Linfonodo ingrossato collo

Cosa significa un linfonodo ingrossato collo

I linfonodi sono distribuiti in varie parti del corpo, soprattutto nel collo, nelle ascelle e nell'inguine. Sono parte del sistema linfatico ed hanno una forma più o meno tondeggiante. In essi si raccoglie la linfa e vi si concentrano i linfociti, globuli bianchi fondamentali del sistema immunitario. Agiscono come filtri, producendo anticorpi, bloccando ed eliminando agenti patogeni come virus o cellule tumorali. I linfonodi aumentano normalmente di volume proprio in risposta alle infezioni nell'organismo. Un linfonodo ingrossato sul collo non deve necessariamente preoccupare perché generalmente si tratta di patologie non gravi. Il fenomeno è piuttosto frequente nei bambini, le cui ridotte difese immunitarie li rendono molto sensibili agli attacchi dei germi. Tra le malattie che spesso portano all'aumento di un linfonodo ci sono quelle delle prime vie respiratorie.
linfonodi del collo

Les Otites Moyennes Chez le Chien

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39€


Le malattie che provocano più spesso l'ingrossamento dei linfonodi

linfonodi collo Tra le malattie che possono provocare una tumefazione dei linfonodi c'è anche il semplice raffreddore, la faringite e la bronchite. La situazione non deve destare preoccupazione se sono presenti altri sintomi, come la tosse, la febbre e la tonsillite. Le tonsille palatine sono esse stesse degli organi del sistema linfatico, che vanno incontro ad ingrossamento ed arrossamento. Anche i batteri che causano gli ascessi dentali possono determinare la manifestazione. La mononucleosi è un'altra patologia che comporta l'ingrossamento dei linfonodi. Il virus che la provoca (Epstein-Barr) può restare nell'organismo in forma latente per vari mesi e l'aumento di volume delle ghiandole può permanere per altrettanto tempo. La toxoplasmosi è un'altra patologia, trasmessa dai gatti o mediante il consumo di carne contaminata, che può causare gonfiore alle linfoghiandole.

  • Illustrazione della manifestazione della mononucleosi La mononucleosi infettiva è una malattia virale molto contagiosa causata dal virus EBV (Epstein-Barr) che provoca un ingrossamento della milza e dei linfonodi. Si tratta di una patologia molto comune,...
  • linfonodi collo Se toccandovi il collo sentite sotto pelle delle palline, non spaventatevi, vuol dire semplicemente che avete i linfonodi ingrossati e in molti casi non c'è da preoccuparsi. Cosa sono i linfonodi? So...
  • Linfonodi al collo Il sistema linfatico è composto da canali diramati in tutto il corpo. Il liquido linfatico scorre attraverso i suddetti canali così come il sangue scorre all’interno dei vasi sanguigni. I linfonodi so...
  • Linfonodi del collo gonfi I linfonodi sono importanti ghiandole sentinella poste in vari punti del corpo umano. Ve ne sono in corrispondenza delle ascelle e dell'inguine, ma la maggior parte di essi è collocata nell'area del c...

Fascia Collo by Mello - Tutore Rigido per Rigidità cronica del collo – Collare Morbido di Supporto per Cervicale – Terapia Magnetica per Emicrania e Mal di Testa – Comodo per Viaggi in Aereo, in Macchina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,95€
(Risparmi 13€)


Le altre patologie che causano gonfiore ai linfonodi

Linfonodi ingrossati collo Il linfonodo aumentato di volume può essere caratterizzato da diversi tipi di consistenza: gommoso, molle o duro. Tra le altre cause che possono provocare il fenomeno di ingrossamento ci sono: alcune infezioni della cute, dell'orecchio (otite), la gengivite, la parotite, la sinusite, l'Herpes, l'influenza, la rosolia, la reazione individuale ad un farmaco o ad un vaccino. Sebbene più raramente, è possibile che la manifestazione sia causata da malattie più gravi, come la tubercolosi, la sifilide, l'HIV e varie forme di neoplasia. La linfoadenite cronica è rivelata da sintomi come: linfonodi doloranti o duri, pelle soprastante calda e arrossata, febbre e brividi, inappetenza, elevata sudorazione e frequenza cardiaca, spossatezza. Questi disturbi possono tuttavia anche dipendere la patologie meno serie e meno preoccupanti.


Linfonodo ingrossato collo: In quali casi occorre rivolgersi al medico

Un medico controlla i linfonodi Nella stragrande maggioranza dei casi un linfonodo ingrossato del collo non è indice di patologia grave, ma ci sono alcune circostanze nelle quali è consigliabile rivolgersi al medico. Non bisogna certamente trascurare un gonfiore che perdura da più di 3 o 4 settimane. Il medico effettuerà prima una visita controllando la dimensione e la consistenza delle ghiandole. Poi saranno necessari esami strumentali, come l'analisi del sangue, compreso l'emocromo, un'ecografia ed eventualmente la biopsia del linfonodo, nella quale una piccola parte dell'organo viene asportata ed analizzata per conoscerne la natura. Varie tipologie di tumori possono determinare l'aumento della dimensione dei linfonodi, come il linfoma (sia Hodgkin che non-Hodgkin) e la leucemia. I tumori che provocano aumento delle linfoghiandole del collo quando si verificano delle metastasi sono quelli alla gola ed alla laringe.



COMMENTI SULL' ARTICOLO