Sangue nell'urina

Come si presenta il sangue nelle urine

Quando sussiste una situazione di ematuria macroscopica il colore delle urine è variabile a seconda della consistenza della perdita di sangue. Basti pensare che è sufficiente una emorragia di 1 ml per visualizzare chiaramente il fenomeno. Quando si parla di presenza macroscopica di tracce di sangue nelle urine il colore assunto dalle urine diventa di un rosso con diverse sfumature. Tuttavia esistono casi in cui il colore delle urine può essere anche differente: ad esempio nei casi di pH urinario molto acido sarà possibile notare nelle urine un colore marrone di tonalità scura. Un cambiamento nel colore avviene pure quando le urine che presentano tracce di sangue vengono trattenute per lungo tempo all'interno delle vie urinarie, con l'ossidazione dell'emoglobina che fa divenire ancora più scuro il liquido.
Sangue nelle urine

ELEUTEROCOCCO RADICE 100 gr. Ipotensione, energizzante, tonico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,5€


Non solo l'ematuria provoca il sangue nelle urine

Flaconi per urine Tra i motivi che possono comportare una fuoriuscita dall'organismo di sangue nelle urine non rientra solamente l'ematuria. Questo liquido viene eliminato periodicamente con un'espulsione naturale e con sé se ne vanno dall'organismo anche tutte le cosiddette sostanze-rifiuti accumulate e derivanti da altri organi. Le urine possono quindi diventare di un colore più scuro anche in presenza di altre problematiche, come un'alimentazione con dosi massicce di rabarbaro e barbabietole o l'assunzione di determinati farmaci (ad esempio lassativi, ibuprofene, rifampicina, fenacetina e metildopa). La pigmentazione delle urine può avvenire anche a causa di una contaminazione con sali biliari, urati o porfine. Inoltre anche il ciclo mestruale può provocare un arrossamento delle urine tramite l'endometriosi e le perdite ematiche vaginali.

  • esami delle urine L'ematuria è la presenza di sangue nelle urine che può essere visto a occhio nudo oppure solo a livello microscopico in forma di globuli rossi. L'ematuria macroscopica si manifesta con urine rosa, ros...
  • esame urine per ematuria L'ematuria, o sangue nelle urine, è il sintomo più frequente in urologia e può derivare da numerose condizioni cliniche. Ci sono varie distinzioni dell'ematuria: questa deve essere intanto divisa in m...
  • Analisi delle urine Il sangue urine è anche conosciuto con il nome "ematuria". Questa malattia non è sempre associata a dei disturbi importanti e solitamente viene confusa con le urine appesantite, che molto spesso tendo...

Zipee Portatile Contenitore Usa e Getta per Urina Monouso Unisex per Viaggi – 600ml, confezione da 5

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 10€)


Le cause e la diagnosi

esame urine L'urina fuoriesce all'esterno dell'organismo attraverso l'uretra, dopo essere passata prima nella vescica e dopo all'interno di particolari tubicini denominati ureteri. Fino a pochi anni fa l'ematuria si basava sulla prova dei tre bicchieri, con il paziente che doveva letteralmente urinare con un unico getto all'interno di tre differenti contenitori. Oggi questa procedura è stata sostituita dal ricorso a tecnologie maggiormente efficaci e tempestive come l'ecografia vescicale, renale e prostatica, l'uretrocistoscopia, la TAC addomo-pelvica, l'ureteropieloscopia e l'urografia. L'ematuria è infatti una sorta di sintomo che segnala un problema più importante. Proprio per questo la terapia non viene scelta unicamente per debellare la problematica del sangue nelle urine, ma anche e soprattutto per debellare il problema alla radice.


Sangue nell'urina: Terapia

Esami laboratorio per sangue urine Le terapie per rimuovere il problema della presenza di sangue all'interno delle urine variano a seconda della patologia che ne è alla base: se si tratta di calcoli renali esistono diverse tecniche terapiche da adottare come terapie d'urto, interventi chirurgici, laser e il tradizionale "colpo d'acqua". Se invece l'arrossamento delle urine dipende da un'infiammazione o un'infezione con tutta probabilità dovrà essere seguita una terapia antibiotica. I farmaci adeguati da assumere in questo senso verranno prescritti dal medico curante dopo un'attenta valutazione dell'antibiogramma, un esame che permette di ridurre al massimo il rischio derivante da tolleranza agli antibiotici o dall'insorgenza di effetti collaterali. Se invece si avrà a che fare con un'ipertrofia prostatica di lieve entità la terapia sarà semplicemente farmacologica ed a base di miorilassanti, antinfiammatori e particolari inibitori.



COMMENTI SULL' ARTICOLO