Nuoto

Vi capita mai di rimanere minuti e minuti sotto la doccia, immobili, con l’acqua che vi scorre sul viso e per tutto il corpo, lavando via i pensieri oppure aiutandovi proprio a pensare, a chiarirvi le idee su qualche problema o su un pensiero che vi tormenta? Quelle gocce d’acqua con il loro scorrere, infatti, aiutano la nostra mente ad abbandonarsi, rilassarsi, concentrarsi, una piccola porzione di benessere, di senso di libertà ed energia rispetto a quello che si riesce a percepire quando ci si ritrova davanti a sé e intorno, metri e metri, anzi litri e litri d’acqua; A volte la si vede anche come una sfida con se stessi, si mette a dura prova il proprio fisico e la propria forza interiore, lo capisce bene chi, per passione o per necessità, ogni giorno si sfila l’accappatoio, indossa cuffia e occhialini e si tuffa in questo “mare” di cloro. Infatti, se si parla con una persona che pratica questo sport per passione, una delle cose che dirà è che inizia a sentire una piccola scarica di adrenalina che percorre la schiena già sentendo dagli spogliatoi l’odore del cloro utilizzato per disinfettare l’acqua, anche se per le persone che non appartengono a questo campo può presentarsi come un odore sgradevole e fastidioso. Si può dire, inoltre, che possiamo collocare il nuoto, come uno degli sport più antichi del mondo e anche tra quelli a cui l’uomo è principalmente e involontariamente legato: basta pensare che un bambino resta in apnea, per l’appunto uno degli stili del nuoto, nel liquido amniotico per circa nove mesi nel grembo materno infatti, se si pone un bambino piccolo, di circa sei mesi, in una piscina, si può notare con quanta facilità il bambino riesce a muoversi in acqua e risalire a galla, senza avere paura; inoltre sono stati ritrovati anche graffiti, disegni che i cavernicoli disegnavano nelle caverne al tempo della preistoria, che raffigurano scene che possono essere ricondotte alle prime bracciate nello scenario del nuoto, ad oggi considerato uno tra gli sport più diffusi nel mondo e uno dei più seguiti alle olimpiadi, grazie anche alla varietà di stili praticati sia da uomini che da donne, su varie lunghezze. Ma anche se per l’essere umano, questo è uno sport che è possibile definire innato, ci sono alcune persone che ne hanno paura: paura di affogare, di non riuscire a risalire a galla, di perdere le forze e quindi di sprofondare giù, paura dell’acqua ed è per questo che in tutte le piscine autorizzate ci sono gli istruttori che, oltre alla preparazione dello sportivo a livello agonistico e non, hanno il compito di aiutare la persona a superare questa paura attraverso semplici esercizi di respirazione, oppure avvalendosi dell’aiuto di oggetti di gomma quali tavolette o lunghi tubi, che essendo molto leggeri, aiutano la persona a rimanere a galla e quindi a sentirsi più sicura. Ma scopriamo adesso, qualcosa in più su questo sport.
nuotare

Fitness Tracker IP68, Mpow Braccialetto Fitness Impermeabile IP68 Orologio Fitness Smartwatch Braccialetto Smart Nuoto Fitness Bracciale Bluetooth 4.0 Contapassi Smart Watch Cardiofrequenzimetro da Polso Braccialetto Fitness con Cardiofrequenzimetro / Pedometro / Calorie / Monitor del Sonno / Notifiche Chiamate / Activity Tracker Compatibile per Nuoto Fitness, per iOS 8.0 o Superiore, Android 4.3 o Sopra, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,99€


