Calcolo rischio cardiovascolare

Lo studio di Framingham

Lo Studio di Framingham è una ricerca sulle malattie cardiovascolari (CDV), iniziata nel 1948 negli Stati Uniti a Framingham nel Massachussets. All’epoca la mortalità per CDV era alta e in costante aumento dall'inizio del secolo. Lo studio di Framingham, nato per volontà del National Heart Institute, in collaborazione con l’università di Boston, ha controllato migliaia di persone di entrambi i sessi, di età compresa tra 30 e 62 anni, colpite da malattie coronariche, non solo con esami clinici ma con interviste sullo stile di vita e le abitudini alimentari. Le persone hanno rinnovato la loro presenza ogni due anni per nuovi controlli e prove di laboratorio e nel 1971 hanno aderito al progetto i figli adulti dei partecipanti originali e dei loro coniugi. La ricerca è giunta a identificare i principali fattori di rischio cardiovascolare.
Il Dr. Dawber, direttore dello Studio di Framingham dal 1949 al 1966

MiraFit - Mini stepper per allenamento twist/aerobico - corde elastiche per braccia - display LCD

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,99€


I fattori di rischio cardiovascolare

Principali fattori di rischio cardiovascolare In oltre cinquant'anni di osservazione di più di diecimila persone lo studio di Framingham è giunto alla identificazione delle cause maggiormente rilevanti di pericolo cardiovascolare: - l’ipertensione arteriosa, la quantità di colesterolo e di trigliceridi nel sangue; - il fumo; - l'obesità; - il diabete; - l’età; - il sesso; - l'inattività fisica; - i problemi psicosociali. Anche se la ricerca di Framingham ha rivolto l’attenzione a persone principalmente di ceppo caucasico, l'importanza dei principali fattori di rischio individuati in questo gruppo è stata dimostrata in altri studi su gruppi etnici e razziali differenti. L’esperienza di Framingham e le successive ricerche in vari paesi del mondo tra cui l’Italia, hanno contribuito a ridurre la mortalità per problemi cardiovascolari, scoprendo inoltre una nuova malattia denominata ischemia silente.

  • Dieta e salute La dieta è la soluzione per chi desidera perdere peso. Chi desidera dimagrire, in primis decide di ridurre l’apporto calorico dei cibi, cercando di snellire la propria silhouette in un arco di tempo b...
  • massaggio piedi La riflessologia è una vera e propria terapia, che affonda le sue radici nel presupposto che il benessere dell’individuo è influenzato da ogni singolo aspetto della vita di una persona. La riflessolog...
  • seno e chirurgia estetica Una donna per sentirsi tale ha il bisogno di avere un seno che la soddisfi. Di solito nessuna donna riesce ad essere contenta del proprio corpo, c'è insomma sempre qualcosa che non sembra soddisfarla....
  • stress La società odierna impone al nostro stato fisico e mentale degli impulsi sin troppo stressanti che inevitabilmente ci infondono ansia, preoccupazione, depressione, tensione, aggressività e cattivo umo...

Cuscino in lattice naturale ad alta e bassa particella massaggio cuscino in lattice-A

Prezzo: in offerta su Amazon a: 66€


Le carte del rischio cardiovascolare

Carte del rischio cardiovascolare Lo Studio di Framingham ha portato all’elaborazione delle carte del rischio cardiovascolare per determinare il rischio di un infarto del miocardio o un ictus nel corso di dieci anni, con la valutazione dei seguenti fattori: sesso, diabete, consuetudine al fumo, età, pressione arteriosa, quantità di colesterolo presente nel sangue. Precauzioni relative alla Carta del rischio: - deve essere utilizzata da un medico; - il paziente deve avere un’età compresa fra i 40 e i 69 anni e senza precedenti eventi cardiovascolari; - le donne non devono essere in gravidanza; - non si applica se la pressione massima supera i 200 mmHg e la minima è inferiore a 90 mmHg; - non si applica se il colesterolo totale supera i 320 mg/dl o è inferiore a 130 mg/dl; - gli esami di glicemia e colesterolo devono essere recenti (max. 3 mesi).


Calcolo rischio cardiovascolare: Calcolo del punteggio individuale

Esempio di calcolatore del rischio cardiovascolare Anche il punteggio individuale ipotizza la probabilità di rischio di infarto o di ictus nel corso di dieci anni, sulla base di dati relativi a sesso, età, diabete, abitudine al fumo, pressione arteriosa, colesterolo totale e, in aggiunta, il colesterolo HDL e la cura contro la pressione alta. Considerando due dati in più, questo metodo è più approfondito rispetto a quello delle carte, che prendono in considerazione, per il colesterolo e la pressione, intervalli di dati mentre il punteggio individuale usa i valori specifici e si applica a una fascia di età più ampia (35-69 anni). La valutazione del rischio attraverso i due strumenti può risultare diversa. Le stesse precauzioni indicate per le carte valgono per il calcolo del punteggio individuale, che deve essere effettuato dal medico.



COMMENTI SULL' ARTICOLO