Tirosina

Principali caratteristiche dell'amminoacido tirosina

La tirosina è un amminoacido molto importante per la salute e per le prestazioni sportive. Benché non sia un amminoacido essenziale, è possibile che lo diventi nel caso in cui l'alimentazione sia carente di fenilalanina, che invece lo è. Nell'organismo la tirosina può essere ottenuta dalla molecola di fenilalanina legando a questa un gruppo OH (ossidrile), sull'anello aromatico. Per questi motivi è definito amminoacido semiessenziale. L'amminoacido è comunque normalmente presente in molti cibi. La sua funzione è quella di precursore di neurotrasmettitori fondamentali come dopamina, adrenalina e noradrenalina. Questi ultimi sono indispensabili nell'adattamento immediato a stress intensi, sia fisici che psicologici. Viene per questo considerata una sostanza adattogena che favorisce le risposte dell'organismo a situazioni stressanti ed utilizzata come integratore. Il suo nome deriva dal greco "tyros" cioè formaggio perché fu scoperta nella caseina.
integratori in capsule

Enerzona Enervit, Integratore Alimentare per il Controllo del Colesterolo e Trigliceridi, Omega 3 RX - 240 Capsule

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,4€
(Risparmi 0,06€)


Funzioni della tirosina e cibi che la contengono maggiormente

Relazione tra la tirosina e i neurotrasmettitori La tirosina è alla base della sintesi di ormoni e neurotrasmettitori essenziali per il buon funzionamento dell'organismo. La dopamina e la noradrenalina hanno la tendenza ad essere ridotti nel paziente depresso e per questo l'uso dell'amminoacido come integratore può aiutare a contrastare le fasi di depressione minore e diventare più attivi mentalmente ed emotivamente. La sostanza è importante anche per la formazione dell'adrenalina e degli ormoni tiroidei, come la tiroxina, è coinvolta nella sintesi delle proteine e fa parte di molte strutture del corpo. Inoltre svolge un ruolo nella secrezione di GH (ormone della crescita), nella produzione di globuli rossi e bianchi e del pigmento melanina, che si trova nella pelle, nei capelli e nell'iride. In natura è presente soprattutto in cibi come: soia, carni bianche, pesce, formaggi, uova e frutta secca.

  • Massa muscolare La creatina venne scoperta nel 1832 dal chimico francesce Chevreul. La sostanza ha una composizione chimica molto semplice. L'amminoacido deriva dalla combinazione di arginina, glicina e metionina. Pe...
  • Capelli sani La cisteina è un amminoacido, la cui presenza nella dieta non è ritenuta essenziale. Del resto tale sostanza può essere sintetizzata dal nostro organismo, a partire dalla metionina, un altro amminoaci...
  • Alimenti contenenti carnitina La L-carnitina, o carnitina, è un acido carbossilico prodotto dal nostro organismo a livello di fegato e reni. Ha struttura simile ad un amminoacido in quanto è il prodotto di una reazione tra la lisi...
  • Una tazza di caffè La caffeina si trova naturalmente in 63 diverse specie di piante, fra cui le foglie di tè e caffè e le fave di cacao. Contengono caffeina quindi il caffè, il tè, il cacao e il cioccolato e in tutti gl...

Ajinomoto Insaporitore a Base di Glutammato Monosodico - 200 gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,89€


Effetti positivi dell'integrazione con tirosina e dosaggio

integratore tirosina Innalzando la quantità di adrenalina, noradrenalina e dopamina nel sangue, la supplementazione di tirosina pura consente di avere più energia mentale e fisica per affrontare situazioni impegnative e stressanti, come alcuni lavori e l'attività sportiva. L'amminoacido aumenta la concentrazione e l'attenzione e mantiene più svegli, anche di notte se necessario. Per questo è stata molto usata dai piloti militari nella guerra delle Falkland. Il prodotto influenza anche positivamente il metabolismo basale portando a bruciare più grassi. Il dosaggio consigliato è di 500-1.500 mg ad assunzione, per tre volte al giorno, prima di colazione, pranzo e cena. Gli sportivi devono assumere il prodotto in particolare poco prima dell'allenamento (1.000-3.000 mg) per sostenere alte intensità, eventualmente in combinazione con altri integratori, come per esempio la caffeina (100-200 mg) e il glucosio (20-30 g).


Tirosina: Effetti collaterali, controindicazioni ed interazioni

controindicazioni tirosina L'eccesso di tirosina può dare degli effetti collaterali e non bisogna superare le dosi consigliate. Di solito comunque è ben tollerata ma alcuni individui sensibili hanno accusato mal di testa e bruciore di stomaco. L'integratore a dosi elevate può interferire negativamente nei cicli degli altri amminoacidi (come la fenilalanina) soprattutto in chi segue una dieta ipocalorica. Il prodotto è controindicato per chi soffre di ipertensione arteriosa, cefalea ed emicrania e per chi è in terapia con farmaci inibitori non selettivi delle MAO. Non deve essere assunto da chi è affetto da fenilchetonuria e melanoma. La tirosina è sconsigliata anche nei pazienti ipertiroidei, quelli affetti dal morbo di Basedow o che sono in cura con farmaci contro l'ipotiroidismo (tiroxina). L'assunzione del prodotto è da evitare nel modo più assoluto se si assume la levodopa, contro il morbo di Parkinson.



COMMENTI SULL' ARTICOLO