Vitamine A

Vitamina A

Il nostro organismo necessita di una serie di elementi per raggiungere il completo benessere. Tra questi, di fondamentale importanza sono le vitamine. La vitamina A, comunemente definita come retinolo, è una di queste. Precursori di essa sono i carotenoidi, provitamine precursori della stessa vitamina, che attivano il medesimo principio di suddetta vitamina. La scoperta di tale elemento liposolubile, fu effettuata ad opera di uno scienziato all’inizio del novecento, che isolò la vitamina, definita poi come vitamina A, da alcuni alimenti tra cui il burro e il tuorlo dell’uovo. Negli anni successivi, su di essa furono effettuati numerosi studi, attraverso i quali venne appurata l’importanza della funzionalità della vitamina per l’organismo ed il suo funzionamento. La mancata presenza di vitamina A, infatti, portava alla registrazione di conseguenti problematiche quali la cecità e la crescita ossea. Sin dai primi anni del secolo scorso dunque, se ne identificavano le proprietà essenziali, che furono poi confermate attraverso una serie di test effettuati su cavie, che testimoniavano la necessaria presenza di vitamina A per l’organismo ed il suo corretto funzionamento. Solo intorno agli anni cinquanta poi, ad opera di altri ricercatori, fù identificata e determinata la struttura della vitamina stessa. La vitamina A, si presenta sotto tre diverse forme che sono: alcolica, aldeidica ed acida. Essa è di tipo liposolubile ed ha bisogno di grassi e minerali per essere assorbita ed attivare le sue funzioni. La stessa provitamina, ovvero il carotene, viene trasformato e sintetizzato dall’organismo in vitamina A, per essere poi assorbita dal fegato. Generalmente questo processo avviene in maniera automatica, ma risulta essere parecchio più complesso nei pazienti diabetici o che soffrono di problematiche a livello epatico. L’intestino ed il fegato infatti, in presenza di determinate affezioni o patologie, non diventano più in grado di scomporre e trasformare il carotene nella corrispondente vitamina. In questi casi, la conseguenza più ovvia è una mancata assimilazione della stessa, e una registrata carenza della vitamina. Per ovviare a questi scompensi, la principale soluzione è l’assunzione di vitamina A attraverso integratori. Solo in questo modo, si potrà in un certo qual modo sopperire alla mancanza di vitamina A, ovviando a problematiche ancor peggiori derivanti dalla carenza della stessa. Nel caso specifico dei soggetti diabetici, o sofferenti dal punto di vista epatico, la carenza di vitamina A, può comportare problemi ancor maggiori rispetto a soggetti sani per i quali può registrarsi una carenza di questo elemento. La vitamina A è parecchio valida per l’organismo. Essa infatti, ha il potere di prevenire gli stati di raffreddamento e allo stesso tempo, risulta essere terapeutica perché combatte le febbricola, e i sintomi da raffreddamento per l’appunto soprattutto se abbinata alla vitamina C, che combatte proprio infezioni delle vie respiratorie e bronchiali. Le funzioni della vitamina A non si fermano solo alla cura degli stati febbrili. Questa vitamina infatti risulta altamente indispensabile per diversi tipi di problematiche riguardanti l’organismo. La vitamina A, è in primis detta retinolo perché favorisce un miglioramento della vista. Una sua carenza determinerebbe non solo un abbassamento di questa, ma anche una possibile cecità notturna, che si presenta estemporanea in una prima fase, e poi continua. Solitamente infatti, i soggetti affetti da patologie riguardanti il campo visivo, seguono un’alimentazione strettamente basata su alimenti che contengono retinolo o vitamina A per migliorare la qualità della vista stessa. Per ovviare dunque a suddetta problematica visiva, chiunque, anche i soggetti che possiedono una vista impeccabile, devono seguire una corretta alimentazione al fine di migliorare la qualità visiva durante le ore crepuscolari.
vitamina A

