Aminoacidi ramificati fanno male

Natura chimica degli integratori a base di aminoacidi ramificati

Scientificamente il termine integratore a base di aminoacidi ramificati si riferisce a quegli integratori contenenti i tre amminoacidi: Leucina, Isoleucina e Valina. Biologicamente gli aminoacidi sono gli elementi con i quali le cellule del nostro corpo costruiscono le proteine. Queste ultime svolgono innumerevoli funzioni nel nostro organismo contribuendo alla struttura delle cellule ed alla loro attività. Leucina, isoleucina e valina condividono una catena laterale ramificata. La loro assunzione stimola la produzione di proteine da parte delle cellule. La comparsa di integratori alimentari a base di amminoacidi risale alla fine del secolo scorso. I primi integratori arrivati sul mercato però contenevano tutta la gamma degli amminoacidi naturali. Solo da qualche anno, invece, sono comparsi sul mercato integratori contenenti esclusivamente i tre aminoacidi ramificati. Agendo specificamente sulle cellule muscolari, questi integratori favoriscono il recupero e la rigenerazione muscolare.
Gli integratori a base di amminoacidi ramificati

BCAA Compressa 1000mg - 425 Compresse - Dose Giornaliera 3000mg - Scorta Per 141 Giorni - Integratore Di Amminoacidi A Catena Ramificata 2:1:1 Con Aggiunta Di Vitamina B6 - BCAA Prodotti In UK - Gli Ingredienti Includono L-leucina, L-isoleucina, L-valina E Vitamina B6 Xellerate Nutrition

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,97€
(Risparmi 23,81€)


Integratori a base di aminoacidi ramificati

Come funzionano integratori alimentari aminoacidi ramificati Quando un integratore alimentare diventa famoso tra i culturisti c'è un'immediata e spasmodica corsa di dottori e fisiatri a raccontarne gli effetti collaterali. Ciò che i dottori affermano è che questi amminoacidi ramificati sono naturalmente presenti nella nostra dieta. Leucina, isoleucina e valina sono già presenti in carne ed uova e, per di più, in quantità paragonabili a quelle assunte con gli integratori. Il loro uso sotto forma di integratore è quindi inutile quando la dieta risulta, già di per sè, bilanciata. Il rischio è quindi quello di immettere nel nostro corpo eccessive dosi di questi tre aminoacidi assumendoli sia sotto forma di dieta iperproteica sia sotto forma di integratore alimentare. Mentre questa eccessiva assunzione di aminoacidi ramificati può non essere dannosa per persone che si sottopongono a performance e prestazioni atletiche elevate, la stessa può causare effetti collaterali anche gravi a quelle persone che non fanno un continuo e regolare esercizio fisico.

  • integratori alimentari Molti sportivi tendono ad assumere determinati integratori alimentari al fine di consentire al proprio organismo le giuste sostanze per il corretto funzionamento. Chiaramente chi pratica molta attivit...
  • olio di fegato di merluzzo in capsule L’olio di fegato di merluzzo viene ricavato dal fegato del merluzzo ed è un olio giallognolo dal sapore alquanto disgustoso. Dopo una raffinazione, l’olio direttamente ricavato dal fegato del merluz...
  • integratori alimentari L'alimentazione deve garantire solitamente all'organismo umano tutti gli elementi nutritivi di cui necessita, quando però ciò non avviene sempre, ecco che possono emergere alcuni problemi fisici. Non ...
  • integratori in capsule L’organismo umano è una macchina composta di tanti delicatissimi ingranaggi, che ne determinano il funzionamento. Il corpo, necessita di una serie di sostanze che combinate insieme, attivano il funzio...

L-ARGININA AD ALTO DOSAGGIO, 360 capsule per 3 mesi, prodotto tedesco di qualità, indicato per chi soffre di allergie, ora ad un prezzo promozionale e resa gratuita entro 30 giorni!

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,87€
(Risparmi 22,63€)


Aminoacidi ramificati fanno male

Gli integratori a base di amminoacidi ramificati Gli integratori a base di aminoacidi ramificati sono stati prescritti a pazienti affetti da quelle patologie (come il cancro) associate alla perdita del tono muscolare o alla perdita di appetito. Alcuni dottori però informano che in questi casi e per queste patologie gli aminoacidi ramificati fanno male. In questi pazienti la loro assunzione ha infatti aumentato i sintomi associati alle encefalopatia epatica o alla dischinesia tardiva. Non andrebbero assunti in gravidanza o durante l'allattamento. Inoltre questi integratori interferiscono con l'azione degli antidiabetici, dei farmaci anti-Parkinson, dei farmaci corticosteroidei, degli ormoni tiroidei e della diazoxide. L'aumento dei livelli ematici di aminoacidi ramificati ha un effetto dannoso sui reni ed affaticandoli può provocarne il collasso. La somministrazione di supplementi alimentari contenenti aminoacidi ramificati deve essere prescritta da un dottore e l'assunzione deve essere fatta sotto continua supervisione medica.


Fare chiarezza

integratori alimentari L'assunzione eccessiva di integratori a base di aminoacidi ramificati può far male se i livelli ematici di quest'ultimi supera i livelli soglia. Ma non bisogna da ciò dedurre che le proteine alimentari facciano male. Anzi, una dieta ricca di proteine fa molto bene soprattutto alle persone anziane ed ai bambini. La nostra dieta quando è bilanciata ci fornisce già l'ammontare necessario di amminoacidi di cui abbiamo bisogno. Carne, pesce, uova e formaggi sono già ricchissimi di aminoacidi ramificati. Assumere, dunque, una piccola quantità giornaliera di questi alimenti sarà sufficiente a mantenere i livelli ematici di aminoacidi ramificati nel range opportuno. Per i vegetariani ed i vegani, le fonti principali di aminoacidi ramificati si trovano nei legumi, in particolare in fagioli, lenticchie e ceci. Quindi sì alle proteine nella dieta, ma non all'uso eccessivo e non controllato di integratori alimentari a base di aminoacidi ramificati.




COMMENTI SULL' ARTICOLO