Alimentazione per colite spastica

La colite spastica: cos'è?

La colite spastica, detta anche sindrome del colon irritabile, è un disturbo gastrointestinale congenito o di derivazione nervosa che comporta forti dolori addominali e difficoltà nella digestione. Le cause sono fisiologiche o da stress. Il colon si irrita facilmente nei soggetti che soffrono di questo disturbo e ciò si riflette sul funzionamento del metabolismo, con conseguenze molto spesso anche psicologiche: chi ha la colite spastica diventa nervoso e irascibile. I sintomi sono tanti: gonfiore puntuale subito dopo i pasti e dolori addominali acuti, stipsi mista a episodi di forte diarrea, crampi all'altezza della pancia, eccesso di muco nel colon, meteorismo frequente, addome teso, non trattabile e gonfio, stati di ansia, nervosismo, nausea, acidità di stomaco. Con la giusta alimentazione per colite spastica, una dieta equilibrata con frutta e verdura adeguata e una sana attività sportiva si alleviano i sintomi e si scongiurano i rischi di malattie legati al cattivo funzionamento del colon.
La colite spastica

La dieta antinfiammatoria per l'intestino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,66€
(Risparmi 2,24€)


Alimentazione per colite spastica: cosa mangiare

alimenti colite spastica Per evitare che la colite spastica degeneri in qualche malattia più seria e per attutirne i sintomi, è necessario seguire una dieta regolare. L'alimentazione per colite spastica riduce all'osso il consumo di zuccheri che sono difficili da metabolizzare e possono ulteriormente irritare il colon che è già infiammato. Come cibi si consiglia il consumo, anche in dosi abbandonanti, di alcuni tipi di verdura: si a finocchi, patate, carote, zucchine, zucca, basilico, cannella, rosmarino, timo, sedano. Le verdure di questo genere sono facili da digerire e non infiammano gli organi interessati dalla colite spastica. Nella dieta, poi, non può mancare la frutta: ma attenzione, mangiatela solo lontano dai pasti per non appesantire lo stomaco e evitate accuratamente prugne, pesche e pere. Si a mirtilli e mele, ma senza buccia, no alle altre tipologie che contengono un eccesso di fibre e possono aumentare il gonfiore addominale. Quanto alle portate principali, scegliete il pesce azzurro mentre se amate la carne, preferite i tagli magri come pollo, tacchino e maiale.

  • Localizzazione della colite spastica Colite spastica cosa non mangiare per evitare l'insorgere dei tipici sintomi dell'infiammazione del colon? I disturbi che caratterizzano la colite spastica sono diversi e tutti molto fastidiosi e debi...
  • Sezione del corpo umano La colite è un'infiammazione del tratto finale dell'intestino chiamato colon. Spesso viene definita sindrome del colon irritabile in quanto i sintomi che la caratterizzano sono molteplici e talvolta v...
  • Dolore Addominale e crampi La colite spastica è una patologia dell'intestino, in particolare di un tratto di esso chiamato colon. Ancora non chiare sono le cause di questa patologia, ciò che è certo è che alla base vi sia una a...
  • colite ulcerosa La colite ulcerosa è un’infiammazione dell’intestino, più in particolare parte come infiammazione dell’intestino crasso che sarebbe la parte centrale di tutto l’intestino. Colpisce dapprima l’intesti...

Gianluca Mech Depurativo Antartico Diuretico Secondo il Metodo Decottopia al Gusto di Tarassaco e Carciofo, 500 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,45€
(Risparmi 12,45€)


Alimentazione per colite spastica: cosa non mangiare

latticini e colite Nella dieta di chi soffre di colite spastica ci sono cibi assolutamente vietati: l'alimentazione da sindrome del colon irritabile deve essere seguita con costanza e regolarità, pena crampi, dolori addominali e diarrea. Evitate i formaggi fermentati e latticini: mozzarella, provola, formaggio e creme spalmabili aumentano il rischio di ulcera perché difficili da digerire e provocano spasmi addominali. Stop anche alle fibre che favoriscono l'evacuazione, irritando ulteriormente il colon: assumetele in porzioni contenute, due volte al massimo in una settimana. Anche i legumi vanno tenuti sotto controllo per la stessa ragione: fagioli e lenticchie sono ricchi di vitamine ma fermentano nel colon, amplificando gli effetti indesiderati della colite spastica congenita o da nervosismo. Infine, riducete i cereali, soprattutto quelli integrali o non raffinati: deliziosi e nutrienti, nel caso di colon irritabile si trasformano in un boomerang per l'intestino.


Cosa bere e cosa non bere

bevande colite spastica Nell'alimentazione per colite spastica anche le bevande occupano un posto molto importante: idratare correttamente il nostro corpo può infatti voler dire aiutare l'intestino a ritrovare la forma persa o, quanto meno, non irritarlo ulteriormente. Vi suggeriamo di bere almeno due litri di acqua al giorno, rigorosamente minerale non frizzante: le bollicine aumentano il meteorismo, tra gli effetti più fastidiosi della colite spastica. Evitate la caffeina e la teina che sottopongono a stress lo stomaco: sono le tossine inutili come il caffè a peggiorare il caso. Sostituiteli con decaffeinati, tisane naturali, decotti. Eliminate del tutto birre, alcolici e superalcoli: fermentano nello stomaco aumentando il rischio di diarrea. Potete bere tranquillamente tisane, camomilla e infusi a base di erbe officinali, specialmente se acquistati in erboristeria: sono un toccasana per chi soffre di colon irritabile.




COMMENTI SULL' ARTICOLO