Bronchite

Le caratteristiche e le cause della bronchite acuta

La bronchite è l'infiammazione della mucosa dei bronchi e può essere acuta o cronica. Nel primo caso le cause sono soprattutto di natura infettiva mentre nel secondo sono generalmente coinvolti fattori come l'inquinamento atmosferico ed il fumo di sigarette. La patologia acuta è spesso una conseguenza di fenomeni infiammatori della trachea o della laringe estesi poi ai bronchi. È anche possibile, sebbene meno frequente, che la malattia sia provocata da agenti chimici inalati. Di solito l'infiammazione è causata da un'infezione virale (a causa di virus influenzali o adenovirus) alla quale se ne può associare una batterica (come, ad esempio, quella da Streptococcus pneumoniae). I virus dell'influenza danneggiano le cellule della mucosa bronchiale facilitando l'attacco dei batteri, complicando la sintomatologia e prolungando la durata della malattia.
sintomi bronchite

Medel 92611 Inalatore a Vapore Caldo Ideale per Allergie

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,3€
(Risparmi 21,6€)


La sintomatologia della bronchite acuta

tosse bronchite Normalmente una semplice bronchite acuta, spesso conseguenza di un raffreddore o di un'influenza, non dà sintomi gravi ma abbastanza sopportabili, come naso chiuso e/o gocciolante, febbre leggera, mal di gola, tosse secca e qualche dolore muscolare. Il decorso della patologia peggiora nel caso in cui si instauri una sovrainfezione di tipo batterico, la quale provoca una tosse grassa, con la produzione di molto catarro mucopurulento, sensazione di oppressione al petto e bruciore avvertito dietro lo sterno. Un catarro bianco, liquido e schiumoso è indice di un'infiammazione bronchiale aspecifica, non causata da virus o batteri oppure solo parzialmente dovuta ad essi. La presenza invece di muco denso e di colore giallo-verdastro rivela una sicura infezione con alta presenza di virus e batteri.

  • Bruciore causato da bronchite cronica La bronchite può essere acuta o cronica. La bronchite acuta si sviluppa da una infezione respiratoria e spesso migliora entro pochi giorni senza effetti durevoli. La bronchite cronica, invece, è una c...
  • Visita medica alle spalle In genere, il muco alla gola non indica nulla di grave. Anzi, in realtà potrebbe rivelarsi molto utile all’organismo. Nella maggior parte dei casi, funge da lubrificante protettivo per la gola, manten...
  • Esempio di cisti tendinea La cisti tendinea piede è una protuberanza che si forma in prossimità della guaina che contiene i tendini del piede e al suo interno c'è la stessa struttura del liquido presente nel tendine stesso. Il...
  • Infiammazioni Che cos'è un'infiammazioneL'infiammazione, o flogosi, è l'insieme dei processi locali con cui il corpo risponde all'azione di agenti patogeni, dannosi per i tessuti.La flogosi riguarda tutte le ...

Vincere il respiro corto. La bronchite, l'enfisema, le sigarette...

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,48€
(Risparmi 2,02€)


Le caratteristiche della bronchite cronica

tosse La bronchite cronica è caratterizzata da un notevole e costante aumento della produzione di muco con tosse grassa pressoché giornaliera. La malattia si manifesta per un minimo di tre mesi all'anno e per minimo due anni di seguito. Il sintomo principale è la tosse con molto catarro, in particolare al risveglio e nel corso della mattinata. Sono inoltre presenti difficoltà di respirazione (dispnea) e fiato scarso anche quando il paziente effettua sforzi di lieve entità. In questo tipo di patologia delle vie aeree le infezioni virali o batteriche rappresentano una complicazione mentre le cause più importanti sono fattori ambientali come il fumo, sia attivo che passivo, le sostanze chimiche contenute nell'aria ed altri elementi inquinanti, tossici ed irritanti a cui si può essere sottoposti sia a casa che sul lavoro.


Bronchite: La diagnosi e la terapia della bronchite

Bronchite I mezzi diagnostici della bronchite comprendono innanzitutto l'esame obbiettivo con ricerca dei sintomi tipici ed auscultazione con lo stetoscopio. Il medico può inoltre ritenere opportuno effettuare esami del sangue, per la verifica della leucocitosi neutrofila e di anticorpi specifici contro i virus che causano la malattia. Tra gli altri strumenti ci sono la coltura delle secrezioni bronchiali per la ricerca degli agenti patogeni responsabili, la radiografia del torace e la spirometria (test di ventilazione polmonare). Per quanto riguarda la terapia, la forma acuta guarisce spontaneamente dopo alcuni giorni. In caso di sovrainfezione batterica occorre però intervenire per evitare complicanze come la broncopolmonite. La patologia richiede totale riposo, idratazione, eventuali farmaci contro la febbre alta ed antibiotici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO