Mononucleosi sintomi

Che cos'è la mononucleosi?

La mononucleosi è una malattia infettiva non pericolosa causata dal contagio con il virus di Epstein-Barr. Ha un decorso di circa 4-6 settimane, colpisce i linfociti B e si trasmette attraverso lo scambio diretto di saliva. Per questo motivo è anche nota come malattia del bacio. Colpisce prettamente bambini e adolescenti, in particolare nell'Occidente. Per diagnosticarla è sufficiente un'analisi del sangue, facendo attenzione ai valori delle cellule linfomonocitoidi e dei virociti. Se dall'analisi di emocromo e formula non dovessero emergere segnali della mononucleosi, si può procedere al test di Paul-Bunnell attraverso il quale si ricerca nel sangue la presenza di anticorpi caratteristici della mononucleosi. Arrivare a capire se si è affetti da quest'infezione è difficile visto che i sintomi della mononucleosi sono associabili ad una comune influenza: la mononucleosi causa infatti febbre, stanchezza, ghiandole gonfie e globuli bianchi alti. La cura consiste in farmaci antivirali, antipiretici, riposo e abbondante idratazione. La mortalità è molto bassa ed è legata a complicanze, davvero remote, al fegato e ai reni.
La mononucleosi è la malattia del bacio

Neuropatie uciskowe nerwow konczyny gornej

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,04€


Mononucleosi sintomi comuni: febbre e stanchezza

mononucleosi febbre I sintomi della mononucleosi non sono specifici: sono infatti associabili ad una comune influenza o ad un raffreddore e compaiono nel 90% dei casi molto tardi, a partire dai 30-60 giorni dopo il contagio con il virus di Epstein-Barr negli adulti e dopo 10-15 giorni nei bambini. I sintomi più comuni della mononucleosi sono la febbre, la stanchezza, l'astenia, un malessere diffuso, ricorrenti cefalee, nausea e vomito. L'esordio della malattia è con la febbre, anche alta, con punte di 39 e 40 gradi per due settimane di fila. I sintomi della mononucleosi sono persistenti e resistono per almeno 4-6 settimane, per cui la terapia comune consiste nella somministrazione di farmaci antivirali di ultima generazione e di farmaci antipiretici: gli antivirali impediscono la replicazione dell'infezione mentre gli antipiretici aiutano ad abbassare la febbre. Per combattere il sintomo dell'astenia si possono assumere antidolorifici blandi come la tachipirina. Nei casi più gravi si può ricorrere ad una cura di antibiotici per contenere la mononucleosi ma è assolutamente vietato il fai da te: è il medico di base a stabilire la gravità dell'infezione e a prescrivere la cura.

  • Malattia del bacio La mononucleosi è una malattia infettiva causata dall'agente virale EPSTEIN-BARR il quale colpisce i linfociti c. Nel gergo popolare viene chiamata "malattia del bacio" poiché il principale mezzo di t...
  • La mononucleosi, o Quando si parla di mononucleosi, si fa riferimento a una malattia infettiva altamente contagiosa, causata da un virus (di Epstein-Barr) che porta, tra gli altri sintomi, a una infiammazione delle vie ...
  • Mononucleosi: la malattia del bacio Fin dalla comparsa dei primi sintomi della mononucleosi infettiva è buona cosa cercare di capire come si è stati contagiati. Se viene chiamata malattia del bacio un motivo c’è: essa si diffonde attrav...
  • mononucleosi La mononucleosi infettiva è un’infezione virale acuta che viene accompagnata da febbre alta, mal di gola e un notevole ingrossamento dei linfonodi, in particolare di quelli del collo. Per questo motiv...

®aHeal - (Formato 1) - Cintura Inguinale Per Ernia - Qualità Europea /Garantito il Ritorno al 100%

Prezzo: in offerta su Amazon a: 42,5€


Sintomi comuni della mononucleosi: la tonsillite

Tonsillite mononucleosi Tra i sintomi comuni della mononucleosi c'è la tonsillite: tonsilliti e faringotonsillite possono insorgere dalla seconda settimana di decorso comportando la presenza di lesioni petecchiali a livello della giunzione tra il palato molle e il palato duro. La tonsillite e la faringotonsillite da mononucleosi comportano l'insorgere di tonsille arrossate e gonfie, la comparsa di macchie bianche o gialle sulle tonsille, gonfiori e rigidità al collo, mal di gola persistente, tosse, occhi infiammati, dolori corporei, otalgia e congestioni nasali. Un altro sintomo comune della mononucleosi è la linfoadenopatia, ovvero l'ingrossamento dei linfonodi del collo: la zona appare dura e difficile da trattare per 4-6 settimane. Tra i sintomi meno comuni ci sono poi gli esantemi da mononucleosi: si tratta di eruzioni cutanee che si presentano sotto forma di rush, pustole, vescicole e bolle, difficili da trattare e fastidiosi. Per questi sintomi da mononucleosi la terapia consiste nel riposo e nella somministrazione di analgesici e antipiretici che contribuiscono a combattere i dolori, il mal di gola e la tosse.


Complicanze gravi

mononucleosi complicazioni In casi rari l'infezione da mononucleosi può generare in complicanze gravissime e causare la morte ma è scientificamente provato che il decesso del paziente è sempre legato alla presenza di patologie pregresse non curate a dovere o impossibili da curare. La mononucleosi infettiva può portare alla rottura della milza e costringere il paziente a sottoporsi ad una splenotomia d'urgenza che può anche provocare la morte. Se il malato di mononucleosi è anche affetto da anemia, si può incorrere in una sovrainfezione batterica della regione faringo-tonsillare che va combattuta con antibiotici e penicilline. Rarissime ma possibili patologie collaterali della mononucleosi sono anche la meningite a liquor limpido da mononucleosi e l'encefalite: entrambe possono portare alla morte del paziente. Anche il fegato può essere danneggiato alla mononucleosi con un'epatite fulminante, in particolare in presenza di gravi immunodeficienze pregresse. Altre rare complicanze della monucleosi sono l'orchite, la miocardite, la pericardite e l'ulcera genitale: la letteratura medica parla di un'incidenza del 2% dei casi totali, con una mortalità della mononucleosi stimata nell'1% dei casi.




COMMENTI SULL' ARTICOLO