Come aiuta il nuoto

bambini che nuotanoPerché il nuoto è importante? Innanzitutto è uno sport, e come tutti gli sport aiuta a mantenere una buona forma fisica, o a ritrovarla in alcuni casi, migliora il tono muscolare, lo rende tonico ed elastico al tempo stesso, aiuta lo sviluppo e la crescita delle ossa soprattutto nei giovanissimi tra i dodici e i diciotto anni, migliora la respirazione e la coordinazione in tutti i movimenti e, come ogni attività, mette a contatto con tante persone, ci si mette a confronto con altre persone sia a livello di prestazione sportiva che umanistica perché anche se è uno sport individuale, ad eccezione di qualche categoria come la pallanuoto o il nuoto sincronizzato, aiuta a sviluppare una personalità, e come in tutti gli sport, alcuni dei momenti e aneddoti più divertenti nascono proprio negli spogliatoi con i propri colleghi; è per tutti questi motivi, che il nuoto è considerato come lo sport completo per eccellenza. Ad oggi poi, sono stati inventati nuovi sport per tutte le età, unendo semplicemente uno sport con un altro come per esempio l’acquagym, che sono esercizi come lo step, gli affondi o semplicemente di tonificazione e rassodamento mirato che tutti conoscono, soprattutto le donne, ma fatti in acqua che, grazie alla forza d’attrito che essa esercita, richiedono l’impiego di più energie e quindi risultano essere più efficaci, tutto accompagnato da canzoni di tendenza molto vivaci come sottofondo; Come già citato in precedenza, oltre alla passione per la quale si inizia a praticare nuoto, è anche la necessità che spinge alcune persone ad avvicinarsi a questo sport che, grazie alla capacità dell’acqua di sostenere il corpo, di farlo galleggiare e facilitare i movimenti, dopo aver subito un intervento entrano in fase di riabilitazione; Per esempio: Se una persona subisce un intervento al ginocchio, è costretta a rimanere un periodo di tempo a riposo e a tenere l’arto immobile, periodo che varia dai quattro ai trenta giorni a seconda dell’intervento subito, e pertanto i muscoli perderanno la loro tonicità che dovrà essere recuperata, poi, dopo un corretto ciclo iniziale di fisioterapie, tra le quali, appunto, quella in acqua, con l’aggiunta di piccoli pesi legati vicino alle caviglie, partendo con pesi da cinquanta grammi e aumentando di volta in volta fino ad arrivare a duecento grammi, in modo da sforzare il muscolo ad esercitare una forza maggiore ma senza sentire dolore grazie proprio all’aiuto dell’acqua. Ma questo è solo uno dei tanti casi in cui l’acqua diventa medicina o terapia; altro caso in cui è diffusa l’uso di questa “terapia alternativa” coinvolge i bambini affetti da sindromi gravi come la sindrome di down oppure affetti da autismo, infatti l’acqua li aiuta a compiere movimenti che normalmente per loro sarebbero impossibili e quindi li aiutano non solo a fare attività fisica ma anche a sentirsi meno diversi dagli altri.


  • nuoto Il nuoto è uno degli sport più completi da praticare e che garantisce miglior salute al nostro organismo. Nuotare stimola in poche parole tutti i muscoli del corpo e garantisce anche un allenamento du...
  • nuoto Tra le attività sportive più praticate, soprattutto dai bambini, c'è il nuoto. Il saper stare a stretto contatto con l'acqua diventa una motivazione in più, soprattutto per i più piccoli, per potersi ...
  • nuoto uomini Quando assistete a delle gare di nuoto vi rendete da subito conto, soprattuto per quel che riguarda il corpo maschile, come questo sia assolutamente perfetto. Spalle larghe, vita stretta e gambe musco...
  • nuoto Tra gli sport più completi, quelli che permettono al nostro corpo di svilupparsi al meglio sforzando praticamente tutti i muscoli, ritroviamo sicuramente il nuoto. Si tratta di una disciplina sportiva...

