Bronchite cronica

Che cos'è la bronchite cronica?

La bronchite può essere acuta o cronica. La bronchite acuta si sviluppa da una infezione respiratoria e spesso migliora entro pochi giorni senza effetti durevoli. La bronchite cronica, invece, è una condizione più grave che si sviluppa nel corso del tempo, piuttosto che colpire improvvisamente. E 'caratterizzata da episodi ricorrenti che durano per diversi mesi o anni. L'infiammazione costante nel rivestimento dei bronchi provoca una quantità eccessiva di muco appiccicoso che si accumula nelle vie aeree. Questo limita la quantità di flusso d'aria in entrata e in uscita dei polmoni. Il blocco dell'aria peggiora nel tempo e impedisce una corretta respirazione. Molte persone che hanno la bronchite cronica possono eventualmente sviluppare l'enfisema, che è un tipo di malattia polmonare. Insieme, le due condizioni sono indicate come broncopneumopatia cronica ostruttiva. Tuttavia, molte persone non sanno nemmeno di esserne affette.
Bruciore causato da bronchite cronica

La bronchite cronica e le sue complicanze

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5€
(Risparmi 5€)


Sintomi della bronchite cronica

Tosse persistente Molti sintomi della bronchite cronica si sviluppano lentamente. Spesso si crede erroneamente che la condizione non sia poi così pericolosa per la vita e si è tranquilli fino a quando la patologia arriva ad uno stadio più avanzato. Dopo un lungo periodo di infiammazione e irritazione nei bronchi, la bronchite cronica può provocare diversi sintomi caratteristici, tra cui una persistente e pesante tosse che fa risalire il muco dai polmoni. Il muco si presenta di colore giallo, verde o bianco e, con il passare del tempo, la quantità aumenta gradualmente a causa della maggiore produzione che avviene nei polmoni. L’accumulo nei bronchi limita il flusso d'aria, rendendo difficile la respirazione. Altri sintomi possono includere: fatica, febbre, brividi, fastidio al torace, congestione sinusale, alito cattivo. Quando la bronchite cronica progredisce, i sintomi possono variare in gravità e frequenza. Ad esempio, una tosse può scomparire temporaneamente per poi ritornare in maniera più intensa.

  • sintomi bronchite La bronchite è l'infiammazione della mucosa dei bronchi e può essere acuta o cronica. Nel primo caso le cause sono soprattutto di natura infettiva mentre nel secondo sono generalmente coinvolti fattor...
  • Visita medica alle spalle In genere, il muco alla gola non indica nulla di grave. Anzi, in realtà potrebbe rivelarsi molto utile all’organismo. Nella maggior parte dei casi, funge da lubrificante protettivo per la gola, manten...
  • polmonite La polmonite è una malattia che colpisce l'apparato respiratorio: si tratta più precisamente di un’infezione dei polmoni, quando vengono attaccati da batteri o virus; l'infiammazione costituisce una n...

Grafici Dbios Stampa digitale bronchite cronica Poster laminato Istruzione a muro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,79€


Cosa causa l'infiammazione dei bronchi?

Fumo che ostruisce le vie respiratorie La bronchite cronica si verifica quando il rivestimento dei bronchi si irrita e si infiamma ripetutamente. L'irritazione continua e il gonfiore possono danneggiare le vie respiratorie e causare un accumulo di muco appiccicoso. Di conseguenza la difficoltà di respirazione va sempre più a peggiorare. L'infiammazione può anche danneggiare le ciglia, strutture simili a capelli che aiutano a mantenere lontani i germi e altre sostanze irritanti. Quando le ciglia non funzionano correttamente, le vie respiratorie diventano spesso un terreno fertile per le infezioni batteriche e virali. La bronchite cronica, tuttavia, è più comunemente causata dal fumo di sigaretta, che paralizza momentaneamente le ciglia. Anche il fumo passivo può rappresentare un pericolo. Altre possibili cause comprendono l'esposizione prolungata all'inquinamento atmosferico, fumi industriali o chimici e gas tossici.


Bronchite cronica: Come trattare la bronchite cronica

Trattamento bronchite cronica A seconda della gravità della condizione, il piano di trattamento può variare.Tra i medicinali più utilizzati ci sono i broncodilatatori che aprono le vie aeree dei polmoni, rendendo più facile la respirazione. La sostanza è solitamente inalata attraverso un dispositivo che pompa il farmaco nei polmoni. Altro farmaco è la teofillina, che rilassa i muscoli delle vie aeree in modo da alleviare le difficoltà respiratorie. Se i sintomi non migliorano con un broncodilatatore o la teofillina, il medico potrebbe prescrivere steroidi. Questi farmaci possono essere presi sia con un inalatore che in pillole. La riabilitazione polmonare è un programma che ha lo scopo di migliorare la respirazione e il benessere generale. Spesso si compone di esercizi e consulenza nutrizionale. Anche se la condizione non può essere curata del tutto, la si può gestire con serenità, una volta che si è arrivati alla diagnosi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO