Vesciche ai piedi

Cosa sono le tipiche vesciche ai piedi

Le vesciche ai piedi sono l'esito di un processo infiammatorio scatenato da uno sfregamento continuo ed insistente su una zona a contatto con la scarpa. Quasi sempre le vesciche si formano in corrispondenza di talloni, pianta o superficie delle dita, perché sono le parti del piede più strettamente a contatto con la calzatura. Le vesciche si presentano come una sorta di bolla piena di liquido trasparente e tendente al giallo, che costituisce il siero infiammatorio. Alla base della loro formazione c'è lo scollamento dello strato corneo cutaneo dallo strato epiteliale sottostante, per effetto del riempimento liquido richiamato dal processo flogistico. La bolla, infatti, è un meccanismo di difesa che il corpo attua per impedire una lesione diretta della cute ed isolare la parte più delicata della pelle. Risultano però dolorose.
Vesciche zona plantare

WJkuku, cuscinetti metatarsali in gel, protezioni per tallone in gel di silicone, confortevoli, resistenti, doppi, sollievo rapido dal dolore ai piedi, prevenzione da calli e vesciche, 2 paia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Perché compaiono le dolorose vesciche ai piedi

Vescica dito I piedi sono costituiti da una pelle dotata di uno strato corneo più spesso, proprio perché quest'ultima risulti adeguata alle continue sollecitazioni della deambulazione o della corsa. L'utilità, dunque, di una superficie cutanea più spessa su pianta e talloni, impedisce che la pelle dei piedi si lesioni o si spacchi semplicemente camminando. Quando però il piede viene sottoposto ad un sovraffaticamento per allenamenti ginnici, corsa, trekking, lunghe passeggiate o altro, è fortemente possibile che i piedi ne risentano e che anche la loro pelle abbia una reazione. La comparsa delle vesciche ai piedi è infatti sempre consequenziale ad un'insistenza infiammatoria su una zona specifica del piede, come quella corrispondente al bordo della scarpa sul tallone o sul contorno delle dita. La vesciche, però, possono anche comparire sotto la pianta.

  • corsa Molte persone per mantenersi in forma prediligono la corsa. Questo sport è alquanto completo perché permette a tutti i muscoli del corpo di essere coinvolti durante il movimento tipico della corsa. Vi...
  • cerotto per vescica al tallone Le vesciche sono dei rigonfiamenti e infiammazioni fastidiosi che interessano le parti maggiormente sollecitate quando si esegue uno sforzo fisico e cioè le mani e i piedi. Le mani sono soggette alla ...
  • corsa La corsa è uno degli sport più praticati al mondo, questo perché permette di mantenersi in forma senza sottoporsi a dure sedute di allenamento chiusi in palestra. E' soprattutto con l'arrivo della bel...
  • Sportivo corsa Le solette Noene® risolvono in maniera efficace il problema delle vibrazioni negative. Il panorama è pieno di solette e plantari di qualsiasi genere definiti antishock. In molti casi i materiali in co...

Dr. Frederick's Original 4 cappucci in gel per le dita dei piedi - Previene la formazione di calli e vesciche - Per uomo e per donna

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Cosa evitare quando si formano le vesciche

Vescica bucata ago Poiché dolorose ad ogni sollecitazione meccanica, le vesciche ai piedi vengono frequentemente bucate con l'aiuto di un comune ago da cucito. Questa pratica però è davvero sconsigliata per più motivi: innanzitutto, dopo alcune ore dallo svuotamento della vescica il liquido infiammatorio tornerà ad accumularsi e a riempire nuovamente la bolla, per cui il problema non sarà stato risolto; in secondo luogo, bucando le vesciche ai piedi si veicolano germi e batteri presenti sull'ago e si rischia così di provocare anche un'infezione; in terzo luogo, le vesciche rotte espongono la pelle fresca sottostante al contatto diretto con l'aria, i tessuti e le calzature, rendendole ancor più dolorose. Bisogna dunque evitare di bucare le vesciche, sfruttando altri metodi per portarle a guarigione.


Vesciche ai piedi: I rimedi utili per favorirne la guarigione

Cerotti vesciche La guarigione delle vesciche ai piedi passa necessariamente dal riassorbimento spontaneo del liquido infiammatorio raccolto. Per ottenere questo risultato il più velocemente possibile, si possono attuare alcune strategie che impediscono lo schiacciamento continuo della bolla durante la deambulazione. Vanno accantonate prima di tutto le scarpe che hanno provocato il problema, scegliendo calzature comode e con pianta ampia e morbida. Secondariamente, sarà fondamentale applicare dei cerotti siliconici specifici, che ammortizzano lo schiacciamento e favoriscono il riassorbimento del siero. Un'alternativa ai cerotti siliconici è quella di utilizzare delle comuni spugne (eliminando la parte ruvida), facendo un buco in corrispondenza della vescica: in questo modo si otterrà un sollevamento del piede sulla scarpa, senza sollecitazione ulteriore della vescica che rimane isolata.



COMMENTI SULL' ARTICOLO