Emazie nelle urine

Cosa significano le emazie nelle urine

Le emazie nelle urine non sono altro che globuli rossi in eccesso, quindi sangue. È possibile che l'urina sia visibilmente mista a sangue così come può capitare di rilevare un numero di globuli rossi alti durante un esame delle urine di routine senza che il sangue sia visibile ad occhio nudo. Generalmente, quando c'è perdita ematica nelle urine, la si vede in quantità anche copiosa, fino a quasi pensare di aver urinato esclusivamente sangue. È una condizione che può fare molta impressione e spaventare il paziente ma, fortunatamente, è quasi sempre benigna e facilmente risolvibile. Il sangue nell'urina può essere di colore rosso vivo, rosato o scuro tendente al color mattone. Questo non significa molto ai fini diagnostici, in quanto il colore è determinato semplicemente dall'ossidazione e quindi dal tempo di permanenza nella vescica. Se si trattiene l'urina per molto tempo o si è bevuto poco, in caso di emazie si avrà una colorazione più scura mentre se si urina spesso l'eventuale perdita sarà più diluita, quindi rosata. Si tenga anche conto che il sangue è molto colorante e quindi l'effetto ottico può imbrogliare, facendo sembrare poche gocce una quantità notevole.
Test urine

Trebifarma Cystophyto Mangime Complementare in Pasta per Cani/Gatti - Supporto Renale/Urologico - 30 gr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,2€
(Risparmi 3,8€)


La causa più probabile di emazie nelle urine

Emazie nelle urine Nella stragrande maggioranza dei casi, soprattutto nelle donne e nelle bambine, un episodio acuto di emazie nelle urine, ossia scatenato con perdita di sangue durante la minzione senza sintomi di avvertimento è riconducibile ad una cistite. La cistite è una banale infezione delle vie urinarie, molto frequente nelle donne in età fertile e nelle donne in generale ma possibile anche negli uomini. In genere è sostenuta da batteri gram e può essere associata a bruciore, dolore pelvico, a volte febbre. La febbre è molto più riscontrabile negli episodi che riguardano i bambini o le persone già debilitate da diversa patologia. La cistite viene diagnosticata semplicemente sulla base dei sintomi, tendenzialmente minzione dolorosa e sanguinolenta. A seconda della gravità del caso e della severità dei sintomi il medico di base può decidere se prescrivere un antibiotico specifico o un semplice disinfettante del tratto urinario. A volte, prima di procedere con un trattamento farmacologico, si consiglia al paziente di attendere 24-36 ore impegnandosi a bere molta acqua, per tentare di ridurre l'infiammazione con la semplice diluizione delle urine e l'eliminazione naturale dei batteri.

  • Esami clinici Gli esami clinici sono uno strumento diagnostico fondamentale per capire cosa accade nel nostro organismo. E' bene tenere sempre sotto controllo la propria salute effettuando annualmente un esame del ...
  • Esempio di esame colposcopico Ogni anno sono molte le donne che si sottopongono a un esame colposcopico; questo esame viene effettuato in maniera rapida, in quanto non è prevista l'anestesia. Il suo scopo è prevenire e diagnostica...
  • Apparato urinario Gli eritrociti nelle urine non sono altro che emazie, nome alternativo dei globuli rossi, normalmente presenti nel sangue e che, di norma non finiscono nelle urine. Queste infatti contengono i prodott...
  • Funzionamento atto cardiaco L'elettrocardiogramma, o ECG, è un esame non invasivo e indolore che permette di registare il grafico del funzionamento elettrico del cuore in un arco di tempo di 1-2 minuti. Con questo esame è possib...

Psicologo. Casi clinici per la professione e l'esame di Stato

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,6€
(Risparmi 2,4€)


Altre possibili cause di emazie

Laboratorio Le emazie nelle urine, però, possono anche avere altre cause, seppur molto più a rare. Possono essere spia di un calcolo al rene e, in questo caso, il sanguinamento sarà accompagnato da fortissimi dolori a pelvi e schiena, tanto da dover ricorrere al pronto soccorso. In altri rari casi, una banale infezione potrebbe essersi estesa al rene ma anche in questa situazione i sintomi dolorosi sarebbero molto forti, lancinanti ed insopportabili. Nelle donne, durante il periodo mestruale, può essere difficile distinguere la normale perdita ematica da un'infezione urinaria con sangue. Se dovesse capitare di avvertire sintomi di difficoltà urinaria durante le mestruazioni è sempre meglio contattare il medico che potrebbe decidere di instaurare in ogni caso una terapia antibiotica. Durante un episodio acuto di sangue nelle urine difficilmente verrà fatto un esame. Di solito lo si esegue a terapia conclusa. Quando, invece, il sangue non è visibile ma viene riscontrato per caso in un esame delle urine di routine, il medico potrebbe sospettare un'anemia o una disfunzione della coagulazione e potrebbe richiedere esami del sangue di approfondimento.


Emazie nelle urine: Prevenzione

Tester per esame delle urine Prevenire la comparsa di emazie nelle urine non è sempre facile perché spesso, le infezioni urinarie, sono idiopatiche ossia non si può stabilire dove si siano prese e con quale modalità. Sicuramente una buona igiene, con un detergente neutro a ad azione antibatterica e norme igieniche elementari durante l'uso dei bagni pubblici e le pratiche sessuali sono un buon metodo per abbassare la percentuale di rischio. Importante è anche non usare biancheria sintetica o pantaloni troppo stretti e ricordarsi di bere almeno 2 litri d'acqua al giorno, per mantenere sempre il tratto urinario pulito e favorire la buona salute dei reni. In ogni caso, se dovesse capitare di vedere del sangue nelle proprie urine, è importante non allarmarsi e contattare tempestivamente il proprio medico di base che rassicurerà sul problema e deciderà come trattarlo. Le emazie nelle urine sono quasi sempre una patologia transitoria, non pericolosa e risolvibile in 3-4 giorni di trattamento farmacologico.



COMMENTI SULL' ARTICOLO