Pitiriasi di Gibert

Manifestazioni pitiriasi di Gibert

La pitiriasi di Gibert, scientificamente "Pityriasis rosea", è una malattia della pelle caratterizzata dalla comparsa di un eritema, cioè un esteso arrossamento associato ad una leggera desquamazione. Questa dermatite, che si può osservare a tutte le età ma in prevalenza nei giovani adulti, si manifesta con maggiore frequenza nel periodo della primavera e dell'autunno. La pitiriasi di Gibert è benigna e non contagiosa, spesso scompare senza alcun intervento nel giro di alcune settimane. Può confondersi con facilità con altre malattie quali la pitiriasi rosea gigante e la rosea invertita, e manifestarsi in vari modi. Più frequente è la comparsa iniziale di una singola chiazza, di 3-4 centimetri di diametro, di colore marrone rosa chiarissimo che può passare inosservata se non si forma su una zona facilmente visibile.
Manifestazione della pitiriasi di gibert

Matematica.blu 2.0. Tutor. Per le Scuole superiori. Con aggiornamento online: 4

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,19€
(Risparmi 4,51€)


Sintomi pitiriasi di gibert

Prurito da pitiriasi rosea La forma di pitiriasi di Gibert che inizia con una solitaria macchia cutanea si manifesta successivamente con la formazione di un certo numero di eruzioni che hanno la forma di tante piccole chiazze più piccole e leggermente ovali localizzate principalmente sul tronco o alla base del collo e degli arti. Le macchie continueranno a manifestarsi ad intervalli di pochi giorni per un periodo di tempo variabile. Generalmente l'eruzione dura un paio di settimane ma ci sono stati casi prolungati per 3-4 mesi. Le manifestazioni della pitiriasi di Gibert sono diverse da persona a persona, la malattia in certi casi è accompagnata o preceduta da un malessere generale con una lieve febbre, in altri da dolore alla testa e senso di stanchezza, a volte genera chiazze dolorose o accompagnate da un fastidioso prurito.

  • Orticaria. L'orticaria è una patologia dermatologica che si manifesta con un'eruzione cutanea, caratterizzata dalla comparsa di pomfi, ovvero piccole lesioni cutanee tondeggianti in rilievo, di colore rosato o r...
  • Persona colpita da prurito Il prurito è un'irritazione intensa o fastidiosa, che genera la sensazione che soltanto grattando la pelle si possa ottenere sollievo. Può essere generalizzata oppure locale: nel primo caso è percepit...
  • Esempio di porpora nei bambini Appartenente a un insieme eterogeneo di malattie, la porpora è una lesione simile a un ematoma rossastro o violaceo, derivante dallo scoppio dei capillari sotto lo strato superficiale della pelle. In ...
  • Acido borico in polvere Le micosi pelle sono processi infettivi che colpiscono i tessuti cutanei in varie forme e zone. Infatti non è solo la pelle ad essere colpita dai funghi cutanei ma anche unghie, peli, capelli, mucose ...

Dermasilk - Fascia in Fibroina di Seta cm 150x25

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35€


Origine della pitiriasi rosea

Chiazze della sesta malattia La pitiriasi rosea colpisce generalmente nella fascia di 10-35 anni di età e nella stragrande maggioranza dei casi una sola volta nella vita. La sua origine non è chiara e scientificamente dimostrata anche se l'ipotesi più sostenuta assegna la causa a problemi di natura virale, più precisamente in seguito alla riattivazione degli herpesvirus umani 6 e 7. L'infezione iniziale di solito si verifica nella prima infanzia ma a volte passa inosservata o ritenuta come una manifestazione della sesta malattia o roseola infantile. Altre ipotesi legano lo sviluppo della pitiriasi di gibert a malattie sviluppate da funghi particolari, a infezioni batteriche o semplicemente ad una reazione psicosomatica. Alcuni studi hanno anche suggerito che la causa scatenante possa essere legata al consumo di alcuni tipi di farmaci come barbiturici e sedativi.


Pitiriasi di Gibert: Precauzioni utili e trattamento

Olio di canapa con omega3 Nella maggior parte delle situazioni la guarigione della pitiriasi di Gibert avviene naturalmente e senza trattamento di alcun genere. Dopo 3-6 settimane le lesioni cutanee scompaiono gradualmente con rarissimi casi di ricaduta. Tuttavia per alcune persone sarà necessario seguire una serie di precauzioni e ricorrere a determinati trattamenti al fine di migliorare la propria vita quotidiana durante la malattia, ad esempio applicando sulla pelle oli ricchi di Omega 3 come l'olio di canapa, associato a dell'olio di borragine per alleviare il prurito. Consigli utilissimi sono di evitare i corticosteroidi, per via orale e sulla pelle, che alleviano il prurito ma complicano notevolmente il decorso della malattia ed evitare certi tipi di tessuti, i saponi e le lozioni antisettiche.



COMMENTI SULL' ARTICOLO