La glicemia a digiuno

L'esame della glicemia a digiuno

La glicemia a digiuno è un esame che permette di controllare il nostro metabolismo degli zuccheri. Una volta ingeriti, questi, a livello intestinale, vengono lavorati e scissi in molecole di glucosio ed entrano nel circolo sanguigno. Il test è sostanzialmente un semplice prelievo di sangue da una vena del braccio, che però deve essere inderogabilmente preceduto da un digiuno di almeno 12 ore; l'assunzione di cibo influisce notevolmente sull'esito dell'esame, poiché quello che vogliamo scoprire è proprio la quantità di glucosio presente nel nostro sangue. Questo può essere svolto in ambulatorio, in ospedale e ultimamente anche in alcune farmacie attrezzate. Chi si trova valori oltre la norma ha la possibilità di trovare sul mercato dispositivi elettronici capaci di monitorare semplicemente la glicemia, sia quella casuale che quella a digiuno.
controllo glicemia

Ascensia Diabetes Care Italy Contour Xt Glucometro e 10 strisce - 1 pezzo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,53€
(Risparmi 58,45€)


Valori

valori glicemia I valori considerati normali per l'esame della glicemia a digiuno per le persone sotto i 50 anni sono 60-110 mg/dl di glucosio nel sangue. Una glicemia che arriva fino a 125 mg/dl indica che può esserci un'alterata glicemia a digiuno (IFG); mentre valori superiori a 125 mg/dl indicano una possibile presenza di diabete. Se ci troviamo di fronte a quest'ultimo caso dobbiamo innanzitutto ripetere nuovamente il test, poiché non sono rare le volte in cui la persona non rispetta il digiuno di 12 ore precedente al test; se il valore si ripresenta tale si ha una diagnosi di diabete. Invece per valori sotto la soglia di 60 mg/dl abbiamo casi di ipoglicemia: questa può essere dovuta ad una cattiva alimentazione, ad una importante attività muscolare precedente il test, ad un digiuno prolungato o ad un abuso di alcol.

  • alimentazione e nutrimento Si è sempre parlato di alimentazione sana per evitare che il nostro organismo possa ritrovarsi con qualche problema anche mortale. La nostra salute arriva direttamente dal cibo e principalmente dalle ...
  • La frutta è una fonte di vitamine Secondo il modello di dieta maggiormente riconosciuto, quello della dieta Mediterranea, la frutta rappresenta un elemento indispensabile. Essa, infatti, è composta da una serie di sostanze chimiche ch...
  • Valutazione dell'indice glicemico miele L'indice glicemico (IG) degli alimenti misura la velocità con cui essi apportano zuccheri all'organismo. L'IG utilizza una scala da 0 a 100, con i valori più alti che si riferiscono agli alimenti che ...
  • Misuratore glicemia Quando ci si rivolge ad un medico per farsi prescrivere le analisi del sangue, tra le voci è inclusa anche la glicemia. Con il termine glicemia s'intende la concentrazione di glucosio presente nel san...

Diario Della Glicemia: Diario per Diabetici. Annota i tuoi valori di Autocontrollo della Glicemia: Schede Settimanali con spazi giornalieri per annotare i pasti ed i valori glicemici. 53 Schede.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Zuccheri buoni o cattivi?

Dieta per glicemia alta C'è sempre una maggiore propaganda negativa riguardo agli zuccheri; vengono indicati come i principali attori delle più comuni malattie derivate dall'alimentazione. Spesso invece ci scordiamo dell'importanza dei carboidrati (cioè degli zuccheri) nella nostra dieta mediterranea, quella più volte definita come la più equilibrata. Possiamo dividere gli zuccheri in due categorie: - gli zuccheri buoni: sono molecole complesse, legate ad altri nutrienti, come vitamine e sali minerali, che vengono assorbite lentamente dal nostro organismo, quindi sono accessibili per più tempo; li troviamo nelle verdure, nella frutta, nella pasta e nel riso. - gli zuccheri cattivi: sono molecole semplici che danno un'energia maggiore e istantanea poiché vengono assorbite molto velocemente; se però questa energia non fosse utilizzata, il nostro corpo immagazzina lo zucchero assorbito sotto forma di glicogeno e sopratutto di grassi; gli zuccheri cattivi li troviamo nello zucchero da cucina, nei dolci e nelle bevande gassate. E' bene quindi prestare attenzione al cibo che consumiamo, variare la dieta per equilibrare l'apporto di zuccheri: l'esame della glicemia a digiuno ci aiuta a capire se questo equilibrio viene mantenuto.


La glicemia a digiuno: Cause e conseguenze dell'iperglicemia

diabete-glicemia-zuccheri Il problema che più comunemente si riscontra nell'esame della glicemia a digiuno è l'iperglicemia: le cause principali di questa patologia sono il diabete, lo stress, l'uso di farmaci (ad esempio i betabloccanti) e le malattie della tiroide. Le conseguenze sono molteplici, si possono verificare malattie cardiovascolari e nervose, nefriti, obesità, che è un problema sempre più attuale, e persino cancro: molti studi sostengono che l'iperglicemia abbia un ruolo importante negli stati infiammatori, esordi dei tumori. Dobbiamo dunque dare una grande importanza all'esame della glicemia a digiuno: nella sua relativa semplicità di esecuzione, offre grande accuratezza e affidabile previsione delle maggiori patologie che colpiscono la popolazione di oggi.Per tali motivi la sanità pubblica incentiva sempre più questo esame clinico: un suo maggior utilizzo, non solo diminuirebbe l'incidenza delle patologie collegate alla glicemia, ma diminuirebbe anche i costi sanitari ad esse collegate.



COMMENTI SULL' ARTICOLO