Integratore Multivitaminico e Multiminerale - 365 Compresse (Fornitura Fino A 1 Anno) - 24 Vitamine e Minerali per Uomini e Donne, Adatto ai Vegetariani - Integratori alimentari Nu U Nutrition

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,97€
(Risparmi 11€)


Funzioni

carote La vitamina a inoltre risulta essere parecchio utile per la pelle. Il carotene e il beta carotene, che vengono trasformati dall’organismo stesso in vitamina A, possiedono di quest’ultima le medesime caratteristiche. Il carotene, stimola la melanina, per cui, è particolarmente indicato per favorire l’abbronzatura. Molti prodotti solari, infatti, contengono carotene, necessario per la protezione dai raggi solari. Coloro che tendono all’esposizione al sole per lunghi periodi, in genere, sono soliti effettuare una cura a base di carotene e vitamina A, per favorire questi due processi, ovvero abbronzare la pelle, prevenendo eventuali scottature. Inoltre questa vitamina, favorisce anche il rinnovo cellulare e la morbidezza e l’elasticità della pelle stessa. Quando viene manifestata una carenza di vitamina A, l’epidermide tende a mostrarsi secca e poco idratata. E’ stato testato che la vitamina A sia in grado di attivare il collagene, e di combattere i radicali liberi. Per questa ragione, come il carotene, essa viene utilizzata in numerosissimi prodotti cosmetici, come le creme per il viso, in particolare quelle anti age. Le rughe solitamente tendono a formarsi dopo una certa età e sono strettamente dipendenti dall’attacco dei radicali liberi e dalla mancata elasticità della pelle. Le rughe del contorno occhi, del contorno labbra o della fronte, vengono anche definite rughe d’espressione, questo perché sono le stesse espressioni del viso che causano la formazione di questi solchi che diventano maggiormente marcati quando l’epidermide cessa di essere elastica. La vitamina A, essendo un potente collagene, tende a contrastare l’attacco dei radicali liberi, rendendo inoltre la pelle tonica e fresca, visibilmente più giovane. La vitamina a inoltre favorisce l’innalzamento delle difese immunitarie, per cui è parecchio utile nei bambini e negli anziani e in coloro che presentano suddetto tipo di problematica. I bambini infatti tendono a consumare la riserva di vitamina a proprio durante i periodi freddi, quando normalmente si abbassano le difese, diventando maggiormente inclini alla contrazione di malattie. Nel periodo caldo infatti, la vitamina a va a formare un accumulo all’interno dell’organismo, accumulo che viene ben distribuito poi con il passare del tempo.

  • dieta quotidiana Nel campo dell'alimentazione una dieta quotidiana deve essere necessariamente completa e sana, senza il bisogno in questo modo di dover ricorrere a qualche particolare integratore per incrementare l'a...
  • carote Le vitamine hanno un nome che indica quanto esse siano importanti per la nostra vita poiché garantiscono il corretto svolgimento di sintesi e trasmissioni che ogni istante avvengono nel nostro corpo e...
  • vitamina A alimenti La vitamina A, apostrofata anche come retinolo, viene prodotta dal beta-carotene, una provitamina sintetizzata dall’organismo stesso. Appartiene al gruppo delle vitamine liposolubili, ed è presente in...
  • Un cucchiaio di olio di merluzzo L'olio di merluzzo è estratto dal fegato di pesci facenti parte del genere Gadus. Il prodotto è caratterizzato dai seguenti valori nutrizionali: 902 kCal, 10.000 UI di vitamina D e 100.000 UI di vitam...

