Esame urinocoltura

Esame urinocoltura

La coltura dell'urina serve per diagnosticare e identificare i batteri e i lieviti responsabili della contaminazione delle vie urinarie. In combinazione con l'esame urinocoltura il medico può richiedere anche il test di suscettibilità per determinare gli antibiotici in grado di annientare i microbi responsabili dell'infezione, così da prescrivere il trattamento farmacologico più efficace. La maggior parte delle infezioni urinarie sono di semplice entità. A volte non occorre nemmeno fare l'esame microbiologico, è sufficiente prendere per qualche giorno la fosfomicina, il principio attivo che annienta l'infezione, se il disturbo non dovesse risolversi dopo la cura, è il caso di sottoporsi all'analisi colturale. Le infezioni urinarie se non curate adeguatamente possono danneggiare in modo reversibile i reni e portare alla contaminazione del flusso sanguigno con gravi conseguenze.
Contenitore di urine

Strisce analisi urine 10 parametri, strisce UTI per test bilirubina, sangue, glucosio, chetoni, leucociti, nitriti, pH, proteine e altro, per diabetici, cistifellea e problemi renali, 150 strisce

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,45€


Quando fare l'esame urinocoltura

Esame di laboratorio Il medico prescrive l'esame urinocoltura quando il paziente presenta alcuni sintomi riconducibili ad un'infezione del tratto urinario come per esempio: la necessità di urinare frequentemente e in piccole quantità, avvertire nel momento della minzione un persistente bruciore, accorgersi di avere un continuo malessere alla zona lombare della schiena, fare urina maleodorante e spumosa. Nei casi più gravi si possono riscontrare nelle urine anche delle macchie di sangue. Se l'infezione raggiunge i reni, si avverte un dolore fastidioso al fianco accompagnato da febbre alta, vomito e brividi. Le donne in gravidanza devono sottoporsi, in via cautelare, all'esame urinocoltura durante il primo trimestre di gestazione per evitare che la presenza di batteri nelle urine possa danneggiare lo sviluppo del feto.

  • esami delle urine L'ematuria è la presenza di sangue nelle urine che può essere visto a occhio nudo oppure solo a livello microscopico in forma di globuli rossi. L'ematuria macroscopica si manifesta con urine rosa, ros...
  • esame urine L'urina è il prodotto di scarto dei reni ed è in grado di rivelare numerosi aspetti della nostra salute. I reni sono gli organi deputati alla filtrazione del plasma, mantenendone costante il volume, i...
  • Donna in stato interessante L'urinocoltura gravidanza è un semplice esame diagnostico da effettuare periodicamente, a seconda della prescrizione effettuata dal proprio ginecologo, e serve a tenere monitorate possibili infezioni ...
  • Esami clinici Gli esami clinici sono uno strumento diagnostico fondamentale per capire cosa accade nel nostro organismo. E' bene tenere sempre sotto controllo la propria salute effettuando annualmente un esame del ...

XXguang Creativo regalo per la festa della mamma eterna luminoso, petali di rosa con scatola di legno, decorazione per festa di nozze, San Valentino Green

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,96€


Esame di laboratorio

Esame al microscopio Già dall'esame delle urine è possibile verificare la presenza di un'infezione. Se da un campione di urina si evidenzia un numero di colonie inferiore a 10.000 il test è da ritenersi negativo. Il risultato è dubbio se il valore è compreso tra 10.000 e 100.000. Se il numero delle colonie è superiore a 100.000 è presente un'infezione. In questo caso l'esame urinocoltura evidenzia: il nome del germe responsabile dell'infezione, la concentrazione di batteri, l'antibiogramma con l'elenco di tutti gli antibiotici efficaci contro il germe ed eventuali cause attinenti ai valori alterati. Le infezioni delle vie urinarie possono essere asintomatiche quando in presenza di batteri non si avverte nessun sintomo. Quando l'infezione interessa la vescica si tratta di cistite. La pienolefrite riguarda un'infezione che colpisce la vescica e si estende fino al rene.


Come fare la raccolta delle urine

Contenitori urine La raccolta delle urine deve essere eseguita rispettando tutte le norme igieniche per non contaminare il liquido ed evitare che l'esame urinocoltura risulti alterato. Bisogna munirsi di un contenitore sterile reperibile in farmacia. La provetta va consegnata al più presto al laboratorio di analisi che provvede a porre a coltura il campione per evitare che i batteri vi si moltiplichino. Nel caso in cui non fosse possibile, per arrestare la moltiplicazione dei germi, il campione va refrigerato o messo a contatto con un liquido batteriostatico. Per eseguire l'esame urinocoltura con l'antibiogramma sono necessari sei giorni. Le infezioni delle vie urinarie si curano con gli antibiotici e un'adeguata idratazione. Le infezioni delle basse vie spesso guariscono spontaneamente. Le forme delle alte vie se non curate portano complicazioni.




COMMENTI SULL' ARTICOLO