utilizzate nei disturbi della psiche: schizofrenia, depressione, ansia, crisi di panico, malinconia prolungata, senso di abbattimento. Grande attenzione va comunque posta al corretto utilizzo degli psicofarmaci che potrebbero provocare diversi effetti collaterali.

  • Persona depressa La depressione, spesso conosciuta col nome di male nero, è diventata la malattia emblema del nostro secolo: si stima, infatti, che essa interessi attualmente oltre 340 milioni di persone con un' incid...
  • Ragazza con attacco di ansia Gli ansiolitici sono farmaci che vengono venduti solo dietro prescrizione medica, poiché un utilizzo inadeguato può causare nel paziente dipendenza fisica con gravi effetti collaterali sulla salute. G...
  • Depressione Vivere un evento particolarmente difficile da affrontare può causare delle reazioni patologiche che influenzano il tono dell'umore portandolo sul polo depressivo. Ci si ritrova a vivere dei periodi af...

Uso di psicofarmaci in situazioni cliniche complesse. Raccomandazioni GRADE basate sulle prove di efficacia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,85€
(Risparmi 1,15€)


Psicofarmaci: categorie ed utilizzi delle varie molecole

Psicofarmaci di vario tipo Esistono diverse categorie di psicofarmaci che vantano un buon utilizzo in diversi disturbi mentali o patologie. Numerosi sono gli antidepressivi che vanno ad aumentare le concentrazioni fisiologiche di serotonina e noradrenalina, due neurotrasmettitori. Fluoxetina, paroxetina, citalopram e sertralina sono tra le molecole più importanti. Ottimi ansiolitici ed ipnotici con un'azione calmante sul sistema nervoso sono il diazepam, zolpidem, lorazepam, clonazepam ed alprazolam. Questi hanno letteralmente sostituito i barbiturici che avevano diverse controindicazioni ed effetti tossici. Esistono anche degli antipsicotici, utili in psicosi e schizofrenia: quelli più usati sono clorpromazina, aloperidolo, olanzapina e aripiprazolo. Ottimi psicofarmaci stimolanti, invece, sono la metamfetamina ed il metilfenidato che stimolano l'azione del sistema nervoso, senza dimenticare gli stabilizzanti dell'umore, come carbonato di litio, carbamazepina ed acido valproico.


Effetti collaterali e controindicazioni degli psicofarmaci da conoscere

Donna con disturbi gastrointestinali La maggior parte degli effetti collaterali degli psicofarmaci si manifestano in caso di utilizzo prolungato di tali sostanze. Molti degli effetti tossici hanno breve durata e possono presentarsi anche per chi ne fa un utilizzo sporadico, ma grande attenzione va posta nella valutazione dei sintomi di tale tossicità. Mal di testa, nausea, costipazione, vomito sono quelli più immediati, fino ad arrivare a quelli più gravi e che si manifestano a lungo termine come disfunzioni erettili, ingrossamento della prostata, problemi alla vista, sonnolenza, sedazione eccessiva, secchezza delle fauci. Nel momento in cui si nota la presenza di un effetto collaterale di grave entità è fondamentale comunicarlo al medico curante. Attenzione anche alle controindicazioni: vanno evitati psicofarmaci nei soggetti allergici o che abbiano manifestato segni di ipersensibilità in passato. Dosaggi ridotti o da evitare anche in caso di gravidanza ed allattamento.




COMMENTI SULL' ARTICOLO