Basofili

Cosa sono i basofili

I basofili sono dei particolari globuli bianchi. Insieme agli eosinofili e ai neutrofili lavorano per difendere il nostro organismo dalle infezioni. Basofili, eosinofili e neutrofili sono chiamati granulociti per via della loro forma costituita da granuli. Ogni granulocita svolge una precisa funzione di protezione. Nello specifico i basofili esercitano la loro funzione in risposta alle reazioni allergiche. In questi casi essi si dissolvono liberando istamina e serotonina. Queste due molecole infiammano i tessuti in modo tale da aumentare la permeabilità dei capillari. E aumentando la permeabilità, l'azione di tutti i globuli bianchi è più agevole. I basofili svolgono un ruolo importante anche nella coagulazione del sangue. Infatti rilasciano l'eparina che è una molecola dalle proprietà anticoagulanti.
Globulo bianco in 3D

Allergia a farmaci: il test di attivazione dei basofili: Il contributo del BAT test nella diagnostica di reazioni avverse a farmaci

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,52€
(Risparmi 0,99€)


Basofilia

Basofilia La basofilia è la condizione in cui i granulociti basofili sono in numero superiore rispetto al range di riferimento. Più precisamente si parla di basofilia quando i basofili superano l'1% di tutti i leucociti. Vista la funzione dei basofili, quando questi sono in numero superiore rispetto alla norma è perché è in atto un processo infiammatorio o una infezione. Ossia si presenta una condizione che richiede un numero elevato di basofili. Un esempio è il morbillo. In questo caso i basofili aumentano per far fronte all'infezione in corso. Stesso discorso vale per la varicella. Anche in caso di diabete, psoriasi, colite ulcerosa e sinusite gli eosinofili aumentano per proteggere i tessuti dalle infezioni in corso. La basofilia è associata anche a condizioni patologiche più gravi come la leucemia e i linfomi.

  • Visione al microscopio dei globuli rossi I globuli rossi, chiamati anche emazie, sono speciali cellule del sangue deputate al trasporto di ossigeno in ogni distretto dell'organismo. La loro conformazione è specificatamente a disco biconcavo ...
  • Liposcultura di fianchi e cosce La liposcultura, o rimodellamento corporeo, è uno degli interventi più richiesti della chirurgia estetica. L'operazione consente di scolpire il corpo dei pazienti asportando tessuto adiposo indesidera...
  • Provetta per esame del sangue Qualsiasi persona dovrebbe periodicamente effettuare degli esami del sangue per valutare lo stato di salute. La regolarità con cui vengono effettuati i prelievi deve essere commisurata alla condizione...
  • Provette per esame PCR La sigla PCR sta per Proteina C-Reattiva (o C-Reactive Protein) ed indica una specifica proteina prodotta dal fegato, misurabile a livello sanguigno soprattutto in corrispondenza di stati di infiammaz...

Monitoraggio in tempo reale senza fili TPMS con display da 3 pollici a LED, 4 sensori esterni Guage di pressione digitale dei pneumatici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 69€
(Risparmi 24€)


Basopenia

esame sangue gravidanza Per basopenia si intende una presenza molto bassa di basofili. Ossia i basofili nel sangue sono in misura inferiore allo 0,01%. La basopenia non indica necessariamente una condizione patologica. E' infatti frequente che il numero dei basofili diminuisca durante la gravidanza. Nelle donne gravide, infatti, le alterazioni ormonali possono portare ad aumentare o diminuire tutti i valori del sangue. Anche lo stress produce un calo delle difese immunitarie e di conseguenza dei basofili. La basopenia però può presentarsi anche durante un processo infettivo. E' il caso dell'orticaria delle infezioni di varia natura e dello shock. Durante le infezioni infatti i basofili calano perché, insieme agli altri granulociti, provvedono a combattere gli agenti patogeni e si immolano per difendere l'organismo.


Perchè contare i basofili

controllo basofili Durante particolari condizioni di salutesalute il medico prescrive l'emocromo, che permette di contare i granulociti basofili insieme agli altri leucociti (granulociti eosinofili e granulociti neutrofili). Il prelievo sanguigno necessario ad analizzare l'emocromo viene fatto necessariamente a digiuno, poiché alcuni alimenti possono influenzare i valori di ogni singolo componente del sangue. Durante i test di laboratorio, i basofili vengono riconosciuti perché reagiscono a dei coloranti diventando blu. Di solito l'esame emocromocitometrico viene analizzato per diagnosticare malattie di diversa natura, per determinare un'infezione e per rilevare l'evoluzione di alcune malattie. Ad ogni modo il valore di ogni componente del sangue viene rapportato alle condizioni di salute generali e agli eventuali sintomi.




COMMENTI SULL' ARTICOLO