Frattura femore anziano

Frattura femore anziano, i rischi

Le persone in età avanzata ( dai 60 anni in su) sono altamente soggetti al rischio di fratture del femore, poiché le loro articolazioni sono indebolite dall'età, da eventuali malattie come l'osteoporosi, o dalla carenza di calcio. L'ossatura non è più in grado di sostenere il peso corporeo e le altre patologie di cui la persona può soffrire, indeboliscono l'organismo, rendendo le cadute più frequenti e il femore più fragile. Circa il 20% dei pazienti anziani che riportano fratture del femore, non riesce a superare l'incidente. Per gli altri pazienti sono invece elevati i rischi di embolia polmonare ed emorragia, trombosi venosa e difficioltà nella riabilitazione. I soggetti più colpiti dai rischi sono le donne, poiché più spesso soffrono precedentemente alla caduta di osteoporosi, che velocizza il processo degenerativo del tessuto osseo. In seguito alla frattura, possono verificarsi delle complicazioni che rendono la riabilitazione per gli anziani particolarmente difficile.
rischio frattura femore anziano

Il timing delle fratture del femore prossimale nell'anziano

Prezzo: in offerta su Amazon a: 42,5€
(Risparmi 7,5€)


Come avviene la frattura del femore nell'anziano

frattura femore L'anziano è debilitato da diverse patologie e spesso presenta anche disturbi del sonno che indeboliscono il suo fisico, quindi è più soggetto alle cadute. In seguito all'incidente, se si è verificata la frattura, lamenta dolore all'inguine che si protrae fino al ginocchio e fa fatica a rialzarsi. In alcuni casi la frattura è immediatamente visibile, perché la gamba colpita risulta girata verso l'esterno e leggermente più corta del normale. Solo dopo aver effettuato la radiografia, però, è possibile stabilire se la frattura riguarda la testa del femore, il collo, il trocanterio o la parte centrale del femore. In seguito alla frattura, possono verificarsi delle complicazioni che rendono la riabilitazione per gli anziani particolarmente difficile, come la necrosi che spesso compare entro i primi due anni dalla frattura.

  • Paziente sottoposto ad una MOC Tramite l'esame MOC è possibile investigare quale sia il livello di mineralizzazione delle ossa. É un esame che viene eseguito per diagnosticare non solo l’osteoporosi ma anche il rachitismo e l’osteo...
  • Struttura del femore Il femore è l'osso più lungo e voluminoso dello scheletro. Il collo è la parte più soggetta a fratture, per l'enorme carico ponderale a cui è sottoposto e per la sua conformazione. Nei soggetti giovan...
  • Rappresentazione malattie autoimmuni Il termine connettivite indifferenziata è in realtà abbastanza vago: viene utilizzato in medicina per raggruppare in un'unica area diagnostica tutte le malattie autoimmuni che interessano il tessuto c...
  • Risultati esame moc dexa La densitometria ossea è un'analisi clinica, utilizzata per la diagnosi di osteoporosi e osteopenia. Questo esame esprime la densità, in sali minerali, dell'osso riportando il contenuto soprattutto di...

Ducomi® Armando - Bastone da Passeggio in Legno Naturale con Impugnatura Ergonomica (95 cm, Legno Scuro)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€
(Risparmi 15,04€)


Anatomia del femore e punti di frattura

Intervento frattura femore anziano Il femore è l'osso della coscia, che si collega nella parte superiore all'anca e in quella inferiore al ginocchio. Questo osso è composto da una parte centrale allungata (diafisi) e dalle due estremità (epifisi). Il collegamento con l'anca avviene tramite la testa del femore. Subito dopo c'è il collo del femore, che è la parte più soggetta alle fratture, poiché il peso corporeo grava principalmente su questo punto. La frattura può verificarsi all'attaccatura della testa, nel mezzo del collo o alla base. Il frammento che si distacca spesso si sposta verso l'alto. Anche il corpo del femore può rompersi, in questo caso si tratta di frattura del femore distale, in prossimità del ginocchio. Nei casi di frattura, è assolutamente necessario non spostare la persona infortunata, per evitare di aggravare il problema.


Intervento su frattura

Intervento frattura femore Nei casi di frattura si può intervenire chirurgicamente per risaldare l'osso, ma l'intervento nelle persone anziani va valutato attentamente dal medico, perché potrebbe comportare dei rischi ( le persone anziane sono più a rischio per l'anestesia). Nei casi in cui è possibile, si interviene fissando le estremità delle ossa con dei chiodi metallici o placche. Un altro tipo di intervento comporta la sostituzione (parziale o totale) dell'articolazione con una protesi metallica. L'intervento riuscito comporta notevoli vantaggi per il paziente, perché evita di dover rimanere allettato per molto tempo, con la conseguente comparsa di piaghe da decubito e immobilizzazione, senza sottovalutare gli effetti psicologici negativi che la permanenza a letto produce soprattutto negli anziani. La frattura del femore negli anziani provoca in alcuni casi anche la morte, poiché provoca un aggravamento delle condizioni di salute della persona e può causare infezioni.




COMMENTI SULL' ARTICOLO