Mononucleosi infettiva

Che cos'è la mononucleosi infettiva

La mononucleosi infettiva è un’infezione virale acuta che viene accompagnata da febbre alta, mal di gola e un notevole ingrossamento dei linfonodi, in particolare di quelli del collo. Per questo motivo la mononucleosi infettiva viene chiamata anche febbre ghiandolare di Pfeiffer. Un altro nome con cui è conosciuta questa patologia è malattia del bacio: infatti si trasmette molto facilmente con la trasmissione della saliva. Di conseguenza è facilissima la trasmissione del citomegalovirus oppure del virus di Epstein-Barr: sono questi a provocare la malattia e appartengono entrambi agli herpes virus, caratterizzandosi per le stesse modalità di diffusione. Infatti, proprio come accade nel caso dell'herpes, è sufficiente un bacio per trasmettere il virus da una persona all'altra. Per questo è necessario fare attenzione, soprattutto se si riscontra una fase epidemica.
mononucleosi

Reversing Infectious Mononucleosis The Raw Vegan Detoxification & Regeneration Workbook for Curing Patients

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,14€


Cosa bisogna tenere a mente

Donna affetta da mononucleosi Anche se i virus che la causano sono facilmente trasmissibili, è bene ricordare che la mononucleosi infettiva compare solo se il soggetto viene a contatto per la prima volta con il virus a un'età in cui il sistema immunitario è molto efficiente, cioè durante l'adolescenza o all'inizio della vita adulta. Infatti la malattia colpisce i linfociti di tipo B in quanto cellule mononucleate. Nei Paesi industrializzati si ha la massima incidenza nell’adolescenza, quando i soggetti hanno 15-17 anni; al contrario nei Paesi in via di sviluppo vengono colpiti per lo più i bambini sotto i 5 anni. Una volta che il virus ha colpito l'organismo, attacca i linfociti, li infetta e si moltiplica, facendoli diventare atipici. Il decorso acuto ha una durata variabile e può andare dalle 4 alle 6 settimane a seconda dei casi.

  • La mononucleosi, o Quando si parla di mononucleosi, si fa riferimento a una malattia infettiva altamente contagiosa, causata da un virus (di Epstein-Barr) che porta, tra gli altri sintomi, a una infiammazione delle vie ...
  • Mononucleosi: la malattia del bacio Fin dalla comparsa dei primi sintomi della mononucleosi infettiva è buona cosa cercare di capire come si è stati contagiati. Se viene chiamata malattia del bacio un motivo c’è: essa si diffonde attrav...
  • La mononucleosi è la malattia del bacio La mononucleosi è una malattia infettiva non pericolosa causata dal contagio con il virus di Epstein-Barr. Ha un decorso di circa 4-6 settimane, colpisce i linfociti B e si trasmette attraverso lo sca...
  • Malattia del bacio La mononucleosi è una malattia infettiva causata dall'agente virale EPSTEIN-BARR il quale colpisce i linfociti c. Nel gergo popolare viene chiamata "malattia del bacio" poiché il principale mezzo di t...

Navaris fontanella Ciotola Acqua per Gatti Uccelli - con Filtro Removibile Pompa sommergibile e Alimentatore - Fontana silenziosa per Cani e Animali Domestici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27,4€


Quali sono i sintomi della mononucleosi infettiva

Linfonodi del collo gonfi I sintomi della mononucleosi infettiva sono classici, in quanto la malattia si manifesta subito con febbre e cefalea di intensità più o meno forte. In seguito i linfonodi del collo, dell’inguine e delle ascelle si ingrossano e diventano tumefatti; infine l’ingrossamento dei linfonodi del collo si trasforma in tonsillite e causa un forte mal di gola. L’infiammazione delle tonsille diventa a sua volta un ostacolo per la deglutizione, mentre solo in pochi casi la respirazione diventa difficoltosa. Occasionalmente può verificarsi in un lieve danno epatico che per alcuni giorni provoca ittero. Si tratta di una complicazione nel decorso della mononucleosi infettiva e nella metà dei casi può diventare grave se la milza si ingrossa. Infatti possono verificarsi emorragie e il conseguente shock ipovolemico del paziente; se il medico avverte l’ingrossamento delle milza è bene intervenire in maniera tempestiva. Le complicazioni della malattia avvengono nel 5% dei casi e possono riguardare anche l’anemia.


Mononucleosi infettiva: Il decorso e il trattamento della mononucleosi infettiva

Esempio di mononucleosi infettiva Quasi tutti i pazienti guariscono senza dover assumere farmaci dopo 4-6 settimane. Se si somministra erroneamente l'antibiotico ampicillina si può causare l’aggravamento dei sintomi e un’eruzione cutanea. Bisogna rimanere a riposo per circa un mese per consentire al sistema immunitario di combattere e debellare il virus. In casi rari, quando l’infiammazione dei linfonodi è veramente grave, è necessario assumere farmaci corticosteroidi, in modo da facilitare la respirazione. Spesso, dopo la guarigione, per 2-3 mesi, il paziente si sente depresso, privo di energie e assonnato durante il giorno. Tuttavia nella maggior parte degli individui che presentano cronicamente facile affaticabilità le prove di laboratorio non confermano la diagnosi. Spesso la diagnosi risulta evidente in base ai sintomi e ai risultati di uno striscio ematico che evidenzia numerosi linfociti atipici. Può essere eseguito anche un test specifico per l'infezione, la prova per gli anticorpi eterofili, con cui vengono ricercati gli anticorpi, che possiedono la capacità unica di provocare l'aggregazione di globuli rossi di sangue di montone.



COMMENTI SULL' ARTICOLO