Tipi di epatite

L'epatite virale: sintomi, cause e cura

L'epatite virale è un'infiammazione del fegato: le cellule del fegato vengono intaccate da un virus epatotropo che può essere acuto o cronico e può provocarne la necrosi. Il virus responsabile dell'epatite virale è quello di Epstein-Barr che comporta l'insorgere della mononucleosi infettiva ma ci sono anche altri agenti virali come il Citomegalovirus, il virus Herpes simplex, il virus varicella-zoster, il gruppo coxsackie, il virus della febbre gialla. Sono sei i tipi di epatite virale che al momento non sono state ancora debellate: l'epatite A, B, C, D, E e G. Questa malattia comporta vomito, febbre e forte nausea: dopo le prime settimane c'è la fase dell'ittero, con la pelle e l'occhio che diventano gialli per effetto dell'aumento della bilirubina nel fegato e dell'aumento delle transaminasi. Normalmente, quando non ci sono complicazioni, l'epatite virale guarisce in tre mesi: i sintomi rientrano nei primi due mesi fino alla completa regressione del virus. La diagnosi avviene attraverso un semplice prelievo di sangue.
Ittero sintomo epatite

Sterilizzatori Piccola Cabina di Disinfezione per Uso Domestico Controllo Intelligente della Temperatura Cabina per Disinfezione Estetica Mobile per Disinfezione degli Asciugamani Verticali

Prezzo: in offerta su Amazon a: 429,78€


Sintomi di ogni tipologia

Epatite pelle gialla L'epatite A comporta sintomi come nausea, vomito, diarrea, pelle gialla, febbre e dolore addominale: si contrae per via oro-fecale, attraverso cibo, saliva o oggetti contaminati ma i principali agenti di contagio sono senz'altro cibi come i molluschi o le feci infette. L'epatite B invece è causata dalla contrazione del virus HBV: è detta anche epatite da siero perché si trasmette attraverso il contatto con sangue e fluidi corporei infetti come sperma e liquidi vaginali. L'epatite B provoca ittero, pelle gialla, inappetenza, dolori muscolari, febbre e urine scure. L'epatite C colpisce il fegato ed è legata al virus dell'Hepatitis C: si diffonde attraverso sangue infetto ed è legata all'uso di droghe endovena, conduce alla cirrosi epatica e alla morte. L'epatite D è causata dal virus delta ed è legata all'epatite B, quella di tipo alimentare mentre invece l'epatite E comporta anoressia, artralgia e diarrea. Infine l'epatite G è una malattia venerea sessualmente trasmissibile.

  • malattie fegato La cirrosi è una malattia del fegato causata da un danno cronico alle cellule dell'organo. In pratica strati di tessuto fibrotico cicatriziale interrompono la struttura interna del fegato. Le cellule ...
  • Persona colpita epatite L'epatite viene definita come un'infiammazione del fegato, provocata dalla morte oppure dal danneggiamento delle cellule epatiche. In genere questa patologia è causata soprattutto da un'infezione vira...
  • Occhio con ittero L'epatite B è un'infezione del fegato causata dal virus HBV che può avere conseguenze anche gravi. Può presentarsi in forma acuta e risolversi nel giro di 6 mesi circa oppure cronica e diventare perma...
  • Esami del sangue per controllare le transaminasi Le transaminasi, o aminotransferasi, sono enzimi indispensabili per la sintesi degli amminoacidi. Si trovano principalmente nel fegato, in parte anche nei muscoli scheletrici striati e nel cuore. Veng...

Zeerkeer Disinfezione Spazzolino Box Sterilizzatore, Testa Spazzolino Sterilizzatore, LED Luce UV Spazzolino Case, Spazzolino per Pulizia, Spazzola Supporto per Uso Domestico Rosa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22€


Diagnosi attraverso esami del sangue

Analisi sangue L'epatite, che sia virale o cronica, di tipo A,B, C, D, E o G, si rileva attraverso delle comuni analisi del sangue: questa malattia comporta infatti un rapido aumento delle transaminasi che viene subito fuori dai quadri dell'emocromo e formula. Un'altra spia della presenza dell'epatite è la Ves alta: un valore anomalo di questo indicatore del sangue attesta, infatti, il processo infiammatorio in corso. Ma la diagnosi dell'epatite è spesso complicata da raggiungere: i sintomi dei vari tipi di epatite sono simili a quelli di molte altre malattie generiche. Pertanto è sempre bene consultare il proprio medico di base per far valutare il risultato delle analisi del sangue e se necessario prescrivere esami ulteriori. Nei casi più gravi è indispensabile una biopsia epatica per capire se ci sono stati danni al fegato o un test dell'Hiv e dell'Aids, in caso di contrazione dell'epatite per via venerea. Esistono anche test specifici per capire se abbiamo contratto il virus: il più diffuso è il test di Epstein-Barr per la mononucleosi infettiva.


Tipi di epatite: Rimedi e prevenzione

Vaccino anti epatite Purtroppo allo stato attuale non esiste un trattamento specifico per le varie tipologie di epatite ma soltanto alcuni suggerimenti medici da seguire alla lettera. Per le epatiti alimentari di tipo A si raccomanda riposo e non assumere cibi grassi e bevande alcoliche. Esiste anche un vaccino contro l'epatite A ma gli effetti non sono clinicamente testati: si suggerisce in ogni caso di vaccinarsi come profilassi preventiva. La mortalità per epatite A è molto bassa, intorno allo 0,1%. Per l'epatite C la cura è orale: esistono farmaci che riducono i sintomi, alleviano il dolore e aiutano la regressione della malattia se presa in tempo. Anche per l'epatite B c'è un vaccino da fare come terapia preventiva. Le epatiti croniche non richiedono cura: il virus fa il suo decorso, sprigiona tutta la sua carica infiammatoria e dopo circa 2 mesi scompare grazie ai nostri anticorpi naturali. Questo ragionamento è valido soltanto nei casi in cui l'epatite non abbia ancora intaccato, più o meno seriamente, il fegato e le vie biliari: in quel caso contattate un epatologo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO