Sindrome premestruale

Cos'è la sindrome premestruale

I medici la chiamano sindrome premestruale ed è una malattia a tutti gli effetti. Non c'entrano le complicanze della vita quotidiana a rendere le donne nervose ed esasperate, c'entra il fatto che prima del ciclo il loro umore cambia totalmente. In quei giorni, che precedono le mestruazioni si è più irritabili, non si dorme bene, si vede tutto nero e il nervosismo è alle stelle. Quando la sindrome premestruale arriva, manda in tilt la sfera femminile. Il consiglio è di rilassarsi, ma nella fase più acuta, costringe a prendere la direzione del letto, perché all'umore irritabile, si aggiunge anche un fastidioso mal di testa che comprime le tempie. Se il problema è fuori controllo, da impedire lo svolgersi delle comuni attività quotidiane, è il caso di rivolgersi al proprio ginecologo e farsi prescrivere la cura più adatta.
Mal di testa

ERBADONNA ERBA DONNA CICLO 24 compresse Sindrome premestruale, irritabilità, agnocasto, angelica cinese, magnesio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


Disturbi principali

Dolori premestruali La sindrome premestruale colpisce in maniera moderata 1 donna su 3 mentre in forma acuta interessa 4 donne su 100. Oggi nulla è lasciato al caso e per risolvere il problema ci sono delle cure farmacologiche mirate. Nei soggetti predisposti, le variazioni ormonali scatenano uno tsunami a ridosso della seconda metà del ciclo, che va a sconvolgere il sistema emozionale, quello che regola la rabbia e la collera. Nel cervello si avvertono dei cali di serotonina, il neurotrasmettitore che equilibra lo stato emotivo di una persona e questo può comportare nel soggetto più incline, fenomeni di depressione, insonnia, aggressività e aumento dell'appetito. La ritenzione idrica, legata in prevalenza dagli estrogeni provoca mal di testa. Lo sviluppo in circolazione di prolattina determina dolore al seno.

  • nascita bambino Un uomo ed una donna quando si amano danno alla luce un bambino. Questo concetto prettamente sentimentale fa comprendere come la nascita di un figlio sia data dall'unione tra due persone di sesso diff...
  • sapone L’igiene è fondamentale per la salute del nostro corpo ed in particolare per le zone intime che sia per gli uomini che per le donne sono soggetti a irritazioni e a formazioni di batteri. Le patologie ...
  • Ovaio normale e policistico La sindrome dell'ovaio policistico è una patologia endocrina e metabolica diffusa nelle donne in età riproduttiva. Il disturbo è spesso caratterizzato dall'aumento di dimensioni delle ovaie con piccol...
  • ciclo mestruale doloroso Esistono due tipi di dismenorrea: la primaria e la secondaria. La dismenorrea primaria è quella che si manifesta in età giovanile con l'arrivo del menarca, la prima mestruazione, con dolori di una dat...

Agnocasto Integratore alimentare naturale per i disturbi del ciclo femminile 50 cps

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Come curare la sindrome premestruale

Pillole contraccettive Se i disturbi precedenti le mestruazioni possono essere fastidiosi, con l'arrivo del ciclo scompaiono. Se la sindrome premestruale rappresenta un disagio sofferente, è compito del ginecologo indagare sul disturbo che colpisce la donna prescrivendole le cure appropriate. I nuovi contraccettivi orali sono in grado di regolare le oscillazioni ormonali che sono alla base del disturbo, contrastare il gonfiore addominale ed esercitare effetti incoraggianti sul sistema nervoso centrale. Chi non volesse valersi dei farmaci può preferire i rimedi naturali. Il magnesio assunto quotidianamente riduce stress, contrazioni e irritabilità. L'agnocasto invece è definito "l'ormone femminile" per eccellenza. Assunto per alcuni mesi, è ideale per chi volesse seguire una cura naturale e affrontare i sintomi premestruali.


Sindrome premestruale: Cosa servire in tavola

Frutta verdura La sindrome premestruale si combatte anche a tavola con la scelta di alimenti pertinenti che possano attenuare i disturbi. Visto che "in quei giorni" la seratonina tende a diminuire, gli alimenti consigliati per favorirne la produzione sono i carboidrati complessi che aiutano anche ad aumentare nel sangue la presenza di zuccheri. Dunque è gradito il consumo di pasta, pane, cereali integrali, patate e legumi. Per ridurre i gonfiori addominali e favorire il transito intestinale, bisogna consumare frutta e verdura. Pesce, banane, carciofi e spinaci apportano magnesio, utile per contrastare le variazioni di umore. Latte e derivati contengono calcio in grado di prevenire le contrazioni muscolari. Gli alimenti da evitare sono: sale, caffeina, grassi in genere, cibi conservati.



COMMENTI SULL' ARTICOLO