Puretality Vitamine del Complesso B 180 Compresse Con Aggiunta Di Vitamina D (Fornitura Per 6 Mesi) - GARANZIA SODDISFATTI O RIMBORSATI AL 100% - Integratore Arricchito Con Vitamina D3 Contiene Le 8 Vitamine B In 1 Compressa Vegetariana - Vitamine B1, B2, B3, B5, B6, B12, D-Biotina & Acido folico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,97€
(Risparmi 20,04€)


Carenze di vitamina A

integratoriCarenze di vitamina A comportano problematiche che sono parecchio diffuse soprattutto tra le persone anziane. La perdita della vista e dell’udito ad esempio, vengono determinate da una carenza di questo elemento all’interno dell’organismo. Durante la fase della vecchiaia, è parecchio probabile che si registri un abbassamento di accumulo della vitamina in questione, per cui, la pelle tende a perdere l’elasticità, e diviene dunque rugosa, pesante, poco luminosa e sottile. Tende visibilmente ad invecchiare. Allo stesso tempo peggiora la qualità visiva, e la capacità di sentire. Una mancanza di vitamina A può inoltre comportare problematiche a livello gengivale, secchezza della bocca, e stanchezza agli occhi anche dopo la lettura o dopo lunghe esposizioni al pc. Inoltre comporta nervosismo e depressione. Una mancanza di beta carotene, infatti è stata registrata in soggetti con sindrome maniaco depressiva, nevrotici e affetti da patologie mentali similari. Altro fattore importante è quello protettivo. Tutto il rivestimento presente all’interno delle narici e della bocca ostacola il passaggio di polveri e gas presenti nell’aria. Il nostro apparato respiratorio, tende in un certo qual modo a filtrare attraverso le muscose tutte le sostanze dannose presenti nell’aria che potrebbero continuamente attaccare i polmoni ed i bronchi. La fortificazione ed il funzionamento di suddetto sistema, avviene ad opera della vitamina A, che funge da regolatore e protettore. La vitamina A crea dunque una vera e propria barriera protettiva contro gli agenti esterni è dunque utilissima per l’organismo. Una sana e corretta alimentazione è alla base del benessere de corpo. Una dieta equilibrata prevede l’assunzione di proteine e vitamine insieme. Questo fatto è di notevole importanza se si considera che le proteine vengono sintetizzate dalla vitamina A. In carenza di questa’ultima, le proteine non apporteranno all’organismo nessun beneficio. Gli sportivi che fanno uso di proteine sotto forma di integratori e che allo stesso tempo, basano la loro alimentazione su cibi altamente proteici, necessitano comunque del contributo della vitamina A per migliorare le loro prestazioni atletiche ed il loro volume muscolare. Utile per la sintesi proteica, ma anche per la formazione della struttura ossea, la vitamina a risulta essere particolarmente indicata anche per questo in soggetti di giovanissima età, come i bambini, o al contrario in soggetti anziani. In concomitanza alla vitamina E, la vitamina a funziona ancora meglio, poiché esse lavorano in concomitanza, mentre al contrario, in presenza della vitamina F, la vitamina A smette di funzionare, questo accade perché entrambe entrano cin contrasto.


Vitamine A: Alimenti in cui è contenuta

alimentazione vitaminica Generalmente la vitamina A è contenuta in moltissimi alimenti, tra cui frutta e verdura. Tra questi elenchiamo: la pappa reale, l’olio di fegato di merluzzo, le albicocche, le carote, la zucca, i peperoni, le pesche, le ciliegie, le angurie, il tarassaco, il mango, il finocchio, il cavolo, i broccoli e la lattuga. Questi gli alimenti dove la quantità di vitamina è parecchio presente. Una sana alimentazione,prevede l’utilizzo di alcuni di questi elementi con una certa continuità, affinchè l’ organismo non mostri mancanze di suddetta vitamina. Una mancanza di vitamina A comporta i seguenti disturbi: cecità, invecchiamento oculare, secchezza della pelle, invecchiamento cutaneo, raffreddori, acne, malattie infettive, bronchiti, affaticamento, perdita dell’appetito, stress, sindrome depressiva, infezioni vaginali, calcoli ai reni, infezioni urinarie, sterilità, e persino aborti spontanei. In gravidanza è fondamentale che si registri una giusta dose di vitamina A, affinchè il feto cresca sano e forte. Un sovradosaggio di vitamina A può comportare vomito, diarrea, pelle secca, pelle visibilmente giallastra, macchie sulla pelle, sensazioni di prurito, eccessivo nervosismo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO