Tachicardia cause

Tachicardia cause generiche e tipologie

Con il termine tachicardia si fa riferimento alla tipica alterazione della frequenza del battito cardiaco che inevitabilmente tende ad aumentare. I medici hanno suddiviso le cause che generano l'alterazione del battito in fattori fisici e psicologici. Esistono svariate tipologie di tachicardia: quella temporanea o quella continuativa in cui il disturbo persiste o svanisce dopo qualche ora a seconda dei casi, quella causata da una gravidanza in atto, ma anche quella ventricolare dipendente da una funzione alterata del miocardio ed infine quella ricorrente che si manifesta con diversi attacchi durante tutto l'arco della giornata. In genere sono queste le tachicardia cause: ansia, emozioni forti, assunzione di alcol, fumo o droghe e presenza di alcune malformazioni del cuore o patologie quali anemia o problemi legati alla ghiandola tiroidea.
Salute cuore

I-Pad 33414 Defibrillatore, Italiano

Prezzo: in offerta su Amazon a: 990€


Ansia, ipertensione e battiti accelerati

Misurare la pressione sanguigna Tra le tachicardia cause, come già elencato in precedenza sono inclusi anche i fattori emotivi quali stress e ansia legati a particolari periodi della propria vita. L'abuso di alcol, caffeina o altri alimenti che tendono a migliorare l'efficenza psichica e fisica, se sovradosati tendono a generare l'effetto contrario nell'organismo umano provocando per l'appunto un aumento del battito cardiaco. La tachicardia è anche generata da ipertensione, febbre e malformazioni al cuore, motivo per cui in caso di aritmia persistente bisogna necessariamente recarsi da un medico e procedere alle dovute visite di controllo e ai relativi esami. Infine l'assunzione di antistaminici e antispastici contribuisce anche all'aumento del battito cardiaco, per tale motivo la misurazione delle frequenza cardiaca deve avvenire sempre in uno stato di riposo.

  • Elettrocardiogramma Formato dall'unione di due parole greche, tachys, che indica qualcosa di rapido e particolarmente veloce e kardia, che significa propriamente cuore, il termine tachicardia è utilizzato in medicina per...
  • Esempio di tachicardia parossistica Più diffusa di quanto si ritenga realmente, di tachicardia parossistica sopraventricolare soffre un numero sempre più crescente di persone. La tachicardia parossistica si caratterizza per un'aritmia c...
  • Cuore tachicardia Generalmente, la tachicardia consiste in una condizione che avviene in seguito a uno sforzo intenso o ad altre cause come alimentazione incostante e sottoposizione a terapie con determinati farmaci.Se...

TAPCET Misuratore di pressione automatico,Sfigmomanometro per il polso Completamente Automatico Alta precisione,Indicatore Heartbeat

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,89€
(Risparmi 30,06€)


Relazione esistente tra tachicardia e infarto

Affrontare una visita medica Quando si avvertono i primi sintomi della tachicardia spesso si associa questo evento ad un infarto in corso e l'insorgere di ansia e preoccupazione di certo non migliora la situazione. La tachicardia non va necessariamente legata ad un infarto, in quanto come già visto sono molteplici le cause che la possono scatenare. Nel caso in cui vi sia la presenza di un infarto o l'insorgenza di questo, tra i sintomi avvertiti dal paziente vi sono anche: vertigine, stordimento, perdita di coscienza e mancanza d'aria. Nel caso in cui dovesse manifestarsi una situazione del genere è meglio rivolgersi ad un medico nel più breve tempo possibile. Se si pensa all'infarto c'è da tenere in considerazione anche la possibilità dello sviluppo del cosiddetto scompenso cardiaco, che si verifica quando il miocardio non pompa la giusta quantità di sangue per affaticamento o malfunzionamento.


Farmaci per la cura

Farmaci per tachicardia La presenza della tachicardia non implica necessariamente l'assunzione di medicinali perché come già detto molti fattori scatenanti di questa patologia sono emotivi o fisici, ma in ogni caso a volte il medico può ritenere opportuno prescrivere dei farmaci il cui scopo è quello di rilassare e abbassare la frequenza cardiaca. Tra i farmaci per curare la tachicardia sono consigliati quelli a base di propafenone, amiodarone, adenosina e mexitelina, appartenenti tutti alla famiglia dei cosiddetti antiaritmici. Ricordiamo in ogni caso che non bisogna abusare di farmaci che possono provocare ulteriori problemi ed effetti indesiderati come nausea e insonnia. Volendo è possibile anche provare ad utilizzare rimedi naturali per alleviare una tachicardia non persistente, come ad esempio tisane a base di biancospino o camomille.




COMMENTI SULL' ARTICOLO