Dieta e mestruazioni

Alimentazione nelle fasi del ciclo

Sappiamo ormai che ciò che mangiamo condiziona la nostra salute e che scegliere cibi sani aumenta il benessere generale. Tuttavia, trovare una dieta adatta alle proprie esigenze non è facile, soprattutto perché esse possono variare nel tempo. In base ad alcuni studi ed alle sensazioni riportate dalle donne, è emerso che il fabbisogno calorico giornaliero si modifica durante le varie fasi del ciclo mestruale. Il momento in cui esso è maggiore è proprio nei giorni precedenti alla comparsa delle mestruazioni. Questa richiesta calorica può raggiungere le 300 kcal in più rispetto agli altri periodi del ciclo. È importantissimo, quindi, considerare quali sono gli alimenti in grado di fornire all'organismo elementi utili a fornire energia e ridurre i sintomi.
Crampi mestruali

Donna Reggiseno Allattamento Rilievi Smontabili Senza Cuciture

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Gli alimenti per i sintomi della sindrome premestruale

Frutta dieta mestruazioni Nei giorni che precedono le mestruazioni compaiono alcuni sintomi causati dalla sindrome premestruale. Tra di essi vi sono: il gonfiore, l'irritabilità, gli sbalzi d'umore e la stanchezza. Tutte queste sensazioni possono essere contrastate semplicemente inserendo gli alimenti corretti nella propria dieta. Per evitare la ritenzione idrica è utilissimo assumere i legumi e le verdure ricche di magnesio e di calcio, sostanze che aumentano la diuresi. Anche le tisane drenanti ed il tè, possibilmente privo di teina, sono in grado di diminuire il gonfiore addominale e di contribuire a tenere sotto controllo l'umore. Per quanto riguarda la circolazione sanguigna è consigliato, invece, di scegliere frutti dal colore viola, come l'uva, le prugne ed i mirtilli.

  • nascita bambino Un uomo ed una donna quando si amano danno alla luce un bambino. Questo concetto prettamente sentimentale fa comprendere come la nascita di un figlio sia data dall'unione tra due persone di sesso diff...
  • sapone L’igiene è fondamentale per la salute del nostro corpo ed in particolare per le zone intime che sia per gli uomini che per le donne sono soggetti a irritazioni e a formazioni di batteri. Le patologie ...
  • donna Il ciclo ovulatorio è il ciclo che si definisce anche “ciclo mestruale” e fa parte della vita di tutte le donne. Ciascuna è diversa, può avere un ciclo più o meno regolare e con dolori più o meno int...
  • Ovaio normale e policistico La sindrome dell'ovaio policistico è una patologia endocrina e metabolica diffusa nelle donne in età riproduttiva. Il disturbo è spesso caratterizzato dall'aumento di dimensioni delle ovaie con piccol...

Vegavero Vitamina K2 – MK7 | 90 capsule -50 mcg | calcio – ossa – coagulazione | facilita l’assorbimento della vitamina D3 Vegan

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€
(Risparmi 3€)


I cibi più adatti durante le mestruazioni

Pesce azzurro Nella fase del ciclo vero e proprio le donne hanno, normalmente, una maggiore voglia di zuccheri. Tuttavia, per evitare improvvisi sbalzi glicemici nel flusso sanguigno ed aumento di peso, è opportuno prediligere l'assunzione di carboidrati e cereali. Essi, infatti, vengono metabolizzati più lentamente dall'organismo e contribuiscono anche ad evitare improvvisi cambi di umore. È certamente possibile mangiare dolci, ma scegliendo prodotti semplici e genuini, come il cioccolato. Il pesce, soprattutto quello azzurro, è un'ottima fonte di omega 3, principio in grado sia di diminuire i crampi sia di svolgere un'azione antiossidante. Questi alimenti hanno, inoltre, il pregio di contenere magnesio e vitamina B, indispensabili al nostro corpo per regolare la produzione di serotonina.


Dieta e mestruazioni: Cosa non mangiare durante il ciclo

Evitare assunzione caffè Esistono anche una serie di alimenti che sono altamente sconsigliati durante le mestruazioni, perché tendono ad accentuare i sintomi più fastidiosi. Tra di essi spicca la caffeina, contenuta nel caffè vero e proprio ma anche nel tè, perché aumenta il senso di irritabilità e riduce l'idratazione del corpo. Come già accennato, anche lo zucchero andrebbe moderato notevolmente. Infatti, ad un iniziale senso di miglioramento dell'umore, segue un brusco calo di glucosio nel sangue che genera stanchezza. Pertanto, i dolci e le farine raffinate possono essere assunti solamente in quantità moderate. Anche i cibi fritti andrebbero evitati perché l'alto contenuto di grassi innalza il livello di estrogeni, aumentando il dolore dei crampi e la sensazione di gonfiore.



COMMENTI SULL' ARTICOLO