Eritrociti nelle urine

Ci cosa si tratta

Gli eritrociti nelle urine non sono altro che emazie, nome alternativo dei globuli rossi, normalmente presenti nel sangue e che, di norma non finiscono nelle urine. Queste infatti contengono i prodotti di scarto del metabolismo del circolo ematico operato dal rene, che, una volta filtrato il sangue fa defluire i prodotti metabolici trasformati in urea nella pelvi renale e poi, attraverso gli ureteri, nella vescica dove si accumula in attesa della minzione, che avviene attraverso l'uretra. Le urine, di norma e quando tutto funziona a dovere e si è in perfetta salute, hanno un colore giallo paglierino chiaro. Quando invece le urine si tingono di rosa, o rosso porpora, o addirittura assumono il colore del tè passando al rosso-bruno, vuol dire che in maniera più o meno consistente è presente del sangue e qualcosa non sta funzionando come dovrebbe. Gli eritrociti nelle urine però, possono anche non essere apprezzabili ad occhio nudo, e non incidere quindi sul normale colore. In questo caso solo l'esame al microscopio potrà rilevare la loro presenza attraverso un'indagine mirata.
Apparato urinario

Strisce analisi urine 10 parametri, strisce UTI per test bilirubina, sangue, glucosio, chetoni, leucociti, nitriti, pH, proteine e altro, per diabetici, cistifellea e problemi renali, 150 strisce

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,42€


Le possibili cause

Eritrociti urine Un'infezione della vescica, chiamata anche cistite acuta, che in genere provoca bruciore o dolore durante la minzione, o alcune malattie e infezioni del rene come le pielonefriti possono far riscontrare la presenza di eritrociti nelle urine. Anche i calcoli renali, che di solito provocano un dolore acuto al fianco o altre malattie renali, i tumori della vescica, della prostata e del rene hanno come effetto collaterale la presenza di emazie nelle urine. E, infine una caduta dalla bicicletta o uno sforzo eccessivo in palestra possono essere la causa temporanea della comparsa di sangue nelle urine. Non bisogna trascurare però di ricordare che oltre agli eritrociti vi sono altre sostanze che hanno l'attitudine a colorare di rosso le urine: alcuni farmaci, specifici coloranti alimentari e anche le barbabietole.

  • Esami clinici Gli esami clinici sono uno strumento diagnostico fondamentale per capire cosa accade nel nostro organismo. E' bene tenere sempre sotto controllo la propria salute effettuando annualmente un esame del ...
  • Contenitore di urine La coltura dell'urina serve per diagnosticare e identificare i batteri e i lieviti responsabili della contaminazione delle vie urinarie. In combinazione con l'esame urinocoltura il medico può richiede...
  • Esempio di esame colposcopico Ogni anno sono molte le donne che si sottopongono a un esame colposcopico; questo esame viene effettuato in maniera rapida, in quanto non è prevista l'anestesia. Il suo scopo è prevenire e diagnostica...
  • Funzionamento atto cardiaco L'elettrocardiogramma, o ECG, è un esame non invasivo e indolore che permette di registare il grafico del funzionamento elettrico del cuore in un arco di tempo di 1-2 minuti. Con questo esame è possib...

Siemens Multistix GP Stick per test urina, Confezione da 25

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,28€


L'indagine citologica

Urine ematuria confronto C'è un certo numero di esami clinici che serve a determinare la causa degli eritrociti nelle urine. Viceversa, quando le emazie non sono visibili ad occhio nudo, un certo numero di sintomi e la loro tipologia può portare il medico curante a richiedere esami più accurati e specifici. L'indagine citologica delle urine che viene effettuata con l'osservazione al microscopio delle cellule del sedimento basale del campione d'urina sottoposto a centrifugazione. Le urine, sebbene non siano un liquido cellulato, possono contenere cellule epiteliali provenienti dal rene o dalla vescica e che raccolgono durante il loro tragitto. Anche per questo è importante che l'esame venga effettuato sulle prime urine del mattino, che possono contenere un maggior numero di cellule organiche. Un bassissimo numero di eritrociti nelle urine è normale, così come è normale ritrovarne in numero cospicuo nella donna durante il periodo mestruale.


Eritrociti nelle urine: Esami a 360 gradi

Citoscopia vescica Se invece è già il colore delle urine a segnalare la presenza di eritrociti, una tomografia computerizzata o TAC potrà esaminare la struttura dei reni e dell'apparato urinario per accertare se si siano formati dei calcoli renali o altre anomalie nel rene, nell'uretere o nella vescica. Durante la prova viene iniettato in vena un liquido che ha il compito di evidenziare tali anomalie colorandole. In alternativa alla TAC, l'ecografia renale viene preferita nelle persone che sono allergiche al liquido di contrasto. L'ecografo infatti utilizza le onde sonore per creare un'immagine della struttura degli organi in esame. In alcuni casi può essere necessaria invece una citoscopia, che consiste nell'inserimento nella vescica di una telecamera tramite un tubicino e attraverso l'uretra. Viene applicato un gel paralizzante per diminuire il disagio ma l'esame è necessario quando si vuole un'indagine visiva del rivestimento della vescica e se viene riscontrato del tessuto anomalo viene prelevato un campione per la biopsia. La biopsia renale invece, quando è necessaria, si effettua con l'inserimento di un ago percutaneo e tramite sonda ecografica.



COMMENTI SULL' ARTICOLO