Extension leg

Macchinari per le gambe

Negli ultimi anni, l’allenamento è diventato una moda, uno stile, un’abitudine. Le palestre sono sempre più gremite di persone motivate e interessate a migliorare la propria corporatura, il proprio umore e la propria giornata. La palestra costituisce infatti un crocevia di interessi svariati, un coacervo di muscoli che si potenziano, un insieme di corpi, voci e musiche che si mescolano in armonia. Luogo di relax, la palestra permette di staccare la spina col mondo, permette di combattere la pigrizia, di migliorare il proprio aspetto esteriore divertendosi, di trovare il proprio equilibrio fisico. Queste strutture, sempre più ampie e sempre più efficienti, hanno modificato il loro aspetto interno negli ultimi anni, con uno scopo, che è quello di allietare e soddisfare maggiormente un’utenza sempre più esigente, sempre più tendente alla perfezione. L’aspetto stesso della struttura dunque cambia in relazione a queste richieste. Nuove attrezzature, vanno a riempire le sale, nuovi macchinari, sempre più ergonomici e funzionali prendono posto in queste strutture e sembrano rispondere perfettamente a tutte le richieste effettuate dall’utenza, un’utenza variegata, differente, mista. Il miglioramento dell’attrezzatura è solo il punto di partenza. L’idea di fondo, è quella di minimizzare lo sforzo, aumentando invece visibilmente la potenza muscolare, rendendo un solo macchinario polifunzionale: una sola macchina può essere utilizzata da diverse fasce d’età, da diversi soggetti e per diversi risultati. Ogni macchinario si adatta perfettamente ad un gruppo muscolare, dalle braccia alle gambe. Queste ultime, giocano un ruolo fondamentale nel complesso muscolare. Le gambe favoriscono la naturale deambulazione, costituiscono il sostegno del corpo, e sono allo stesso tempo un grandissimo strumento di seduzione. Un paio di gambe lunghe, toniche, tornite nei punti giusti, longilinee e toniche, sono motivo d’attrattiva, assolutamente belle da guardare. Punto di forza del corpo, le gambe meritano dunque una cospicua attenzione e vanno curate esteticamente anche e soprattutto per potenziarne la muscolatura. La sinuosità delle gambe è data dalla tonicità della muscolatura tutta, dalla sinuosità che viene fuori durante l’avanzare delle gambe stesse che diventano leggere, lisce, sode. Gambe meravigliosamente belle però sono frutto di un duro e costante allenamento. Entrano qui in gioco i macchinari fitness, tra cui la leg extension. Questa particolare macchina si trova ormai in tutte le palestre. E’ un attrezzo gettonatissimo, utilizzato per il potenziamento muscolare di entrambi i quadricipiti. Insieme al leg curl e allo squat, la leg extension è il macchinario che maggiormente viene utilizzato per migliorare la qualità muscolare delle proprie gambe e di conseguenza l’esteticità di queste.
macchinario

Leg Extension attacco gambe per panche fitness Marbo Sport

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55€


La leg extension

leg extension Il termine leg extension, tradotto letteralmente, significa “estensione della gamba” , quindi da riferimento all’allungamento muscolare dei quadricipiti stessi e al potenziamento di questi. Il macchinario è parecchio conosciuto ed utilizzato da un’utenza mista e variegata, ed ha anche finalità riabilitative. La leg extension infatti, è parecchio utilizzata in fase riabilitativa, dopo traumi, operazioni, o anche da chi soffre o ha sofferto di patologie più o meno gravi al ginocchio o ai legamenti che interessano quest’ultimo. E’ dunque un macchinario polifunzionale e parecchio apprezzato per la sua utilità. Il macchinario ha una struttura molto semplice: è composto da una seduta rigida in pelle che prevede che le gambe formino con essa un’angolatura di novanta gradi. La schiena deve essere perfettamente aderente allo schienale, mentre le braccia cadono perpendicolari rispetto al corpo stesso. Le mani invece, vanno a fermarsi sulle impugnature apposite, che vanno afferrate per garantire solidità durante l’esecuzione stessa dell’esercizio. Le gambe che nella posizione iniziale sono perpendicolari rispetto alla seduta stessa, durante l’esecuzione dell’esercizio vanno sollevate delicatamente, al fine di portarle in posizione orizzontale. La gamba non è dunque più piegata ma dritta. L’esercizio può essere eseguito con o senza pesi. Solitamente chi utilizza la leg extension con scopi riabilitativi, non tende ad utilizzare alcun tipo di pesistica, questo per non appesantire troppo la muscolatura, laddove questa risulti essere atrofizzata, poco elastica e tonica. Lo sforzo non deve mai essere eccessivo, soprattutto per chi decide di utilizzare la leg extension per la prima volta. L’esercizio con questo macchinario solitamente viene eseguito con entrambe le gambe. La macchina infatti è dotata di un rullo sul quale vanno in appoggio entrambi i piedi che sollevano il rullo stesso portando le gambe in posizione orizzontale. Ad ogni modo, oltre che cosi, l’esercizio può essere svolto anche una gamba per volta.

  • ripetizioni leg extension L'esercizio di leg extension è sempre abbinato alle schede che riguardano l'allenamento della parte bassa del corpo. Per le ragazze è un esercizio molto importante, in quanto serve a rassodare e tonif...