Nuoto. Teoria e pratica dell'allenamento

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,73€
(Risparmi 2,77€)


Nuoto e animali

stili di nuoto Avete mai notato che gli stili del nuoto più famosi hanno il nome di un animale? E appartenenti principalmente alla categoria degli animali marini? Di solito, quando si parla di nuoto come sport, si pensa innanzitutto alla piscina, quella struttura immensa con una vasca divisa in almeno sei corsie e con una lunghezza di venticinque metri, cinquanta per quelle olimpioniche, trampolini per la partenza, eccetera eccetera, ma se facessimo qualche riflessione capiremmo che il vero nuoto, o quello più naturale, si pratica appunto in mare, in quell’immensa distesa di acqua e sale che da sempre affascina l’uomo, e chi meglio dei suoi abitanti possono insegnarci alcuni segreti per ad affrontare al meglio quest’oceano sconosciuto? Partendo dagli esemplari più semplici da osservare come i comuni pesci rossi che tutti noi, almeno una volta nella vita, per un periodo più o meno breve, li abbiamo riservato un piccolo acquario in casa nostra, possiamo notare con quanta facilità si muovono grazie alle numerose pinne sparse per il corpo, partendo dalle pinne pettorali situate appena dietro la testa; le pinne ventrali a destra e sinistra che hanno lo scopo di funzionare come delle palette che spingono l’acqua all’indietro, dando la spinta per spostarsi, e le possiamo identificarle un po’ come le nostre braccia e le nostre mani; Poi c’è la pinna caudale, posta alla fine dell’essere vivente a mò di coda, che può essere verticale o orizzontale, ed è molto importante in quanto è la pinna che consente, più di tutte, il movimento; Inoltre, alcuni pesci oltre a presentare una pinna sul dorso, chiamata pinna dorsale, presentano anche un’altra piccola pinna costituita da tessuto adiposo, detta appunto pinna adiposa, che serve per far assumere più velocità e capacità di movimento per l’essere stesso. Ma, per i pesci, non solo le pinne sono importanti per garantire loro il movimento, infatti, grande importanza è data anche alla superficie squamosa che essi posseggono: le loro squame lisce rendono il corpo idrodinamico, cioè fanno sì che l’acqua scivoli via senza creare alcuna forza d’attrito. Ma gli esseri umani non possono usare squame o pinne particolari per nuotare e quindi si “limitano a copiare i movimenti”. Parliamo del delfino e del suo stile, detto anche farfalla, che è uno degli stili che fornisce prestazioni più scenografiche e vistose rispetto a tutti gli altri, ma anche il più affaticante in quanto richiede ingente sforzo fisico e una precisa e eccellente contemporaneità anche nella respirazione; esso è riconducibile ad un movimento simile ad un onda, compiuta da testa, torace e gambe in perfetta coordinazione tra loro: si parte dalla testa, che è sempre in anticipo rispetto a tutto al resto del corpo, e finendo con le gambe che creano un movimento simile a quello della coda del delfino. Lo stile rana, prevede un movimento sincronizzato di braccia e gambe; le mani sono utilizzate con i palmi rivolti all’esterno, mentre i piedi si presentano in posizione orizzontale rispetto alla gamba, detta anche “a martello”, per poi posizionarsi verticalmente.


Prepariamo il borsone

partenza Parliamo adesso di come ci si presenta in piscina. Non è una semplice struttura in cui ci si può andare abbigliati a proprio gusto ma presenta diversi protocolli e regole, oltre a determinati strumenti tecnici. Il costume dev’essere rigorosamente olimpionico, sia per uomini che per donne, deve aderire al corpo come una seconda pelle, deve coprirlo in modo adeguato senza però impedirne i movimenti, questo più che altro per le donne, dovendo indossare il costume intero. Altro elemento molto importante è la cuffia in gomma liscia, usata anche come fattore igienico per evitare la dispersione di capelli in acqua; Poi ci sono gli occhialini in quanto permettono al nuotatore di aprire gli occhi sott’acqua in modo da migliorare l’orientamento nella corsia e proteggendo gli occhi dalle irritazioni che potrebbe causare il cloro usato per purificare l’acqua. Inoltre è molto importante eseguire esercizi di stretching in modo da riscaldare e preparare i muscoli all’imminente attività fisica, e bagnarsi con un getto d’acqua, in modo da preparare il corpo all’impatto con l’acqua di temperatura compresa tra i ventisette e i ventinove gradi centigradi, come previsti dalla norma.




COMMENTI SULL' ARTICOLO