Tonsillite sintomi

Cos'è la tonsillite

Le tonsille sono degli ammassi di tessuto linfatico situate dietro la lingua, sono molto utili per rendere l'aria più calda prima di raggiungere i polmoni e inoltre fungono da filtro contro i microrganismi presenti nell'aria che inspiriamo, proteggendo in questo modo le vie aeree superiori da eventuali infezioni. Se le tonsille si infettano non riescono più ad assolvere al loro compito di protezione, inoltre possono provocare forte dolore e sintomi correlati come la febbre, in molti casi anche alta. Frequentemente la tonsillite può provocare disturbi anche alle adenoidi. La tonsillite è un disturbo molto frequente e piuttosto fastidioso nei bambini in età scolare: la sua forma acuta si presenta spesso associata ad altri sintomi come vomito, diarrea, patina sulla lingua e placche in gola.
Bambino dal medico

SPECCHIASOL - UVA URSINA T.M. 30, 3 CONFEZIONI DA 50 ML - disinfettante vie urinarie, cistite, uretrite, infiammazioni della vescica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,05€
(Risparmi 3,45€)


Tonsillite sintomi e terapie

Antibiotici tonsillite In molti casi la tonsillite è provocata da virus, come nel caso della mononucleosi, ovvero dal virus di Epstein Barr ed è facilmente risolvibile con l'aiuto di semplici farmaci da banco. In altri casi la tonsillite è invece provocata un'infezione batterica, come nel caso della tonsillite da streptococco: in questo caso si rende necessaria una terapia antibiotica mirata. In alcuni casi la tonsillite può acutizzarsi o presentarsi spesso nel corso dell'anno: in questo caso siamo in presenza di una tonsillite acuta di tipo cronico e il pediatra o il medico di base potrebbero decidere di rimandarci ad un consulto con uno specialista in otorinolaringoiatria, per valutare l'eventualità di una rimozione chirurgica delle tonsille laddove la terapia antibiotica da sola non riesce a risolvere efficacemente il problema.

  • male da tonsillITE Con il termine tonsille solitamente si indicano le ghiandole linfatiche poste all'interno della bocca, in corrispondenza dell'istmo delle fauci. Più precisamente, queste sono le tonsille palatine; esi...
  • Sintomi tonsillite La tonsillite è un'infiammazione delle tonsille che può essere virale o batterica. Comprenderne l'origine è fondamentale per capire come curarla e come prevenirla, ad esempio nel caso di tonsillite cr...
  • Tonsille adenoidi Le tonsille sono un ammasso di tessuto linfatico a struttura follicolare, di forma e dimensione varia. Sono situate nella bocca (tonsille palatine) e nella faringe (adenoidi). Le tonsille sono spesso ...
  • Dieta e salute La dieta è la soluzione per chi desidera perdere peso. Chi desidera dimagrire, in primis decide di ridurre l’apporto calorico dei cibi, cercando di snellire la propria silhouette in un arco di tempo b...

BIOSLINE - CALMACID REFLUX 2 CONFEZIONI DA 21 BUSTINE, reflusso, iperacidità, bruciore di stomaco, pirosi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,5€


Rimozione Tonsille

togliere tonsille Se il vostro medico vi ha consigliato una valutazione otorinolaringoiatrica perchè le vostre tonsille si infettano spesso, sono perennemente ingrossate o affette da una patologia rara, l'otorino potrebbe decidere di ricorrere ad un intervento di tonsillectomia. Con il termine tonsillectomia si intende la rimozione delle tonsille attraverso un intervento chirurgico, che può rendersi necessario se le tonsille vengono frequentemente colpite da infezioni. L'intervento di tonsillectomia viene sempre eseguito in anestesia generale e non ha particolari complicazioni salvo il dolore e qualche caso non grave di emorragia; il tempo di ripresa è di circa due settimane durante le quali è importantissimo attenersi scrupolosamente alle indicazioni del medico. L'intervento dura da venti minuti a un'ora e, se non si presentano particolari complicazioni, la dimissione può avvenire anche il giorno stesso dell'intervento.


Post intervento tonsillectomia

fare tonsillectomia Dopo un intervento di tonsillectomia ci sono alcune regole da seguire per avere una ripresa rapida e ottimale ed evitare l'insorgere di complicazioni post operatorie. Si dovrebbero evitare bevande di tipo acido, come ad esempio i succhi di frutta, prediligere i cibi leggeri e non solidi che possano essere deglutiti facilmente. Nell'arco di una settimana il dolore comincia ad attenuarsi e si può gradualmente provare a deglutire cibi semisolidi per riabituarsi ad una alimentazione normale. Esiste la possibilità che si verifichino piccole emorragie: sono assolutamente normali e possono essere attenuate con dei gargarismi di acqua fredda, che funge da vasocostrittore. Il riposo è importantissimo, così come la cura dell'igiene di bocca e denti dopo i pasti, con l'utilizzo di un colluttorio.




COMMENTI SULL' ARTICOLO