Vasculiti

Quale malattia si intende con vasculiti

Quando in medicina si utilizza il termine vasculite, ci si riferisce a una particolare infiammazione dei vasi sanguigni che, a lungo andare, genera veri e propri danni alle pareti dei vasi stessi. Le vasculiti non hanno un'unica causa scatenante e, di tal guisa, ne consegue che diversi sono i sintomi cui a esse si accompagnano e differenti anche i rimedi per curarle. Tendenzialmente, però, si tratta di un gruppo eterogeneo di malattie che vanno differenziandosi non solo per i tipi di organi che colpiscono, ma anche per le anomalie che possono scatenare. Tra i casi di vasculiti più diffusi, rientrano quelli che colpiscono gli arti inferiori, ma non sono rare le vasculiti che interessano i piccoli vasi, comportando l'esplosione dei capillari, quelle che colpiscono i vasi medi, interessando le arterie e, infine, le vasculiti dei grandi vasi, che vanno a incidere sulla valvola aortica. A seconda della patogenesi, si può parlare di vasculiti di tipo granulomatoso e da immunocomplessi.
Vasculiti braccio

Textbook of Systemic Vasculitis

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,97€
(Risparmi 104,14€)


Come riconoscere in modo tempestivo le vasculiti

Vasculiti gambe Derivanti da una pluralità di fattori differenti, riconoscere le vasculiti non è sempre semplice. I sintomi sono diversi e variano ulteriormente da soggetto a soggetto ma, tradizionalmente, le vasculiti sono accompagnate dall'insorgere repentino di macchie sulla pelle, da affaticamento, un affanno prolungato, anche immotivato, e da dolori articolari e muscolari. Spesso, le vasculiti si generano da una sorta di reazione autoimmune derivante da un'infezione non meglio specificata, dall'allergia a un farmaco o, caso molto frequente, portate da un'altra malattia. Se, per alcuni casi, l'eziologia delle vasculiti resta ancora piuttosto incerta, nella maggior parte dei casi, i sintomi variano a seconda dell'organo interessato e dei vasi sanguigni colpiti. Se le vasculiti attaccano i piccoli vasi, possono essere tenute sotto controllo, ma se esse interessano cute, reni e articolazioni, è necessario procedere a un'anamnesi completa, per escludere la correlazione con altri tipi di malattie.

  • Gambe stanche Il nostro corpo è soggetto ogni giorno a forti pressioni, sia fisiche che prettamente mentali e questo al termine della giornata può essere avvertito con estrema stanchezza. Sono però principalmente l...
  • problemi varicocele Il varicocele maschile è una patologia difficile da riconoscere ed individuare. Nello specifico il varicocele maschile può presentare alcuni sintomi, oppure al contrario non presentarne affatto. L'ass...
  • Colesterolo Parlare di colesterolo nel sangue è generico. Tutte le persone, infatti, hanno fisiologicamente il colesterolo, il quale si divide in HDL, detto "colesterolo buono" perché porta i grassi ingeriti con ...
  • Flusso sanguigno La protrombina è una glicoproteina, ossia una proteina legata ad una catena di carboidrati. Essa viene prodotta dal fegato e partecipa a pieno titolo alla formazione del flusso ematico. Infatti, la pr...

Anself intonaco cerotti per articolazioni dolore muscolare per alleviare il mal di schiena gamba ortopedico terapia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


I vari tipi di vasculiti e le analisi necessarie

Vasculite cutaneo Le tipologie di vasculiti sono estremamente eterogenee e riconoscerle a primo impatto, può non essere cosa semplice. Una prima classificazione, vede le vasculiti differenziarsi in idiopatiche e secondarie. Per le vasculiti primarie, ancora oggi, non si è individuata una causa specifica: esse, infatti, possono colpire indifferenti tutti i vasi, i piccoli, i medi e quelli grandi. Rientra in questo gruppo la "porpora di Henoch-Schonlein", malattia che colpisce soprattutto i bambini, causando scompensi renali e interessando i vasi cutanei. Le vasculiti secondarie, invece, pur presentando una diversa sintomatologia, derivano da neoplasie, patologie croniche, infezioni renali e intestinali e da malattie infettive. Per appurare che si tratti di vasculite, il medico potrà prescrivere analisi del sangue e delle urine, proprio per verificare lo stato dell'infiammazione. Tra le vasculiti più comuni si annovera l'arterite temporale, che colpisce testa e collo; l'arterite di Takayasu; la sindrome di Churg-Strauss, che comporta asma, rash e granulomi di diversa grandezza; la malattia di Kawasaki; la Poliarterite nodosa; la Vasculite leucocitoclastica e la Crioglobulinemia mista essenziale.


Vasculiti: Tutte le cure necessarie per combatterle

Vasculite gambe Oltre alle analisi del sangue e delle urine - utili per rilevare la conta piastrinica, anemia, un aumento dei globuli bianchi, proteinuria ed ematuria - in caso di sospetto di vasculiti, il medico può ordinare esami anche più approfonditi, quali biopsia, angiografia, ecografia, tomografia computerizzata, tac e risonanza magnetica, sia con contrasto sia senza contrasto. Per evidenziare il corretto tipo di vasculite, si ricorre a un test immunologico per valutare quanto sia estesa l'infiammazione e la presenza di anticorpi. Quanto ai trattamenti, le vasculiti possono essere trattate con l'uso di farmaci corticosteroidei e immunosoppressivi. Mentre il prednisone si rivela utile per tenere sotto controllo l'infiammazione, l'azatioprina si dimostra tra i più validi alleati del sistema immunitario, inibendo le cellule che provocano l'infiammazione. Nei casi più gravi, può rivelarsi indispensabile un bypass cardiaco o un trapianto di rene per ristabilire il corretto flusso sanguigno.



COMMENTI SULL' ARTICOLO