calcolosi biliare

Che cos’è la calcolosi biliare e le caratteristiche

La calcolosi biliare è una patologia che comporta la formazione di ammassi rotondi oppure di forma ovale, lisci oppure sfaccettati: vengono chiamati in questo modo perché spesso compaiono nelle vie biliari che collegano la colecisti e il fegato al duodeno, situazione che può portare a sintomi gravi. Molto più frequentemente sono originati dall’accumulo delle sostanze presenti nella colecisti. La calcolosi biliare può caratterizzarsi per la presenza da 1 a 10 e più calcoli, le cui dimensioni vanno da 1 ai 25 mm di diametro. Inoltre gli ammassi possono essere di diverso tipo: quelli più comuni sono formati soprattutto da colesterolo, ma altri presentano un elevato contenuto di calcio oppure di pigmenti biliari. Alcuni fattori di rischio sono collegati ad abitudini alimentari scorrette, come l’assunzione di troppi grassi e zuccheri. Anche per questo è bene non superare il proprio peso forma. Alcuni specialisti consigliano di consumare una notevole quantità di fibre e di bere un bicchiere di vino al giorno perché tra i naturali solventi dei grassi si ricorda anche l’alcol.
Esempio di calcolosi biliare

Controversie sulla calcolosi della via biliare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,79€


Quando può comparire la calcolosi biliare

Esempio di calcoli biliari Esistono diverse situazioni che possono comportare l’insorgere della calcolosi biliare: infatti questi ammassi si formano quando la composizione chimica della bile è alternata. Ad esempio è possibile che il fegato aggiunga troppo colesterolo durante la sintetizzazione della bile (è il caso degli obesi) oppure una quantità insufficiente di sostanze detergenti, così da non riuscire ad eliminare gran parte del colesterolo. Quando la bile ha un contenuto troppo elevato di colesterolo può formarsi un grumo le cui dimensioni aumentano man mano che il materiale si solidifica, costituendo un calcolo. Esistono altri fattori che possono avviare questo processo oppure favorirlo, come un digiuno prolungato: infatti questo comportamento provoca un ristagno della bile nella colecisti. Al tempo stesso il rischio di calcolosi biliare aumenta con il passare degli anni, le persone sovrappeso e le donne sono molto più colpite rispetto agli uomini.

  • Calcoli biliari dolore I calcoli alla colecisti, o colelitiasi, sono delle formazioni solide che si formano all'interno della cistifellea. In questo organo, infatti, è contenuta la bile, un liquido che, quando necessario, g...
  • Posizione fegato corpo La bilirubina è uno dei maggiori campanelli d'allarme per i malfunzionamenti del fegato. Si tratta, infatti, di una sostanza di scarto naturalmente presente nel nostro organismo entro range adeguati, ...
  • Calcolo biliare Calcoli cistifellea dieta, quale alimentazione seguire se nella cistifellea sono presenti calcoli biliari ? Si scopre di avere i calcoli biliari in maniera casuale. È sufficiente sottoporsi ad un'ecog...
  • bendaggio alluce L’alluce valgo è una patologia del piede, una delle più comuni. Si presenta con una deformità del primo dito, il metatarso, che tende a sporgere e spostarsi verso le altre dita, mentre sul lato intern...

SHISHANG Massaggio Chair 28 Massaggio a sfera di massaggio del gruppo Massaggio cuscino (battito / ipertermia / massaggio / impastatura / funzione di terapia magnetica) (LEG / hip / collo / testa / vita / schiena / piede)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 230€


Quali sono i sintomi e la terapia della calcolosi

Calcoli biliari irregolari Nella maggior parte dei casi la calcolosi biliare è una condizione asintomatica, in quanto soltanto il 20% delle persone presenta segni oppure complicanze. Tuttavia i sintomi si verificano soltanto se un calcolo ostruisce il dotto di deflusso della colecisti: in questo caso si verifica una colica biliare e, di conseguenza, la persona può essere colpita da vomito e da un senso di malessere generale. Complicazioni possibili difficoltà digestiva, colecistite, ittero e ostruzione del dotto biliare. Nel 95% dei casi si diagnostica la calcolosi biliare con una semplice ecografia oppure la colecistografia, esame radiologico in cui si somministra per bocca o in vena un mezzo di contrasto iodato. A volte vengono effettuati anche degli esami del sangue. Se la calcolosi biliare è asintomatica si può decidere di non rimuovere i calcoli; in caso contrario si esegue una colecistectomia oppure una litotripsia.


Alcuni tipi di nuove terapie e la prognosi

Fegato affetto da calcolosi Negli ultimi anni sono state messe a punto terapie alternative per curare la calcolosi biliare: in alcuni casi, soprattutto in presenza di calcoli piccoli e non calcificati, si prescrive una terapia farmacologica. Ad esempio si assumono compresse di acido chenodesossicolico o di acido ursodesossicolico che possono sciogliere gli ammassi formatosi nell'arco di vari mesi oppure di anni. In questi casi, tuttavia, è necessario effettuare periodiche radiografie o ecografie della colecisti per verificare i progressi. Inoltre è bene eseguire anche ecografie di controllo negli anni successivi perché nella metà circa dei casi i calcoli ricompaiono una volta sospeso il farmaco. Altre soluzioni comportano la messa a punto di una litotripsia extracorporea a onda d'urto oppure l’uso di un sondino per infondere una soluzione che sciolga il colesterolo.




COMMENTI SULL' ARTICOLO