Paracetamolo

Come combattere efficacemente raffeddore e influenza

Considerato tra i farmaci analgesici e antipiretici più semplici da utilizzare in caso di influenza, di stati febbrili o di semplici affezioni da raffreddamento, il paracetamolo ha un'azione molto simile a quella dell'acido acetilsalicilico, contenuto nella comune aspirina, pur potendo essere assunto anche in tutti quei casi in cui l'uso dell'aspirina stessa appare controindicato. Il paracetamolo, infatti, a differenza degli acidi deboli, assorbiti troppo facilmente dallo stomaco e considerati potenzialmente tossici, soprattutto se utilizzati a lungo termine e con costanza, non rappresenta alcun pericolo per le mucose gastriche o per i reni. Di tal guisa, esso può essere assunto senza apprezzabili controindicazioni anche dai pazienti affetti da disidratazione o insufficienza renale, da nefropatia e da ulcera gastroduodenale cronica.
Compresse paracetamolo

Paracetamolo [Explicit]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Come nasce il paracetamolo? Storia e curiosità

influenza paracetamolo Utilizzato con frequenza a partire dagli anni Cinquanta del XX secolo, il paracetamolo ha alle spalle una storia davvero curiosa. Per curare le affezioni respiratorie, febbre e dolori osteoarticolari, infatti, si utilizzava un farmaco chiamato acetanilide, conosciuto con il nome di "antifebbrina". Intorno al 1886 due medici, di nome Cahn e Hepp, erano alle prese con il naftalene, per saggiarne il potenziale curativo e somministralo ad un paziente affetto da diverse tipologie. Essi, però, utilizzarono per errore un altro composto che, successivamente, fu identificato come acetanilide che, effettivamente, era in grado di apportare diversi benefici alla salute. Grazie a Carl Duisberg, direttore della Bayer e alla sintetizzazione di una sostanza definita fenacetina, si ottenne una sorta di "prototipo" dell'attuale paracetamolo, senza gli effetti tossici derivati dalla fenacetina.

  • mal di gola L’autunno è arrivato, le temperature si sono abbassate notevolmente e il freddo inizia a farsi sentire. E con la nuova stagione ormai avviata, arrivano anche i primi sintomi da raffreddamento, dovuti ...
  • Mal di gola frequente Il mal di gola è il nome comunemente associato alla faringite, l'infiammazione che interessa il tubo muscolare che permette il passaggio del cibo verso l'esofago e dell'aria verso i polmoni. Il mal di...
  • Compresse L'aspirina è un antinfiammatorio che allevia diversi dolori. L'acido acetilsalicilico contenuto nel medicinale viene utilizzato come analgesico. Se da una parte lenisce il dolore, dall'altra non cura ...
  • Mesalazina ulcera colite La mesalazina è un Fans, un farmaco antinfiammatorio di tipo non steroideo che svolge la sua azione sull'apparato digerente, in particolare nel tratto gastrointestinale. È indicato per il trattamento ...

Tachipirina®, paracetamolo e altri farmaci per abbassare la febbre. Sì o no?

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,33€
(Risparmi 1,47€)


Come assumere il paracetamolo e modalità d'impiego

Il paracetamolo per combattere la febbre Definito anche acetaminofene, il paracetamolo è considerato un farmaco antipiretico e analgesico decisamente sicuro, da poter somministrare, ovviamente con dosaggi particolari e controllati, anche ai neonati. Pur potendo essere assunto per combattere affezioni di tipo artritico e muscoloscheletrico, il paracetamolo non rientra assolutamente nella sfera degli antinfiammatori, bensì in quella degli analgesici e, pertanto, in grado di combattere il dolore. Derivato dal processo di acetilazione del para-amminofenolo, il paracetamolo può essere assunto per via orale o rettale, ma anche in via parenterale, ovvero in via intradermica, sottocutanea o intramuscolare. Utile per combattere mialgie, raffreddamenti, dolori mestruali, mal di testa e dolori articolari, il paracetamolo può essere assunto, dagli adulti, nella quantità di 500-1000 mg giornalieri a seconda dei casi.


Paracetamolo: Controindicazioni, effetti collaterali e altre avvertenze

Paracetamolo mal di testa Pur essendo un farmaco decisamente sicuro, il paracetamolo va assunto con moderazione dai pazienti che presentano talune malattie croniche, i cui farmaci potrebbero interferire con il paracetamolo stesso. In particolare, esso deve essere somministrato con cautela e sotto stretto controllo medico ai pazienti affetti da patologie al fegato, a coloro che soffrono di anemia emolitica e a chi soffre di ipovolemia e cachessia. Inoltre, il paracetamolo va assunto con particolare cautela da chi soffre di disturbi alimentari, anoressia e bulimia in primis, da chi ha sofferto o soffre per disturbi legati all'assunzione di alcolici o sostanze stupefacenti e, infine, da chi fa uso di farmaci oppiacei. Sebbene la casistica sia davvero scarna, tra gli effetti collaterali si annoverano shock anafilattico, anemia, edema, orticaria e ematuria.



COMMENTI SULL' ARTICOLO