Antinfiammatorio non steroideo

Cos'è e come funziona un farmaco antinfiammatorio non steroideo

Il farmaco antinfiammatorio non steroideo, spesso abbreviato nel suo acronimo FANS, fa parte della classe dei farmaci che hanno un'azione antinfiammatoria, analgesica, antipiretica e antiaggregante. Il termine fu coniato negli anni '60 per differenziare questo tipo di farmaco dai cortisonici e derivati steroidei. La sua caratteristica principale è quella di agire a livello locale, cioè in un punto preciso del nostro organismo. Nella maggior parte dei casi si tratta di un farmaco da banco che quindi non necessita di ricetta medica ed è facilmente reperibile in qualsiasi farmacia. L'azione dei FANS mira a bloccare la produzione di prostaglandine, prostacicline, trombossani e leucotrieni, molecole coinvolte nei processi infiammatori. L'azione avviene attraverso l'inibizione di un enzima, la cicloossigenasi, che si presenta in due forme diverse la COX1 e la COX2. I FANS agiscono in modo diverso sulle due forme. Questo aiuta la ricerca a fare nuove scoperte circa la tossicità del prodotto.
Efficace negli stati infiammatori

Polpaccio Guaina A Compressione CompressionZ (20-30mmHg) - Uomo & Da donna Tendinite/ Gamba Supporto per Da corsa - Nero, Large 39-46cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,24€


Quando usare un antinfiammatorio non steroideo

Combatte il mal di testa Un antinfiammatorio non steroideo trova numerose applicazioni. Per esempio nelle infiammazioni causate da patologie muscolo-scheletriche o reumatologiche, per quelle articolari o per i trattamenti post-operatori. La sua efficacia è nota per il dolore, da lieve a moderato, di varia origine: dal mal di testa ai dolori mestruali. E' in grado di abbassare la temperatura corporea, quindi funziona anche come antipiretico e, nel caso dell'acido acetilsalicilico, meglio noto come aspirina, si ha anche un effetto antiaggregante che è utile nella terapia di alcune patologie cardiovascolari. Attualmente esistono in commercio una notevole e variegata quantità di FANS. Non ci sono in realtà grosse differenze nell'efficacia e attività antinfiammatoria di questi farmaci, tuttavia quello che può variare molto è la risposta del paziente. Questo significa che la scelta adeguata dell'antinfiammatorio non steroideo deve essere valutata caso per caso.

  • Dieta e salute La dieta è la soluzione per chi desidera perdere peso. Chi desidera dimagrire, in primis decide di ridurre l’apporto calorico dei cibi, cercando di snellire la propria silhouette in un arco di tempo b...
  • massaggio piedi La riflessologia è una vera e propria terapia, che affonda le sue radici nel presupposto che il benessere dell’individuo è influenzato da ogni singolo aspetto della vita di una persona. La riflessolog...
  • seno e chirurgia estetica Una donna per sentirsi tale ha il bisogno di avere un seno che la soddisfi. Di solito nessuna donna riesce ad essere contenta del proprio corpo, c'è insomma sempre qualcosa che non sembra soddisfarla....
  • stress La società odierna impone al nostro stato fisico e mentale degli impulsi sin troppo stressanti che inevitabilmente ci infondono ansia, preoccupazione, depressione, tensione, aggressività e cattivo umo...

Tapefactory24 - Cerotto per kinesio taping da 5 cm x 5 m, 8 rotoli, diversi colori a scelta - Nastro medico fisioterapico ideale per dolori al collo, schiena, ginocchia, braccia, gambe, gola ecc.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,95€


Come assumerli e a cosa non vanno associati

Pillole di antinfiammatorio non steroideo L'assunzione di un antinfiammatorio non steroideo varia in base alla patologia da curare. La somministrazione può avvenire sia per via orale, attraverso delle compresse, sia localmente attraverso creme o gel da applicare sulla zona dolorante. Non sono invece quasi mai utilizzate le supposte. Dati i rischi connessi con l'irritazione della mucosa dello stomaco, si sconsiglia l'assunzione contemporanea di alcool e FANS per la loro capacità di interazione. Occorre poi prestare particolare attenzione all'assunzione di farmaci che trattano l'ipertensione, poichè gli antinfiammatori non steroidei possono causare un aumento della pressione sanguigna. Per evitare altri importanti effetti collaterali o rischiare di vedere annullato l'effetto del farmaco antinfiammatorio non steroideo, devono essere evitati anche i farmaci anticoagulanti, quelli antirigetto, i diuretici, i farmaci per diabetici, quelli antidepressivi a base di litio e quelli che curano l'epilessia.


Antinfiammatorio non steroideo: Controindicazioni e possibili effetti indesiderati dei FANS

Possibile effetto indesiderato Il farmaco antinfiammatorio non steroideo, pur essendo a piccole dosi e per brevi periodi, ben tollerato, può, come tutti i farmaci rivelarsi rischioso se assunto invece cronicamente e in dosi massicce. La problematica maggiore riguarda le mucose gastrointestinali che, nel lungo periodo, ne risulterebbero danneggiate. Una delle conseguenze più gravi può essere infatti quella di sviluppare ulcere, emorragie, insufficienza renale e, solo in rari casi, insufficienza epatica. In generale comunque, anche senza arrivare a situazioni estreme, è possibile riscontrare quali effetti indesiderati: nausea, vomito e bruciore di stomaco. È bene dunque che un'assunzione prolungata venga sempre approvata dal medico. Ad esclusione inoltre dell'acido acetilsalicilico, l'antinfiammatorio non steroideo, può aumentare il rischio di patologie a carico dell'apparato cardiovascolare, soprattutto per i soggetti a rischio. I FANS vanno evitati in gravidanza e assunti con cautela dai pazienti anziani.



COMMENTI SULL' ARTICOLO