Ingrossamento linfonodi

Sistema linfatico e ghiandole gonfie

Il sistema linfatico è composto da canali diramati in tutto il corpo. Il liquido linfatico scorre attraverso i suddetti canali così come il sangue scorre all’interno dei vasi sanguigni. I linfonodi sono ghiandole che contengono un certo numero di globuli bianchi, responsabili della difesa del corpo dagli organismi invasori. Quando i batteri, i virus e le cellule malate passano attraverso i canali linfatici, si verifica un ingrossamento dei linfonodi, sintomo di un’infezione o una malattia. I linfonodi si trovano in tutto il corpo: sotto le ascelle, sotto la mandibola, in entrambi i lati del collo, ai lati dell'inguine, sopra la clavicola. Essi si gonfiano nella zona in cui si sviluppa l’anomalia. Ad esempio, i linfonodi del collo possono aumentare di dimensione in risposta ad un’infezione delle vie respiratorie superiori, come il comune raffreddore.
Linfonodi al collo

Magnetomax Plus - Magnetoterapia Alta Frequenza - Doppio Canale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 170€
(Risparmi 40€)


Cosa causa l'ingrossamento linfonodi?

Linfonodi in zona ascellare I linfonodi si gonfiano in risposta ad una malattia, ad un’infezione, o allo stress. Ciò avviene perché il sistema linfatico è a lavoro per liberare il corpo dagli agenti responsabili. In genere, il gonfiore delle ghiandole del collo e della testa è causato da malattie quali: infezione alle orecchie, raffreddore, influenza, mal di gola, sinusite, infezione da HIV, mononucleosi, infezioni della pelle. In condizioni più gravi, come disturbi del sistema immunitario o tumori, reagiscono i linfonodi di tutto il corpo. Tra i disturbi più preoccupanti ci sono il lupus e l'artrite reumatoide. Il linfoma è un tumore che colpisce il sistema linfatico. Quando un cancro si diffonde da una zona del corpo ai linfonodi, il tasso di sopravvivenza diminuisce. Anche alcuni farmaci, reazioni allergiche e infezioni trasmissibili sessualmente, come la sifilide o la gonorrea, provocano l'ingrossamento dei linfonodi.

  • colite ulcerosa La colite ulcerosa è un’infiammazione dell’intestino, più in particolare parte come infiammazione dell’intestino crasso che sarebbe la parte centrale di tutto l’intestino. Colpisce dapprima l’intesti...
  • polmonite La polmonite è una malattia che colpisce l'apparato respiratorio: si tratta più precisamente di un’infezione dei polmoni, quando vengono attaccati da batteri o virus; l'infiammazione costituisce una n...
  • Zona interessata dalla colite da stress La colite da stress, anche detta sindrome del colon irritabile, è un disturbo intestinale che si presenta con sintomi molto variabili in base ai soggetti. Essa parte da una forte componente psicosoma...
  • Cavità auricolare infiammata Quella esterna è una forma di otite particolarmente fastidiosa, poiché oltre al classico orecchio gonfio si manifesta con sintomi piuttosto forti come dolore e febbre alta. Questa infezione deriva da ...

Urinoterapia. La riscoperta di un'antica terapia naturale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,91€
(Risparmi 1,39€)


Rilevamento dei linfonodi ingrossati

Rilevamento delle ghiandole gonfie I linfonodi ingrossati possono essere piccoli come un pisello o avere le dimensioni di una ciliegia. Nella maggior parte dei casi provocano dolore al tatto, oppure quando si fanno determinati movimenti. Quelli inguinali, sono percettibili e dolorosi quando si cammina o ci si piega. L’ingrossamento dei linfonodi sotto la mandibola o su entrambi i lati del collo, invece, può far male quando si gira la testa in un certo modo o mentre si mastica il cibo. Spesso possono essere sentiti semplicemente passando la mano sopra il collo, appena sotto la mascella. Oltre il dolore provocato, altri sintomi che possono essere presenti sono: tosse, fatica, febbre, brividi, naso che cola, sudorazione. In ogni caso sarebbe opportuno consultare il medico soprattutto se il dolore ed i gonfiore persistono per più di tre giorni.


Ingrossamento linfonodi: Come viene trattato l'ingrossamento linfonodi?

Rimedi per linfonodi gonfi Il gonfiore delle ghiandole del sistema linfatico può diminuire anche da solo, senza alcun trattamento. Nel caso di infezioni, invece, potrebbe essere necessaria la prescrizione di antibiotici o farmaci antivirali, per eliminare completamente la condizione che ha causato l’ingrossamento dei linfonodi. Il medico potrebbe anche consigliare farmaci come l'aspirina e l’ibuprofene, utili ad attenuare il dolore e a contrastare l'infiammazione. Più grave è il gonfiore dei linfonodi causato dal cancro. Le ghiandole, in questo caso, non possono ridursi e tornare alle dimensioni normali fino a quando viene curato il tumore. Il trattamento può comportare la rimozione del cancro o degli eventuali linfonodi colpiti, oppure si decide di sottoporre il paziente a chemioterapia. Sarà il medico a proporre la cura più opportuna.



COMMENTI SULL' ARTICOLO