Anemico

Qual'è la malattia che colpisce una persona anemica

Un anemico è una persona che è affetto da una patologia a causa della quale la concentrazione dell'emoglobina è inferiore ai livelli normali. Questa sostanza è un pigmento del sangue che è responsabile del trasporto dell'ossigeno ed è contenuta all'interno dei globuli rossi: in questo modo si garantisce l'apporto di ossigeno proveniente dai polmoni ai tessuti. In condizioni di salute normali si hanno concentrazioni stabili di emoglobina nel sangue perché si ha un equilibrio molto preciso tra la produzione di nuovi globuli rossi nel midollo osseo e il fatto che la milza li distrugge. L'anemia compare nel momento in cui questo equilibrio si altera. Esistono diverse tipologie di questa patologia, in quanto si tratta di una caratteristica di vari disturbi; la forma più comune è legata a una carenza di ferro, sostanza fondamentale nella composizione dell'emoglobina.
Persona animica

Anemico

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Quali sono le cause della patologia di un anemico

Sintomi carenza ferro Quando si è un anemico, si può essere colpiti da varie forme di questa patologia: infatti bisogna tenere a mente che i globuli rossi del sangue si formano in un periodo di circa 5 giorni nel midollo osseo a partire da eritroblasti, cioè da cellule meno differenziate che mutano il proprio aspetto e aumentano il livello di emoglobina presente al loro interno. A questo punto il midollo osseo libera i globuli rossi (reticolociti) nel sangue: queste cellule maturano nel giro di alcuni giorni e hanno un ciclo vitale di circa 120 giorni. Quando invecchiano rimangono intrappolati nei vasi sanguigni della milza, rimanendo distrutti. Le cause che provocano la condizione di anemico sono diversi: ad esempio la patologia può essere dovuta a una carenza oppure a un'anomalia della produzione dei globuli rossi. In altri casi, invece, i disturbi sono legati a una sopravvivenza anomala di queste cellule nel sangue.

  • esami del sangue L'esame del sangue RDW (Red blood cell Distribution Width) rivela l'ampiezza di distribuzione eritrocitaria, cioè la valutazione della grandezza dei globuli rossi. Il test, compreso nell'emocromo, con...
  • Verdure e acido folico I folati appartengono alle vitamine del gruppo B e sono presenti nelle verdure a foglia verde, nei legumi, nei funghi, nelle uova e nel fegato, nelle arance. Sono molecole idrosolubili, quindi si scio...
  • anemia emolitica Il favismo è una patologia congenita causata dalla mancanza dell'enzima glucosio-6-fosfato-deidrogenasi (G6PD). Normalmente, è presente nei globuli rossi e ne garantisce la sopravvivenza e lo svolgime...
  • Mcv e globuli rossi Con l'emocromo mcv si può definire la quantità presente dei globuli rossi o eritrociti nel nostro sangue. Esse sono cellule del sangue, il loro compito è quello di trasportare l'ossigeno ai tessuti e ...

Omega 3 6 9 Oli di pesce 1000 mg Forza Massima | 120 potenti capsule di Omega 3 da oli di pesce | Scorta COMPLETA per 2 mesi | Ottimo per uomini e donne | Ricca fonte di acidi grassi Omega 3 | Sicuro ed Efficace | Pillole più vendute | Prodotto nel Regno Unito | Risultati garantiti | 30 giorni con garanzia di rimborso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,97€
(Risparmi 51,36€)


Quali sono i sintomi dell'anemia

Sintomi anemia Esistono diversi sintomi comuni a tutte le varie tipologie di anemia, che sono legate al basso contenuto di emoglobina nel sangue e quindi alla ridotta capacità di trasporto di ossigeno. La gravità della patologia che colpisce un anemico dipende da quanto è ridotta la concentrazione di emoglobina nel sangue. I livelli normali di questa sostanza sono 12-14 g/100 ml per le donne e 14-16 g/100 ml per gli uomini. Se i valori sono inferiori a 10 g/100 ml compaiono stanchezza, mal di testa e torpore. Se invece le concentrazioni scendono sotto i 8 g/100 ml si hanno difficoltà a respirare quando si compiono sforzi, angina pectoris, stordimento e palpitazione perché cuore e cervello ricevono meno ossigeno. Un anemico presenta anche pallore, soprattutto in viso. I sintomi variano a seconda di quanto rapidamente la patologia si sviluppa: ad esempio, forme a sviluppo lento provocano problemi solo a uno stadio avanzato.


Anemico: Come diagnosticare l'anemia

Persona anemica Nel caso di un anemico, la patologia viene diagnosticata in base ai sintomi e al basso livello di emoglobina riscontrata nel sangue. Dato che esistono tipi diversi di questa malattia, è importante determinarne la causa: per prima cosa si esamina un campione di sangue al microscopio, si verificano le cellule presenti e se ne esamina l'aspetto. Ad esempio, se è presente una bassa percentuale di reticolociti, la causa dell'anemia è legata a una bassa produzione di globuli rossi; al contrario, una percentuale elevata di queste cellule suggerisce che la distruzione dei globuli rossi avviene rapidamente. Nel caso di un'anemia falciforme, invece, i globuli rossi hanno una forma anomala. Per effettuare la diagnosi corretta di un anemico bisogna esaminare le cellule del midollo osseo: si effettua quindi una biopsia e si misura il livello dell'acido folico, della vitamina B12 e della bilirubina nel sangue. A volte sono necessarie altri esami per individuare la causa precisa della patologia, in modo da mettere a punto un trattamento efficace.



COMMENTI SULL' ARTICOLO