Appoggio supinatore

L'appoggio del piede nella corsa

Non tutti lo sanno, ma, correndo, i runner appoggiano il piede in maniera diversa l'uno dall'altro. L'appoggio del piede è determinato da alcune caratteristiche fisiche, come la struttura muscolare, ossea e legamentosa. Non dimentichiamoci che il piede è un organo estremamente complesso, formato da 26 ossa e da tante articolazioni. Il numero elevato di piccole ossa rende il piede elastico, proprio come accade per la mano e per la colonna vertebrale. In particolare, quando si parla di appoggio del runner si distingue tra appoggio normale, iperpronatore e appoggio supinatore. Determinare correttamente la propria tipologia di appoggio è fondamentale: un runner con un appoggio supinatore, se non vuole andare incontro a infortuni e fastidiose patologie, avrà bisogno di scarpe diverse rispetto a un corridore iperpronatore.
Ragazza che corre

FootActive Casual - 35-38 (XS)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,95€
(Risparmi 4€)


Caratteristiche della pronazione

Piedi Per pronazione si intende il normale movimento del piede, che inizia nella parte esterna del tallone, passa al centro dell'arco plantare e termina verso l'interno dell'avampiede. È l'appoggio cosiddetto normale o neutro, ma non per tutti i corridori questa tipologia di appoggio rappresenta la normalità. Coloro che non eseguono una normale pronazione si distinguono in iperpronatori e supinatori (o ipopronatori).All'impatto con il terreno, l'iperpronatore non inizia subito la fase di spinta, ma il suo piede continua a ruotare sul terreno. Questo processo può provocare una tensione eccessiva, e quindi dolore, in alcune zone, come il piede, il ginocchio e la tibia. Un supinatore, invece, mantiene per tutto il movimento (dalla fase di appoggio, alla rullata, alla spinta finale) il peso sulla parte esterna del piede.

  • Tipologie di piede Durante la camminata o la corsa il piede è impegnato in un movimento che si suddivide in tre fasi: appoggio, sostegno e stacco. Nella fase di appoggio il tallone entra in contatto col terreno, nella f...
  • calli Uno dei problemi ai piedi più comuni nelle donne e negli uomini è il classico callo. Si tratta di un indurimento della pelle che si inspessisce così tanto da provocare dolore. I calli non sono altro c...
  • Moda e bambini Molti genitori si dilettano a vestire i propri bambini alla moda, ma chiramente anche per i più piccoli la scelta dell'abbigliamento deve essere legata a fattori molto importanti che non riguardano es...
  • piedi La riflessologia plantare è una tecnica terapeutica della medicina tradizionale cinese basata sulla convinzione che ad ogni punto della pianta del piede (le cosiddette zone riflessogene) corrisponda u...

Stabilizzatore di caviglia tutore piede tendine d' Achille sport Guard Up Lace dolore NHS fascite plantare Pad UK pregiudizio stabilizzatore distorsione

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14€


Appoggio supinatore: origine e rischi

Tipologie di appoggio L'appoggio supinatore nasce da una scarsa mobilità articolare del piede, incapace di eseguire una pronazione sufficiente. In genere, il supinatore ha l'arco plantare più arcuato del normale. Questa condizione fa perdere al piede la maggior parte della propria capacità ammortizzante e provoca un'eccessiva tensione alle strutture tendinee e scompensi a livello del ginocchio. Negli anni passati si tendeva a correggere qualsiasi difetto di pronazione: tale approccio non era corretto, perché correggendo l'appoggio del piede si intaccavano certi equilibri e si spingeva il runner verso un sicuro infortunio. In realtà, se il difetto di pronazione non porta disturbi o patologie, correggere l'appoggio e quindi scardinare gli equilibri biomeccanici del corpo non è solo inutile, ma deleterio per le articolazioni.


Come capire la tipologia di appoggio che si usa

Runner infortunata Un modo semplice per capire se si è iperpronatori o supinatori è guardare le suole delle proprie scarpe da corsa. Gli iperpronatori riscontreranno un'usura eccessiva nella parte interna della calzatura, a causa della quale le scarpe, se appoggiate su un piano, risulteranno inclinate verso l'interno. I supinatori, al contrario, troveranno l'usura sul lato esterno della scarpa. I runner con un appoggio supinatore dovranno dedicare alcuni minuti a esercizi di stretching mirati per il polpaccio, i tendini, i quadricipiti e la bandelletta ileotibiale. Inoltre, scegliere le scarpe giuste è importante: mentre un iperpronatare deve orientarsi su scarpe con sostegno stabile, un supinatore non ha bisogno di scarpe correttive (non esistono scarpe da supinatore) ma dovrà acquistare delle scarpe neutre.




COMMENTI SULL' ARTICOLO