Perdite vaginali gialle

Le cause principali

Molto spesso alle donne succede di ritrovarsi gli slip inumiditi di una sostanza bianco-giallastra, chiamata smegma. Si tratta di un secreto vaginale fisiologico che aumenta in corrispondenza dell'ovulazione (a circa 15 giorni dall'inizio del ciclo mestruale successivo), per facilitare l'ingresso del pene nell'amplesso e favorire così la procreazione. Quando però queste perdite vaginali cambiano colore diventando giallastre e maleodoranti, possono essere indice di un'infezione in corso. Il colore delle perdite vira verso il giallo perché si riempie di pus, fatto a sua volta di anticorpi e batteri. Bisogna infatti considerare che nell'ambiente vaginale vi sono dei batteri saprofiti, ovvero normalmente presenti: questa situazione può però sbilanciarsi e la colonizzazione batterica può diventare patogena. In questi casi si assiste a perdite vaginali gialle.
Problemi vaginali

Kira trattamento per sindrome pre-mestruale (30 compresse) 1 al giorno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,88€


Cosa fare di fronte a delle perdite vaginali

Visita ginecologica Quando ci si accorge di avere delle perdite vaginali gialle, è importante individuare il lasso di tempo in cui si hanno, perché risulta molto indicativo per capire una probabile causa fisiologica o patologica. Se infatti le perdite perdurano da diverso tempo ed in maniera più o meno costante, rilasciando anche un cattivo odore, bisognerà ipotizzare un'infezione e chiamare subito il proprio ginecologo. Qualora invece le perdite vaginali si limitassero a pochi giorni al mese, corrispondenti ai giorni di ovulazione, si potrebbe anche soprassedere, soprattutto se non emanano cattivo odore. E' importante non utilizzare rimedi naturali, lavande o qualsiasi altra applicazione locale, perché in caso di diagnosi di laboratorio potrebbero comprometterne i risultati e rendere difficile la scelta della terapia adeguata. Affidatevi sempre al vostro medico di fiducia.

  • apparato genitale femminile La vaginite è una infiammazione della vagina. La maggior parte delle volte la vaginite è causata da infezioni di media entità ed è molto comune nelle donne. In particolare le infezioni che determinano...
  • Candida e infezioni vaginali Le vaginiti sono essenzialmente un'infiammazione della vagina, cioè dei tessuti genitali della donna. Le vaginiti possono essere causate da vari fattori, ad esempio da un'infezione, da una reazione al...
  • Prima del tempone vulvare Prima di presentarsi in ambulatorio per fare un tampone vulvare, ci sono alcune condizioni che vanno rispettate. Innanzitutto, bisogna comunicare all’accettazione se si stanno seguendo delle terapie f...
  • Esempio di esame colposcopico Ogni anno sono molte le donne che si sottopongono a un esame colposcopico; questo esame viene effettuato in maniera rapida, in quanto non è prevista l'anestesia. Il suo scopo è prevenire e diagnostica...

Cutered Sport Gel Intimo Equilibrio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14€


Visita ginecologica specialistica: in cosa consiste

Esame ginecologico Una visita ginecologica annuale dovrebbe essere di routine per ogni donna in età fertile, ma spesso ci si trascura arrivando dal ginecologo solo quando strettamente necessario. Nel caso di perdite vaginali gialle la visita ginecologica specialistica risulta davvero indispensabile ad ottenere una diagnosi di certezza ed una successiva terapia adeguata.La paziente viene sottoposta a visita clinica ginecologica, durante la quale con un tampone vaginale viene prelevato un campione del muco giallo. Il tampone viene poi inviato ad un laboratorio di competenza che provvederà ad esaminarlo per stabilire l'eventuale presenza di agenti patogeni, batterici, micotici o virali. Solo a seguito di tale esito, il ginecologo potrà stabilire il tipo di terapia a cui la paziente dovrà sottoporsi per eliminare il problema.


Perdite vaginali gialle: Terapie adeguate

Ginecologo terapia Una volta stabilito con diagnosi di certezza che le perdite vaginali gialle sono effettivamente associate ad un processo patologico infettivo in atto, il medico può finalmente impostare una terapia corretta e mirata.Nel caso si tratti di un'infezione batterica il ginecologo prescriverà antibiotici selettivi, in grado di agire specificatamente verso il batterio isolato e nella zona vaginale; nel caso invece si tratti di un'infezione fungina, il medico si avvarrà dell'utilizzo di antimicotici specifici, spesso associandoli anche ad antibiotici generici, perché le due infezioni frequentemente coesistono. In molti casi potrà anche prescrivere delle lavande da eseguire a casa e dei fermenti lattici da assumere per via orale, per aiutare a ripopolare la microflora batterica vaginale dei batteri saprofiti indispensabili.



COMMENTI SULL' ARTICOLO