Tonsillite virale

Le tonsille

Con il termine tonsille solitamente si indicano le ghiandole linfatiche poste all'interno della bocca, in corrispondenza dell'istmo delle fauci. Più precisamente, queste sono le tonsille palatine; esistono, infatti, altri tipi di tonsille lungo l'apparato orofaringeo, come le tonsille faringee o linguali. Le tonsille palatine, però, svolgono una predominante funzione protettiva nei confronti delle vie respiratorie, essendo le più esposte agli agenti patogeni presenti nell'aria. Esse, infatti, svolgono una funzione protettiva nei confronti di tutto l'apparato respiratorio. Queste ghiandole iniziano a crescere durante l'infanzia e raggiungono la dimensione massima durante la pubertà, per poi cominciare a sgonfiarsi e andare incontro ad atrofia in età adulta. I bambini, dunque, sono i più soggetti alle tonsilliti. Le tonsille palatine sono visibili dall'esterno senza particolari strumenti diagnostici, perciò la diagnosi di tonsillite risulta semplice.
male da tonsillITE

Anti-Polvere Acari Aspirapolvere, Aspirapolvere Materassi Professionale Casalingo Forte Aspirazione 300 W E Luce UV Aspirapolvere Per Acari Per Pazienti Di Allergia I Proprietari Di Animali Domestici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 105,46€


Tonsillite virale: cause e sintomi

Bambino con tonsille infiammate La tonsillite, ossia l'infezione di una od entrambe le tonsille, nel 70% dei casi è causata da virus. Adenovirus e rinovirus sono i patogeni più comuni in caso di tonsillite virali. Essi, infatti, sono anche i responsabili del comune raffreddore e, perciò, sono molto diffusi. Il virus di Epstein-Barr, responsabile della mononucleosi, può causare forme più gravi e difficili da curare di tonsillite virale. Anche l'HIV è annoverato tra i virus in grado di infettare le tonsille. I sintomi specifici della tonsillite virale sono spesso evidenti con la semplice osservazione: le tonsille risultano gonfie, arrossate, a volte ricoperte di fori superficiali dai quali fuoriesce una sostanza bianca. I sintomi aspecifici sono febbre inferiore ai 39°C, disfonia, mal di testa, dolore durante la deglutizione, nausea e malessere generale. Alla tonsillite virale è quasi sempre associata la congestione nasale.

  • Bambino dal medico Le tonsille sono degli ammassi di tessuto linfatico situate dietro la lingua, sono molto utili per rendere l'aria più calda prima di raggiungere i polmoni e inoltre fungono da filtro contro i microrga...
  • Sintomi tonsillite La tonsillite è un'infiammazione delle tonsille che può essere virale o batterica. Comprenderne l'origine è fondamentale per capire come curarla e come prevenirla, ad esempio nel caso di tonsillite cr...
  • Tonsille adenoidi Le tonsille sono un ammasso di tessuto linfatico a struttura follicolare, di forma e dimensione varia. Sono situate nella bocca (tonsille palatine) e nella faringe (adenoidi). Le tonsille sono spesso ...

¿Están relacionadas la aterosclerosis y la periodontitis crónica?: Estudio clínico y de laboratorio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 66,09€


Tonsillite virale: prevenzione e cura

Donna malata con bevanda calda I bambini sono particolarmente soggetti alle tonsilliti virali, anche a causa dell'ambiente scolastico. I virus, infatti, si trasmettono particolarmente bene in ambienti circoscritti, pieni di gente e caldi. La rimozione chirurgica delle tonsille, pur essendo un intervento relativamente semplice, non viene più effettuato con la stessa frequenza dei decenni passati. Si ricorre alla chirurgia, infatti, solo in caso di recidive particolarmente ricorrenti o complicazioni severe, come apnea durante il sonno. Le tonsille, infatti, anche se soggette a infezioni, svolgono un'importante funzione immunitaria. Gli antibiotici non sono efficaci nelle tonsilliti virali; la terapia farmacologica, perciò, serve solo a ridurre e controllare la febbre e il dolore. A tal proposito vengono somministrati paracetamolo e ibuprofene. Le tonsilliti virali regrediscono nel giro di 72 ore. Durante questo lasso di tempo è bene riposarsi e stare al caldo. Importante è curare l'idratazione, compromessa dalla febbre. Bevande calde e brodi, invece, sono in grado di alleviare il dolore locale, almeno momentaneamente.


Diagnosi differenziale

Differenza tonsillite virale e batterica È bene scoprire il più presto possibile la causa della tonsillite. I tamponi faringei spesso richiedono troppo tempo per i risultati di laboratorio. Nel caso delle tonsilliti batteriche, infatti, una tempestiva cura antibiotica è fondamentale. Per garantire la prescrizione di un trattamento veloce e adeguato della tonsillite, il medico, durante la visita, utilizza il punteggio di McIsaac. Il dottore, cioè, si appresta a verificare la presenza di 5 sintomi, assegnando il punteggio di 1 ad ogni esito positivo. Più il totale vicino allo 0, più è probabile si tratti di tonsillite virale; nel caso in cui il punteggio si avvicini al massimo, ossia 5, è bene iniziare il trattamento per la tonsillite streptococcica. I sintomi che il medico va a verificare sono: febbre maggiore o uguale a 38°C, assenza di tosse, presenza di rigonfiamenti a danno dei linfonodi sul collo, tumefazione e essudato tonsillare ed età compresa tra i 3 e i 14 anni.




COMMENTI SULL' ARTICOLO