Sintomi morbillo

Sintomi morbillo più frequenti, come si manifestano

All'inizio della malattia i sintomi morbillo non sono così evidenti, tanto che in alcuni casi è possibile scambiarli per normale febbre. La patologia infatti si manifesta, soprattutto nei bambini, con un forte mal di testa, una temperatura corporea molto elevata, il naso che gocciola e gli occhi rossi e gonfi. Tuttavia, durante il decorso della stessa, il soggetto malato può diventare sensibile alla luce del sole e, attorno al quarto o al quinto giorno, sul suo corpo e sul suo viso appaiono delle macchie rosse, che in alcuni casi possono lasciare delle cicatrici permanenti. Anche se si tratta di una malattia contagiosa che colpisce soprattutto durante l'infanzia e dalla quale, una volta guariti, si è immuni, in alcuni casi molto rari il morbillo può anche colpire gli adulti. I sintomi sono gli stessi di quelli dei bambini, ma nel caso degli adulti tra i sintomi morbillo può esserci anche la comparsa di macchie rosse sul palato e bianche sulle guance interne.
Bambina morbillo

Acqua ricca di idrogeno bottiglia Biberon portatile ad alto contenuto di idrogeno Anti età Dispositivo per l'acqua antiossidante USB tecnologia del generatore ionizzato produttore 430ml,Gold

Prezzo: in offerta su Amazon a: 75,88€


Sintomi morbillo, quali sono le cause

Virus morbillo La causa principale dei sintomi morbillo è un virus che appartiene alla famiglia dei paramixovirus, tra i quali troviamo anche i virus patogeni che provocano gli orecchioni, che è il responsabile della comparsa delle macchie rosse sulla cute, della febbre alta, della sensibilità alla luce solare e dell'infezione alle vie respiratorie. L'infezione avviene normalmente durante il periodo primaverile, quando possono verificarsi delle vere e proprie epidemie di morbillo nelle scuole, attraverso le vie aeree oppure tramite il contatto del soggetto sano con le secrezioni nasali o della faringe di un soggetto malato. Tuttavia, anche se in apparenza può sembrare un fatto impossibile, i sintomi morbillo non possono essere contratti dal contatto con gli oggetti, come spazzole e asciugamani, con i vestiti e con le altre cose che sono state toccate in precedenza dal malato.

  • bendaggio alluce L’alluce valgo è una patologia del piede, una delle più comuni. Si presenta con una deformità del primo dito, il metatarso, che tende a sporgere e spostarsi verso le altre dita, mentre sul lato intern...
  • dermatologo La pelle è il nostro schermo protettivo e uno strumento attraverso il quale si manifestano precise patologie provenienti dall’interno del nostro organismo. L’epidermide secerne acqua e liquidi, regola...
  • melanina La cute è una struttura molto complessa caratterizzata da numerose cellule, come i cheratinociti e i melanociti. Essi contengono l'enzima tirosinasi necessario per la formazione della melanina. La mel...
  • denti La carie dentaria è una vera e propria malattia che colpisce qualsiasi tipo di dente, anche se in particolare essa si sviluppa di più in molari e premolari. Qualsiasi dente ne può restare infetto poic...

Tisana Tonicren Depurativa Reni Erbecedario, Per Renella E Calcoli Renali, 1 Sacchetto da 100g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


Durata dei sintomi morbillo

Vaccinazione morbillo La durata dei sintomi morbillo può variare a seconda della salute del soggetto, dell'età e anche della struttura fisica, ma in genere il periodo di incubazione non supera mai le due settimane. Nei primi giorni della comparsa della patologia, che sono anche quelli più a rischio, i sintomi morbillo possono essere scambiati con una banale febbre, la temperatura corporea si alza, arrivando a toccare anche i quaranta gradi, e può durare fino a sette o a otto giorni. Intorno al quarto o al quinto giorno si ha la comparsa della macchie rosse di forma rotonda, che possono anche dare prurito ed essere maggiormente presenti dietro il collo e dietro le orecchie. Le macchie scompaiono tra il settimo e l'undicesimo giorno, mentre trascorsi altri dieci giorni, il bambino, o l'adulto, si può considerare guarito e di nuovo in salute. I soggetti più a rischio sono i neonati fino ai tre anni, ma la malattia può colpire anche i bambini in età scolare e prescolare.


Come si cura

Morbillo vaccino Fin dalla loro comparsa, anche se una maggiore attenzione la si deve prestare quando appaiono le macchie rosse, i sintomi morbillo non devono essere assolutamente sottovalutati né tanto meno curati con rimedi fai da te o naturali, che possono rivelarsi molto pericolosi sia per il malato sia per la persona che lo cura. Una volta che la malattia si è manifestata, è opportuno contattare al più presto il proprio medico di fiducia per farsi prescrivere la cura antibiotica o farmacologica più adatta. Inoltre il malato, nel limite del possibile, deve cercare di evitare i movimenti non necessari, l'esposizione alla luce del sole e il contatto con i soggetti sani, soprattutto con i bambini, che sono i più vulnerabili al morbo. A livello di prevenzione, è possibile difendersi dai sintomi morbillo con la vaccinazione, che in genere viene fatta dal medico o dal pediatra di fiducia e contrasta in modo efficace la comparsa della malattia.




COMMENTI SULL' ARTICOLO