FITVILLAIN Ginocchiere resistenti (un paio), tutore di sostegno - Ginocchiere in Neoprene spesse 7mm, ideali per Crossfit, affondi in avanti, Leg Extensions, Squat, Sollevamento Pesi, Corsa, Calcio, Rugby e altri esercizi, compressione salda e flessibile per Uomini e Donne, Ginocchia in salute = Esercizi più Duraturi (Nero, XL)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,99€
(Risparmi 13,77€)


Leg extension: funzioni

leg curl.Lo scopo principale di questo esercizio dunque, è quello di potenziare il quadricipite,un muscolo importantissimo che si trova localizzato dal ginocchio in su (parte anteriore della gamba dunque). Il quadricipite stesso è composto da quattro sottomuscoli che sono: il retto femorale, il vasto mediale, il vasto intermedio ed il vasto laterale. Il quadricipite ha in’importanza fondamentale nel gioco muscolare. Esso è uno dei muscoli maggiormente responsabile a livello funzionale delle gambe. Dal punto di vista statico, esso favorisce la stabilità della gamba stessa, dunque la mantiene eretta se è ferma, evita dunque che le gambe tendano a piegarsi ed afflosciarsi. Per quanto concerne il livello dinamico invece, il quadricipite, gestisce tutti i movimenti di forza della gamba, ovvero entra in gioco nella corsa, nei salti e negli slanci. Ha dunque una valenza fondamentale. Il quadricipite è il muscolo che consente anche al ginocchio di lavorare nel giusto modo, dunque un trofismo di questo muscolo comporterebbe delle cause notevoli anche alla struttura ossea delle gambe. Un malfunzionamento del quadricipite, porterebbe a difficoltà di movimenti del ginocchio stesso e a consequenziali patologie di questo come liquido al suo interno, rigonfiamenti, dolore, impossibilità di movimento, spostamento della rotula. Quando il quadricipite tende al rilassamento, tutta la struttura della gamba ne paga le conseguenze. Si hanno infatti difficoltà nella deambulazione e spesso, in caso di gravi manchevolezze, la gamba tende a non reggere lo stesso peso del corpo. Questo accade ad esempio quando si è particolarmente in sovrappeso, quando il corpo diventa eccessivamente pesante per le gambe, quando la muscolatura è debole e non tonica, quando il quadricipite tende ad accorciarsi. Questo muscolo infatti, rispetto a tutti gli altri, è il maggiormente soggetto al rimpicciolimento. Per questa ragione, è importante inserire sempre esercizi che lo potenzino e ne favoriscano l’allungamento e il rassodamento continui, come la leg extension. Solitamente in un piano di allenamento completo, la muscolatura che interessa gli arti è la prima ad essere presa in considerazione. Questo perché, in riferimento particolare alle gambe, la muscolatura ha la particolare tendenza a perdere tono e potenza. In relazione all’accorciamento del quadricipite stesso, esistono diversi modi per comprendere se e come questo muscolo possa subire accorciamenti. La metodologia più quotata è quella del “test di Janda”. Il test è estremamente semplice e può essere eseguito anche autonomamente. Per effettuare il test, bisogna stendersi a terra con le braccia lungo il corpo e le gambe distese. Una sola gamba va piegata tendendo costantemente il piede nella posizione del martello. La gamba va piegata fino a quando il tallone del piede non arrivi a sfiorare o toccare il gluteo corrispondente. Nel caso in cui questo contatto non avvenga, o nel caso in cui, la distanza che viene a crearsi tra il tallone stesso e il gluteo supera i quindici centimetri, è chiaro che ci si troverà dinanzi ad un accorciamento del muscolo stesso, ovvero del quadricipite. La leg extension ha questa specifica funzione di allungare sempre di più questo muscolo, fino a renderlo forte al punto tale da non subire lesioni o traumi di alcun genere. Quando ci si approccia alla leg extension è importante non appesantire il carico. Come sottolineato sopra, la correlazione esistente tra il quadricipite che è il muscolo interessato, il ginocchio e i legamenti che lo interessano è parecchio stretta, per cui, è molto importante che durante i primi allenamenti i carichi siano leggeri. Se si tende a superare l’angolazione consentita, si potrà incorrere in problematiche relative al ginocchio. Il vantaggio di questo specifico macchinario è quello di isolare il muscolo da tutti gli altri: a lavorare è solo ed esclusivamente il quadricipite, mentre gli altri muscoli restano a riposo. Può essere dunque considerato un esercizio parecchio specifico e singolare, importante soprattutto per la sua funzionalità.


Extension leg: Macchinari correlati

leg extension per quadricipitiInsieme alla leg extension, la leg curl, è l’altro macchinario che interessa la muscolatura della coscia e specificatamente il bicipite femorale, ovvero il muscolo posteriore della coscia stessa. Costituisce proprio per questa specifica motivazione il macchinario speculare della leg extension. Lo squat poi va a completare questo trio. Sono dunque le tre tipologie di esercizi che vanno a migliorare diverse fasce muscolari tutte riguardanti la gamba. La leg curl, si esegue supini, con le caviglie che vanno al di sotto del rullo che va sollevato. La testa e la schiena devono rimanere in linea, senza formare strane curvazioni. E’ importante che la posizione iniziale sia corretta e precisa. Saranno i talloni a dover arrivare a sfiorare i glutei con il rullo stesso, potenziando in questo modo i bicipiti femorali. Solitamente i prezzi di questi macchinari variano. Il prezzo basico è di centocinquanta euro, trattandosi di un attrezzo non nuovissimo, ma che ha subito lievi modificazioni nella struttura ergonomica stessa. I prezzi possono salire fino ad un massimo di duecento euro. Le variazioni sono lievi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO