Linfonodi collo gonfi

I linfonodi, cosa sono e a cosa servono

I linfonodi sono importanti ghiandole sentinella poste in vari punti del corpo umano. Ve ne sono in corrispondenza delle ascelle e dell'inguine, ma la maggior parte di essi è collocata nell'area del collo. Qui, si trovano i linfonodi sopra-clavicolari, sotto-mandibolari, sotto-mentali, cervicali. Tutti i linfonodi svolgono una funzione fondamentale per l'organismo, ovvero quella di entrare in allerta, infiammarsi e gonfiarsi, qualora vi sia qualcosa che non va. La linfoadenopatia più essere il primo sintomo di un problema passeggero (come un raffreddore o una tonsillite, nel caso dei bambini) oppure più preoccupante. Come regola generale, il primo sintomo di un'infezione in corso, sia essa banale e facilmente affrontabile, come un mal di gola, sia essa di importanza rilevante, come una malattia autoimmune o un tumore, è spesso quello dei linfonodi collo gonfi.
Linfonodi del collo gonfi

Aculife, siringhe per rimozione del cerume

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,41€


Linfonodi collo gonfi, le cause

Influenza e male al collo Volendo passare in rassegna alcune possibili cause del gonfiore dei linfonodi, bisogna citare i cosiddetti malanni di stagione, ovvero laringiti, faringiti, raffreddori o influenze che capita comunemente di dover affrontare durante le stagioni più fredde. Tra le cause meno comuni ma non irrimediabili troviamo invece i problemi ai denti, come le gengiviti o gli ascessi, oppure le infezioni dell'orecchio: anche un'otite può portare ai linfonodi collo gonfi. Tra le cause meno comuni e forse più preoccupanti troviamo invece l'AIDS, la mononucleosi infettiva, il tumore di Hodgkin, diversi tipi di tumore (alla gola, al torace), la leucemia, il lupus eritematoso sistemico. Le ultime malattie citate sono molto gravi e coinvolgono tutte, in maggior o minor misura, non solo i linfonodi ma tutto il sistema linfatico.

  • Illustrazione della manifestazione della mononucleosi La mononucleosi infettiva è una malattia virale molto contagiosa causata dal virus EBV (Epstein-Barr) che provoca un ingrossamento della milza e dei linfonodi. Si tratta di una patologia molto comune,...
  • linfonodi del collo I linfonodi sono distribuiti in varie parti del corpo, soprattutto nel collo, nelle ascelle e nell'inguine. Sono parte del sistema linfatico ed hanno una forma più o meno tondeggiante. In essi si racc...
  • linfonodi collo Se toccandovi il collo sentite sotto pelle delle palline, non spaventatevi, vuol dire semplicemente che avete i linfonodi ingrossati e in molti casi non c'è da preoccuparsi. Cosa sono i linfonodi? So...
  • Linfonodi al collo Il sistema linfatico è composto da canali diramati in tutto il corpo. Il liquido linfatico scorre attraverso i suddetti canali così come il sangue scorre all’interno dei vasi sanguigni. I linfonodi so...

Umidificatore ad ultrasuoni Aroma diffusore oli essenziali di fragranza diffusore di luce Diffusore Xagoo (stile 1)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,68€
(Risparmi 37,32€)


I sintomi dei linfonodi collo gonfi

Male al collo, un sintomo Per ciò che concerne i sintomi, oltre al gonfiore e all'ingrossamento dei linfonodi, vanno citati la rigidità e il dolore al collo, la difficoltà a deglutire, il dolore cervicale, le difficoltà respiratorie. Tra gli altri sintomi molto comuni associati al gonfiore dei linfonodi del collo, troviamo l'alterazione della temperatura e del battito cardiaco. Tuttavia, febbre, brividi, batticuore e inappetenza sono segni comuni di una vasta gamma di malanni più o meno gravi, ed è sempre bene sottoporre il problema all'attenzione di un medico. Sarà lui, infatti, ad appurare lo stato di gonfiore dei linfonodi del collo e le altre sintomatologie in corso, decidendo di volta in volta quale terapia prescrivere al paziente. È fondamentale rivolgersi ad un professionista competente perché molto spesso ai linfonodi collo gonfi ed ai problemi sopraelencati se ne associano altri meno evidenti che solo un occhio esperto è in grado di individuare ed accertare.


I possibili rimedi

Esame medico Una volta accertati i sintomi più evidenti, il medico probabilmente prescriverà degli esami del sangue, che includeranno un emocromo e una ves, una ecografia del collo e forse anche una biopsia. Gli esami daranno conferma di una eventuale diagnosi e lo guideranno nella individuazione della terapia più corretta per il paziente. La patologia in atto può essere benigna o maligna, dunque può essere sufficiente assumere degli antiinfiammatori e procedere con degli impacchi caldi sui linfonodi collo gonfi, oppure, in alternativa, può rendersi necessaria l'assunzione di farmaci più forti. Se vi è conferma di un'infezione batterica in corso, sarà necessario assumere farmaci antibiotici. Se invece vi è un tumore, il paziente dovrà procedere forse ad un intervento chirurgico al quale associare un trattamento di tipo chemioterapico. I linfonodi collo gonfi possono dunque indicare problemi abbastanza banali e facilmente risolvibili oppure nascondere patologie più serie e insidiose.




COMMENTI SULL' ARTICOLO